Non sei tu o il difetto del tuo partner: incolpalo di intimità

"Perché devi essere così critico? Mi stai respirando il collo tutto il tempo?

"Io non sono. Sei solo iper-sensibile, guardandoti sempre alle spalle per paura che il tuo orgoglio venga attaccato. Dovresti solo rilassarti. "

"Come posso rilassarmi quando mi giudichi così duramente?"

"Ma non ho nemmeno detto niente."

"Sì, ma come sospiri, potrei dire che sei stato di nuovo critico con me. Dovresti essere più tollerante. "

"Beh, dovresti essere più tollerante nei miei sospiri."

Tali dibattiti sono comuni in partnership, a volte in modo schiacciante, con i partner che si rompono, scrivendosi a vicenda come troppo sensibili o troppo critici.

E alcuni sono ovviamente troppo sensibili o critici, e vale anche la pena di lasciar perdere. Ma se hai avuto più di una partnership potresti iniziare a riconoscere il modello:

Anche le persone più calme possono diventare ipersensibili o critici a distanza ravvicinata.

Non è una funzione della personalità, ma la prossimità. Nell'intimità, le differenze scomode di abitudine e stile sono destinate a emergere. Più si è vicini, più le differenze si sfregano l'una contro l'altra, provocando abrasione, calore e sensibilità.

La buona notizia quindi è che il tuo partner potrebbe non essere una cattiva scelta, né una cattiva scelta per il tuo partner. Potrebbe anche non avere incompatibilità eccezionali. Potrebbe essere solo che a distanza ravvicinata sentirai le differenze in modo acuto.

Non incolpare il tuo partner e non incolpare te stesso. Dare la colpa alla vicinanza. Smetti di litigare per capire se è la sensibilità o l'intolleranza del tuo partner. Guida tutte le colpe a una, la natura dell'amore a distanza ravvicinata.

Sentiamo spesso che la tolleranza amorevole è la risposta a tutti i mali del mondo. Dovremmo tutti vivere e vivere. Questa teoria altisonante è spesso condivisa senza riconoscimento della differenza tra tolleranza a distanza e distanza ravvicinata.

È facile vivere e vivere con qualcuno con cui non vivi. Vivendo con qualcuno dovrai prendere molte decisioni collaborative, in cui non puoi semplicemente accettare di non essere d'accordo o incontrarti a metà strada. Ad esempio, se uno di voi ha bisogno di vivere nella Città A, e l'altro nella Città C, stabilendosi nella Città B, a metà strada tra loro potrebbe non esserci e l'opzione. Se a qualcuno piace la casa in ordine e l'altra è informale sul disordine, non è facile accettare di non essere d'accordo. Stai provando a condividere uno spazio e quindi dovrai decidere che tipo di spazio sarà. Con decisioni come queste, la domanda è cosa dovremmo fare noi, una decisione congiunta con meno spazio per il compromesso o avere entrambi i modi. e quindi ci sarà sicuramente più frustrazione e delusione. Anche le persone più compatibili sentiranno le loro incompatibilità più acutamente a distanza ravvicinata.

Per anni, ho creduto nel valore di visitare le domande "Youmeus", quando entri in conflitto:

  1. La fonte del problema è te, me o noi?
  2. La fonte della soluzione si trova in te, me o noi?

Dobbiamo ricordarci di porre le domande di youmeus perché tipicamente in conflitto, saltiamo sul presupposto che la nostra frustrazione sia causata dall'altra persona: "Guarda, stavo bene finché non ti sei presentato, quindi il problema deve essere te." sul nostro cavallo alto, traducendo "Ouch" in "È colpa tua".

E poi a volte non è "tu" o "me" ma "noi": un'incompatibilità tra di noi.

Ora capisco che c'è una quarta categoria. Non tu, io o noi, ma "esso", il contesto, la natura della relazione stessa. Entrambi si possono provare a fare sul serio per farlo funzionare e avere un sacco di compatibilità e ancora, dato ciò che accade quando ti leghi così intimamente tra loro, ci saranno conflitto e frustrazione, maggiore sensibilità e intolleranza.

Le domande di youmeus sono davvero le domande di youmeusit:

  1. Il problema tu, io, noi o questo?
  2. La fonte della soluzione si trova in te, me, noi o esso?

Riconoscere quanto del conflitto nasce dalla speciale sfida dell'intimità può essere sufficiente per ripristinare la calma. Invece di dire "Wow, sono sbarcato un mostro ipersensibile di un partner, un auto-difensore dei capelli", tu dici "L'intimità sicuramente fa emergere la nostra sensibilità. Il mio partner non è così dappertutto, solo con me, e non è niente di personale. È solo che siamo così vicini.

Invece di dire, "Wow, sono sbarcato un mostro ipercritico di un partner, un giudice prepotente che attacca i capelli", tu dici "L'intimità sicuramente fa emergere la nostra frustrazione e il nostro giudizio. Il mio partner non è così dappertutto, solo con me e non è niente di personale, è solo che siamo così vicini. "

  • Vuoi essere una persona più carina? Leggi un romanzo
  • Body Language at Work
  • Il ruolo dell'obiettivo è focalizzato sulla riduzione della procrastinazione
  • I rischi della gioia
  • Dovresti avere la chirurgia estetica?
  • Rimanere innamorato ... Fallo
  • Non prenderlo personalmente - Parte II
  • Franklin & Bash: lezioni in psicologia positiva
  • The Psychology of Murder for Hire
  • L'ultimo disturbo della personalità?
  • Parolacce e parole apparentemente inappropriate in classe
  • Integrità in una ricerca di lavoro ?!
  • Chiama per partire
  • Come i bambini fanno amicizia (parte 1)
  • Ben appeso e felice, giusto?
  • Una lettera a giovani uomini eterosessuali sessualmente attivi
  • Perché Steve Jobs è stato a volte così cattivo?
  • Strategie intelligenti per individuare un bugiardo online
  • Le 5 ragioni segrete non perdiamo peso
  • Seduto su un vulcano
  • "Shop 'til You Drop" di alto livello è per poveri extraverti
  • Accecato dalla scienza? Apri gli occhi
  • 5 tipi di sorrisi e cosa significano
  • Dio e soldi prima del matrimonio!
  • Combatti quel culto
  • Celebrando di nuovo Day-Psychotherapy nazionale!
  • Intelligenza: una cosa o molte?
  • Potresti cambiare la tua vita senza cambiare una cosa?
  • Perché essere te stesso è importante
  • Il peso della ferita morale collettiva
  • L'alta incidenza di post terapia intensiva (ICU) Ansia e depressione
  • Perché dovresti sorridere nella tua foto online
  • Potresti vivere a parte, insieme?
  • Eco danneggiante: i delfini possono aiutarci a parlare?
  • Crowdfunding Embodied Cognition Research
  • The Silence of Shunning: una conversazione con Kipling William