È normale?

Mentre lentamente cominciavo a risvegliarmi, nella luce fioca della camera da letto vidi una piccola figura immobile. La sagoma scura era quasi immobile e sembrava fissarmi direttamente. Un senso di terrore mi ha riempito e ho sperato che fosse solo un sogno. Mentre mi stropicciavo gli occhi è diventato chiaro che c'era davvero una persona lì in piedi. Ho chiamato ma non c'è stata risposta. Ho cercato la luce. Mentre si accendeva, riconobbi mia figlia di 5 anni in piedi lì, con gli occhi aperti, fissi e immobili. Non ha risposto alla mia voce quando le ho chiesto se stava bene. Mi alzai dal letto e cercai senza successo di convincerla a parlare con me. L'ho girata e l'ho condotta lungo il corridoio. Ha seguito facilmente. Abbiamo camminato mano nella mano nella sua stanza dove è tornata facilmente a letto e sembrava addormentarsi profondamente. Il giorno seguente sembrava a posto e non aveva memoria della notte precedente. Tuttavia, ero un po 'turbato da questa esperienza piuttosto inquietante. Quel senso di disagio aumentò la prossima volta che accadde, circa un mese dopo.

La domanda che un genitore pone spesso è: è questo comportamento normale? Camminare a letto è in realtà abbastanza comune nei bambini. La prevalenza può arrivare fino al 17% e generalmente raggiunge picchi di età compresa tra 8 e 12 anni. La maggior parte dei bambini interrompe il sonnambulismo all'età di 13 anni. Non c'è differenza di sesso tra maschi e femmine per quanto riguarda il sonnambulismo. Il sonnambulismo è molto meno comune negli adulti e la prevalenza è intorno al 4%. Il sonnambulismo può iniziare fin da quando un bambino inizia a camminare e fino alla settima decade di vita. Quando solo un genitore ha una storia di sonnambulismo, il tasso di sonnambulismo nei figli aumenta fino al 45% e al 60% quando entrambi i genitori sono sonnambuli.

Sembra esserci un contributo genetico al sonnambulismo, anche se tutto ciò che disturba il sonno profondo può scatenare un episodio. I fattori che possono contribuire al sonnambulismo includono la privazione del sonno, i problemi respiratori nel sonno (come l'apnea notturna, un disturbo sempre più frequente nei bambini), i viaggi, il sonno in situazioni non familiari e orari di sonno interrotti. Il pericolo può verificarsi se il bambino o l'adulto cadono mentre si cammina nel sonno. I bambini sono usciti di casa o sono finiti fuori dalle finestre mentre dormivano sonnambuli. Questi comportamenti possono comportare conseguenze potenzialmente disastrose. Purtroppo ci sono casi di bambini che sono morti a morte dopo essere usciti di casa o sono annegati durante i viaggi in campeggio vicino all'acqua. Fortunatamente, la grande maggioranza dei bambini che camminano nel sonno rimane al sicuro nelle loro case.

Il sonnambulismo è un risveglio parziale dal sonno profondo che include allontanarsi dal letto. I bambini molto piccoli possono gattonare nella culla. I bambini di solito non ricordano l'evento. A volte possono verificarsi comportamenti come la minzione in un armadio o accanto al bagno. Svegliare qualsiasi bambino dal sonno profondo e metterli in piedi, ad esempio per lasciare la casa di un parente dopo che si sono addormentati, può indurre il sonnambulismo. I comportamenti più inquietanti tra gli adulti comprendono il sonno guida, ma sono anche, per fortuna, rari.

Il sonnambulismo può essere pensato come una dissociazione dello stato di sonno. Il sonno è un fenomeno complesso che richiede il coordinamento preciso di ampie parti del cervello. Diverse parti del cervello possono, in determinate circostanze, essere in diversi stati allo stesso tempo. I bambini hanno una quantità molto maggiore di sonno profondo rispetto agli adolescenti o agli adulti. Studi polisonnografici hanno dimostrato che il sonnambulismo si verifica quando ci sono rapidi risvegli dal sonno profondo che si traducono in uno stato di sonno dissociato e il bambino si trova tra stati di sonno ad onde lente (profondo) e veglia. Lo stato di veglia include il camminare e comportamenti complessi mentre lo stato di onda lenta include l'insensibilità verso l'ambiente, l'amnesia per l'evento e la grande difficoltà che viene suscitata.

Non c'è associazione tra sonnambulismo infantile e psicopatologia. Per i bambini che dormono piccoli di solito è sufficiente portarli delicatamente a letto dove riprenderanno il sonno normale. Il sonnambulismo di un bambino può essere estremamente fastidioso per il sonno della mamma o del papà se il bambino mostra comportamenti come quelli descritti sopra, ma diventa soprattutto problematico quando persiste oltre l'adolescenza. Può essere molto sconvolgente, per esempio, per i compagni di stanza del college se qualcuno sta camminando per la camera da letto di notte in uno stato insensibile.

Se si verificano comportamenti autoaggressivi durante il sonnambulismo, è importante che i genitori adottino misure di sicurezza come l'installazione di barriere per bambini in cima alle scale per evitare lesioni. Questo vale anche per gli adulti che potrebbero aver bisogno di prendere provvedimenti come la chiusura delle finestre e rendere molto difficile l'accesso alle chiavi della macchina se si verifica un episodio di sonnambulismo.

Quindi è normale? Succede con un certo grado di frequenza nei bambini e non è associato alla psicopatologia. Di solito può essere gestito in modo relativamente semplice. I genitori non devono essere eccessivamente innervositi dal sonno che cammina e possono stare tranquilli sapendo che questo comportamento sconcertante è abbastanza normale nei bambini e di solito non è un problema che dura tutta la vita.

Solutions Collecting From Web of "È normale?"