Non si fermeranno perché non possono fermarsi: parte 2

cejasrichard/pixabay
Fonte: cejasrichard / pixabay

"Era come guardare un film, uno in cui sai che qualcosa di brutto sta per accadere al personaggio principale, e speri che in qualche modo sfugga al pericolo. Tranne il personaggio principale ero io. "James B., The Craving Brain

James B. era un adolescente atletico, intellettualmente dotato e spiritualmente sensibile. Prima ancora di laurearsi, aveva perso il controllo del consumo di alcol e di cocaina. La sua famiglia e gli amici sono stati lasciati scuotere la testa. Perché non ha appena smesso?

James non ha smesso, perché non poteva smettere. Iniziando come binge bevitore del fine settimana al liceo e bevendo ancora di più al college, aveva esposto il suo cervello a frequenti alti livelli di sostanze chimiche che creavano dipendenza. Questa esposizione ha ferito gravemente il sistema di ricompensa del suo cervello.

Attraverso messaggeri chimici chiamati neurotrasmettitori, il sistema di ricompensa ci aiuta a godere delle attività quotidiane. Non sorprendentemente, il suo rinforzo più forte è riservato a comportamenti come mangiare e bere che influenzano direttamente la nostra sopravvivenza.

Il processo attraverso il quale il cervello ricompensa il nostro comportamento è legato al neurotrasmettitore dopamina, la molecola del "benessere". Quando i livelli di dopamina aumentano, il cervello segnala che il comportamento associato è importante e dovrebbe essere ripetuto. Grazie alla dopamina, mangiamo e beviamo come se le nostre vite dipendessero da questo e, naturalmente, lo fanno.

In condizioni normali, il "go switch" del cervello è bilanciato da un sistema di frenata altrettanto potente. Con l'aumentare della quantità di dopamina nel cervello, un complesso sistema anti-ricompensa inizia a ingranare, riducendo la quantità di dopamina e riportando il cervello al suo naturale equilibrio. Grazie a questo atto di bilanciamento chimico, la maggior parte di noi non viene intrappolata nel ripetere compulsivamente i comportamenti che ci danno piacere.

Il sistema di ricompensa finemente sintonizzato del cervello viene capovolto quando l'alcol e altri farmaci avvincenti vengono erogati al cervello in dosi frequenti e pesanti. Gli studi dimostrano che tutti i farmaci che provocano dipendenza aumentano la quantità di dopamina nel nucleo accumbens, una zona centrale di coordinamento del sistema di ricompensa. L'improvviso aumento della dopamina dà il via al cervello e passa alla marcia più alta e invia un messaggio urgente:

I farmaci che danno assuefazione sono importanti e il comportamento che li ha generati dovrebbe essere ripetuto.

Quando gli utenti occasionali rispondono a questo potente segnale aumentando il loro consumo di alcool e altre droghe, corrono il rischio di sviluppare un desiderio patologico. Ad un certo punto, il messaggio dal sistema di ricompensa diventa:

Morirai se non prendi l'alcol o altri farmaci di cui hai bisogno.

Come diceva un eroinomane, "quando il mio desiderio inizia a calpestare, mi sento come se avessi 20 piedi sotto l'acqua. Farò qualsiasi cosa, qualsiasi cosa per arrivare in superficie. "

Sebbene la bramosia incontrollabile possa svilupparsi con una velocità incredibile, una nuova ricerca mostra che la cocaina può ricollegare la funzione esecutiva del cervello in un solo uso: la progressione dall'uso occasionale a quello pesante alla dipendenza non è inevitabile. Sia la preoccupazione che l'escalation sono segnali premonitori sulla strada della dipendenza. Quando li riconosciamo come tali, possiamo salvare noi stessi e le nostre famiglie in una vita di guai.

Se desideri maggiori informazioni, consulta il nostro libro The Craving Brain e non esitare a contattarci.

Solutions Collecting From Web of "Non si fermeranno perché non possono fermarsi: parte 2"