Non solo la "faccia": Attacca l'imboscata

L'autore Bob Mayer è il mio blogger ospite oggi. Il suo consiglio agli scrittori è diretto, unico e stimolante:

Bob Mayer
Fonte: Bob Mayer

Stephen King è convinto "che la paura sia all'origine della maggior parte dei cattivi scritti".

Sfortunatamente, la paura non è sul curriculum nella maggior parte dei programmi di scrittura, né è un seminario popolare nella scrittura di conferenze.

Passare da una carriera in Special Operations a diventare uno scrittore a tempo pieno potrebbe sembrare un cambiamento piuttosto brusco. Tuttavia, ho scoperto che usare la formazione e le esperienze del mio tempo come Berretto Verde mi consente di raggiungere il successo in un campo in cui non avevo una formazione formale.

Soprattutto nell'area della paura, perché avevo avuto molta formazione ed esperienza in questo.

Il mantra di Nike per anni è stato "No Fear" , che è una bella frase ma completamente ignaro della realtà. Ci sono umani che sperimentano "nessuna paura", non sono nella curva a campana, e di solito non vogliamo incontrare quella piccola percentuale.

Per il resto di noi, la paura è un compagno occasionale, a volte costante.

Il prossimo passo avanti è il detto: "Affronta la tua paura". Questo, almeno, riconosce che esiste. Ma non si occupa di questo. Di fatto, affrontandolo, può rapidamente portare ad essere sopraffatto dalla sua realtà.

L'esercito è noto per addestrare le persone a fare cose innaturali. L'allenamento ripetitivo e aggressivo, specialmente nelle operazioni speciali, è progettato non solo per insegnarci come fare cose difficili, ma ci insegna a fare cose istintivamente innaturali.

Per rimanere in vita.

Bob Mayer
Fonte: Bob Mayer

Come affrontare la paura come la scuola Ranger, il corso di qualificazione delle forze speciali, l'addestramento SEAL, ecc.

Prendiamo il modo in cui siamo addestrati ad affrontare la peggiore situazione possibile: entrare nell'imboscata ben preparata del nemico. Mentre siamo addestrati a non entrare mai in quella situazione, proprio come nella vita di tutti i giorni, a volte ci troviamo in un brutto posto.

Cosa fare?

La mia pattuglia sta camminando lungo un sentiero in una foresta e all'improvviso veniamo colpiti dalla destra da numerose armi automatiche. Il mio istinto vuole che salti nel comodo fossato a sinistra – per evitare la mia paura.

Poiché l'agguato è impostato correttamente, è progettato per anticipare le mie reazioni istintive. Quindi il fossato è estratto e quando salgo in, le mine si spengono e–

Morirò se lo farò.

Il mio prossimo istinto di paura è semplicemente di colpire il terreno e non fare nulla. Renditi il ​​più piccolo possibile. Il mio primo sergente di plotone della fanteria, un veterano del Vietnam, mi disse di dimenticare ciò che prendevano in fanteria di base sulle posizioni di fuoco. Ha detto che ce ne sono solo due: il prone e il soggetto volante, dove ti stai tuffando per terra se ti hanno sparato. Ha anche detto che i bottoni sulla tua camicia (pre-velcro), diventano improvvisamente enormi quando sei sdraiato sulla pancia e i proiettili si spezzano sopra la testa.

Tuttavia, questo istinto, in un'imboscata ben progettata, significa che stai mentendo in quella che viene chiamata la Kill Zone. È dove la maggior parte delle armi sono state azzerate per sparare. Questa è la ragione per cui si chiama Kill Zone. Resta dove sono e-

Morirò se lo farò.

Se conquisto quei primi due istinti, il mio terzo è correre avanti o indietro sul sentiero per uscire dalla Kill Zone. Scappa dalla mia paura e scappa.

Sfortunatamente, questo è anche il prossimo sulla priorità della pianificazione per progettare un'imboscata efficace. Mettiamo le nostre mitragliatrici più pesanti alle due estremità della Kill Zone, con il più alto tasso di fuoco. Quindi, se corro avanti o indietro, cercando di evitare la mia paura, in un modo che va nel passato o cercando di ignorare il presente correndo verso un futuro che ancora non esiste, attraverserò il più grande volume di fuoco e-

Morirò se lo farò.

Ogni persona è diversa, ma la paura ci farà naturalmente fare una di queste tre cose. Saltare direttamente, congelare o scappare.

Allora, cosa ci viene insegnato?

L'unico modo per rompere un'imboscata ben preparata e stretta è fare l'ultima cosa che vogliamo. Per fare la scelta più difficile.

Devo sconfiggere la mia paura, girare a destra e attaccare direttamente nella forza d'agguato. È il modo migliore per non solo sopravvivere, ma vincere. La soluzione corretta è la scelta più difficile perché richiede coraggio.

Non devo solo affrontare la mia paura, ma devo caricarmi di essa.

C'è il vecchio detto per gli scrittori di "scrivere ciò che sanno". Tuttavia, forse alcuni di noi hanno bisogno di scrivere ciò che temiamo di sapere o affrontare. Vedo molti scrittori che evitano di scrivere quello che dovrebbero scrivere perché significherebbe affrontare le loro paure. Sii curioso della tua paura: è una grotta, ma invece di un mostro in agguato, c'è invece un tesoro.

Ricorda che la paura è un'emozione. L'azione può verificarsi anche quando le tue emozioni lo stanno combattendo. Agire è la chiave per vincere la paura; che la definizione di coraggio.

Solutions Collecting From Web of "Non solo la "faccia": Attacca l'imboscata"