Non sono le differenze che sono il problema

La prossima cosa migliore per prevenire i conflitti è avere le competenze per gestire le differenze in modo efficace. Le differenze sono inevitabili nelle relazioni; il conflitto è facoltativo. Sono le differenze nelle nostre personalità, nei nostri stili di relazione, nelle nostre prospettive e nei nostri temperamenti che ci rendono attraenti l'un l'altro e ci permettono di avere un'esperienza di vita più completa e completa. Raramente siamo fortemente attratti da persone che sono come noi. Le differenze si trasformano in conflitto quando uno o entrambi i partner cercano di costringere l'altro a fare, dire, pensare o sentire ciò che vogliono. Il conflitto si verifica quando entrambi i partner sono impegnati in una lotta per resistere gli sforzi reciproci per diventare dominati o controllati dall'altro.

Molti di noi non entrano nei loro matrimoni con competenze di gestione dei conflitti altamente sviluppate, ma queste abilità possono essere coltivate attraverso la pratica sul posto di lavoro. Mentre la maggior parte delle coppie ha l'abbondanza di opportunità per praticare l'arte della gestione dei conflitti, la grande maggioranza di loro non riesce a sfruttare queste opportunità. Scelgono invece di adattarsi a malincuore l'un l'altro, di impegnarsi in varie forme di manipolazione o coercizione, o semplicemente di praticare la negazione. Queste strategie sono potenzialmente distruttive per le relazioni e spesso portano a cicli continui di dolore, risentimento e alienazione.

Alcune coppie sono motivate dall'intolleranza, non necessariamente dalle differenze, ma piuttosto dal dolore emotivo che provano di fronte a loro. Spesso è questo dolore che li motiva finalmente a imparare a gestire le loro differenze in modo più rispettoso e responsabile. Mentre molti matrimoni sono caratterizzati da schemi comportamentali difensivi, evitanti che diminuiscono la sensibilità al dolore e promuovono una sorta di torpore che rende la sofferenza più tollerabile, le coppie di successo tendono ad essere più oneste con se stessi e gli altri rispetto al loro disagio emotivo. Questa volontà di sentire il dolore, piuttosto che negarlo, genera una forte motivazione per apprendere modi più efficaci di elaborare le proprie differenze.

Le differenze di relazione in genere non sono "risolte" nel senso di eliminarle, ma piuttosto sono tenute in un contesto di accettazione, rispetto e apprezzamento. Anche quelle differenze che sono inconciliabili non necessariamente danneggiano e possono persino migliorare una relazione se sono viste da questa prospettiva. Un fattore chiave nel processo di gestire le differenze abilmente è la nostra volontà di essere aperti a imparare gli uni dagli altri e dalla nostra esperienza, ad osservare le conseguenze delle nostre azioni e ad integrare ciò che apprendiamo nella nostra relazione.

Anche le coppie più felici delle volte provano stati emotivi negativi. Tendono solo a non rimanere bloccati per lunghi periodi di tempo. La capacità di muoversi rapidamente attraverso stati mentali angosciosi non è semplicemente un dono che è posseduto da pochi fortunati, ma piuttosto è una capacità che può essere sviluppata con la pratica. Adottando un atteggiamento di accettazione e apertura verso i nostri sentimenti e quelli del nostro partner, possiamo diventare meno reattivi e difensivi l'uno con l'altro. Persino le persone con temperamenti focosi possono imparare a smussare gli spigoli e spesso attraversano dolorose impasse emotive in pochi minuti piuttosto che in giorni o settimane.

La sfida è spesso quella di spostare la nostra intenzione dal provare a convertire il nostro partner al nostro punto di vista, a cercare di capire la loro prospettiva e vedere le cose dal loro punto di vista. Approfondiamo la nostra capacità di empatia con la pratica e l'intenzionalità. Pochi di noi entrano nell'età adulta con queste capacità completamente sviluppate. Per la maggior parte, il matrimonio è il crogiolo in cui coltiviamo e rafforziamo queste capacità. E naturalmente altri miglioramenti alle nostre capacità, come consulenza individuale o matrimoniale, workshop di crescita personale, libri, CD e seminari professionali possono fare un'enorme differenza.

Mentre non esiste un modo genericamente "corretto" per risolvere le differenze, le coppie di successo condividono un rispetto sottostante per le differenze tra loro. È questa prospettiva più che altro che consente il tipo di coinvolgimento che trasforma rabbia e dolore in compassione e gratitudine. Quando abbiamo la netta sensazione che le differenze non solo non debbano essere eliminate ma che siano aspetti preziosi e necessari della relazione, prosperiamo. E il desiderio di prosperare è uno dei principali motivatori per entrare in relazione in primo luogo. Richiede la volontà di mettere il tempo e lo sforzo, ma i profitti sono molto maggiori del costo dell'investimento. Ma non crederci sulla parola, scoprilo tu stesso.

Solutions Collecting From Web of "Non sono le differenze che sono il problema"