Non sottovalutare il valore delle piccole (e non così piccole) crisi della vita

La resilienza ha a che fare con la capacità di recuperare, imparare e crescere dall'esperienza delle avversità. La resilienza non è acquisita o ereditata, ma si sviluppa nel processo di sopravvivenza delle inevitabili e spesso impreviste difficoltà della vita e passa attraverso queste esperienze con maggiore saggezza, compassione, comprensione e maturità. Non sembra esserci alcun modo di coltivare queste qualità che non implichi almeno un certo grado di stress e difficoltà. In realtà è proprio la dura prova che richiama i necessari ma spesso nascosti punti di forza e risorse necessari per affrontare la sfida della crisi che stiamo affrontando.
Le relazioni offrono un'abbondanza di opportunità per coltivare la resilienza in quanto illuminano i luoghi in cui conserviamo attaccamenti invisibili, aspettative, ferite, paure, bisogni insoddisfatti e desideri insoddisfatti. Quando uno di questi viene attivato o portato in consapevolezza cosciente, spesso attraverso una perdita o un danno emotivo reale o percepito, la tendenza immediata è solitamente quella di ristabilire l'equilibrio che era stato presente nella relazione prima della rottura. Quando questo sforzo fallisce, la rottura diventa una crisi.
Una cosa è credere che una crisi sia un'opportunità ed è tutt'altra cosa sperimentarla in quel modo. Le sfide della vita non sono intrinsecamente produttrici di crescita. Ciò che determina se sono o meno l'atteggiamento e le risorse interiori con cui affrontiamo tali sfide. Tutte le crisi sono potenzialmente trasformative in quanto contengono i semi di una nuova crescita. Tuttavia, vedere semplicemente nuove possibilità non è sufficiente per mobilitare il movimento verso la loro realizzazione. Senza motivazione, non c'è movimento.
Il dolore, o il desiderio di liberarsi dal dolore, spesso è un grande motivatore, ma non sempre. A meno che non ci sia la capacità di essere presenti con il dolore e di essere informati e aperti da esso, il potenziale di guarigione del trauma emotivo si perderà in un implacabile desiderio di sfuggire alla sofferenza. Quando possiamo affrontare il dolore con compassione, curiosità, apertura e intenzione di imparare in un contesto di autentico sostegno, la sofferenza senza senso può essere trasformata in un'esperienza significativa. Va sottolineato, tuttavia, che sofferenza significativa è ancora sofferenza, e anche nel migliore dei casi, il dolore è un aspetto inevitabile di qualsiasi processo che comporta un'esperienza indesiderata di perdita di qualsiasi tipo. È la capacità di entrare e attraversare il dolore con consapevolezza che può rendere questo processo redentore.
Tricia era sposata da quasi 21 anni quando suo marito annunciò in modo inaspettato che stava per finire il loro matrimonio. "Martin mi ha detto una domenica mattina che se ne stava andando e basta. Ero devastato. Non l'ho mai visto arrivare. Mi disse che si era innamorato di un'altra donna e si stava trasferendo da lei. Avevo saputo che era infelice professionalmente, ma non avevo idea che fosse infelice nel matrimonio.

Quando Martin e io ci sposammo, era già ovvio per me che non aveva un senso molto solido di se stesso, ma nella mia ingenuità, pensavo che perché potevo vedere la sua bellezza interiore che avrei potuto in qualche modo convincerlo a vedere se stesso attraverso i miei occhi e questo cambierebbero la sua auto-percezione. Ragazzo mi sbagliavo!

Penso che entrambi abbiamo sottovalutato quanto ci sarebbe voluto per Martin per riprendersi dall'abuso e dall'abbandono che ha vissuto da bambino e sebbene sia entrato in terapia e abbia fatto un certo numero di seminari di crescita personale, non ha mai smesso di vedere i suoi problemi come originari al di fuori di se stesso. Altre persone lo stavano deludendo o non apprezzandolo. Il suo lavoro era sotto di lui; il mondo era troppo incasinato … Per Martin, nulla è mai stato colpa sua. Di conseguenza non ha mai praticato nulla di ciò che ha imparato in terapia e non ha mai applicato a se stesso qualcosa che ha letto nei libri. Era la mia negazione e il mio bisogno di dimostrare che ero una persona potente e amorevole che mi ha impedito di salvarlo nonostante prove schiaccianti del contrario.

Dopo la separazione, la mia disposizione normalmente solare andò in frantumi e mi ritrovai posseduto da qualcosa che non avevo mai conosciuto era in me. Non avevo mai provato rabbia omicida prima, ma è esattamente quello che stavo vivendo. Ho letteralmente voluto morire Martin. In realtà non volevo ucciderlo ma ho fantasticato di assumere un killer professionista e stipulare un contratto con lui. Mi rendo conto ora che gran parte della rabbia che ho avuto a Martin è stata davvero sfidacciata dalla mia rabbia per essere stato così sciocco da permettere a qualcuno di tradire e mancarmi di rispetto per così tanto tempo.
Gli avevo dato tutto ciò che avevo nella speranza che a un certo punto avrebbe riempito il suo vuoto e che alla fine avrebbe cominciato a ricambiare ea restituire qualcosa. Dio sa quando o anche se mi sarei fermato se non avesse concluso il nostro matrimonio. Stavo appassendo sulla vite e completamente inconsapevole che la fonte della mia infelicità aveva più a che fare con me di quanto non avesse fatto con lui.
Mi ci è voluto un po 'per venire a patti con la mia rabbia e usare gli strumenti del perdono nei confronti di Martin e di me stesso.

Nel processo, mi resi conto che, a causa della dipendenza di Martin dalla convalida esterna, avevo usato un'enorme quantità di tempo ed energie per sostenere il suo ego, cercando di spingerlo su per la collina. Quando alla fine ho smesso di farlo, mi sono sentito come se un enorme peso mi fosse stato tolto di mezzo. Mi sentivo più libero e leggero di quanto avessi avuto negli anni. Finalmente ho potuto concentrare la mia attenzione sui miei desideri e sui miei bisogni. Mi ero trattenuto inconsapevolmente per non minacciare Martin o farlo sentire a disagio, e inconsciamente lo risentivo per questo.

Ora finalmente sono stato in grado di andare in tilt e nel darmi il permesso di farlo. Alla fine, in realtà, ho provato sincera gratitudine nei confronti di Martin per avermi finalmente liberato.
Ora so che la rottura del nostro matrimonio è stata la cosa migliore che mi sia mai capitata. Sono attualmente nel periodo di crescita più stimolante che abbia mai vissuto nella mia vita. Nuove opportunità si presentano per me, letteralmente ogni settimana. So che non potrei essere così fiducioso nella mia capacità di gestire le sfide se non avessi attraversato momenti che mi hanno messo in ginocchio come in questo caso ".

Mentre affrontare la perdita, anche quelli che aprono nuove possibilità per noi, è raramente facile, riconoscere e lasciare andare le relazioni che si sono rivelate insoddisfacenti, può essere un'espressione di amor proprio, non di egocentrismo. Mentre molte persone lasciano le relazioni prima di dare il meglio di sé, alcune rimangono oltre il punto in cui il loro senso di rispetto di sé e il loro benessere personale sono diminuiti. A volte il dolore temporaneo è il prezzo che dobbiamo pagare per aprire le nostre vite a nuove possibilità e liberarci da un'impasse inattuabile. Ogni situazione è diversa e deve essere gestita in base alle sue circostanze uniche. Anche se può sembrare un cliché, c'è la verità nel dire che il dolore a volte è il prezzo che dobbiamo essere disposti a pagare per la crescita. Tricia direbbe che ne è valsa la pena.
Cosa ne pensi?

Solutions Collecting From Web of "Non sottovalutare il valore delle piccole (e non così piccole) crisi della vita"