Non sei mai troppo vecchio per imparare una nuova lingua

Intervista condotta da Aneta Pavlenko.

Un avido lettore di memorie per l'apprendimento delle lingue, sono rimasto sorpreso ed entusiasta quando mi sono imbattuto in un libro che presenta due improbabili protagonisti – una donna di 60 anni e una lingua morta – e rende il loro incontro non attribuibile e indimenticabile. La nostra ospite oggi è Ann Patty, l'autrice di "Vivere con una lingua morta: la mia storia d'amore con il latino". Lei ha gentilmente accettato di rispondere alle nostre domande.

Ann, il tuo libro inizia con una domanda posta da amici increduli: "Perché mai vorresti imparare il latino alla tua età?" Perché davvero?

Mi sono ritrovato a vivere in campagna con troppo tempo a disposizione. Avevo bisogno di una sfida, qualcosa che sarebbe più simile a un lavoro che a un hobby, qualcosa che mi coinvolgerebbe nel modo in cui il mio lavoro ha avuto per così tanti anni. Desideravo anche una fonte di struttura e disciplina. Mi ci sono voluti un paio di anni per capire cosa mi era sfuggito nella vita, quello che era il primo nella mia "lista dei secchi". Ho colpito il latino e ha fatto clic.

Come ex editore e editore e donna matura, quali punti di forza hai apportato alla tua impresa di apprendimento latino? Che tipo di studente hai scoperto e ti sei sorpreso in qualsiasi momento?

Ho portato a termine un ampio vocabolario e una solida conoscenza della grammatica, che ha aiutato molto, perché ho compreso le parti del discorso, gerundi, participi, ecc. E ho avuto tutto il tempo per studiare. La cosa sorprendente era quanto fosse difficile da memorizzare alla mia età (ho compiuto 60 anni durante il mio secondo semestre). Ero stato uno studente al liceo e all'università, ma ora dovevo lavorare sodo per diventare uno studente medio. Un compagno di classe mi ha convinto a realizzare schede flash per il vocabolario, il che mi ha aiutato molto.

Ora, a sei anni, sto scoprendo che leggere e rileggere testi in latino mi aiuta davvero a rimanere dentro la lingua. A volte leggo storie in latino adattato, di cui conosco il 90% del vocabolario. Ultimamente, ho letto miti di Ovidio, modificati da insegnanti contemporanei. Poi ho riletto l'originale Ovid.

Quali sono i tuoi successi più fieri in latino?

Sono molto orgoglioso di aver imparato abbastanza latino da insegnare. Insegno un corso per ragazzi in una biblioteca locale e per adulti in un college della comunità locale. Dal momento che mi è stata data un'istruzione gratuita attraverso l'auditing delle lezioni, sono entusiasta di poterlo restituire allo stesso modo. Prendo ancora un semestre autunnale lezioni di latino ogni anno. Immagino di avere ancora quattro o cinque anni per andare dove voglio con la lingua. Inoltre, amo essere in classe con i giovani. Sono anche molto felice di aver trovato una nuova comunità, con il movimento latino vivente, in cui i latinisti si incontrano per parlare il latino e imparare le strategie di insegnamento.

Hai la stessa risposta viscerale alla poesia latina come fai con l'inglese?

La mia risposta alla poesia latina è più analitica che viscerale; forse non sarà così dopo altri anni di studio. Sono ancora al punto in cui mi ci vuole un po 'di tempo per capire veramente un poema latino. Ciò che mi delude di più della poesia latina è il modo in cui il linguaggio permette alla libertà del poeta di mettere le parole in un ordine che rafforza il significato. Il mio dispositivo preferito è quello che sono venuto a chiamare "figura mimetica". Per esempio, nell'Eneide 1: 128 " disiectam Aeneae , toto videt aequore classem [vede la flotta di Enea dispersa su tutto il mare]", la flotta si trova sul lato opposto della frase dalla parola sparsa, quindi la frase forma un'immagine verbale di una flotta dispersa.

Che cosa hai imparato su di te mentre scrivi questo libro?

Ho iniziato a scrivere il libro perché i miei amici erano stanchi di sentirmi parlare del latino. Avevo bisogno di un interlocutore, che diventasse lo schermo del mio computer. Scrivere un libro mi ha tenuto più profondamente impegnato con la lingua latina e la storia romana. Mentre scrivevo di una lingua morta, i morti nella mia vita iniziarono ad entrare nel libro, e nacquero collegamenti sorprendenti. Non solo mia madre, ma anche una cara amica da lungo tempo, per non parlare della mia defunta carriera editoriale. Non mi aspettavo che uno studio del passato antico avrebbe illuminato la mia storia individuale e non mi ero reso conto fino a quel momento che stavo ritardando in ritardo uno dei desideri di mia madre per me, e avvicinandomi a lei facendo così.

Mia madre aveva un'educazione cattolica e aveva vinto la medaglia latina nel suo ultimo anno di scuola superiore. Ha sempre voluto che prendessi il latino, ma invece ho scelto il francese. Mentre scrivevo del ruolo sussidiario delle donne nell'antica Roma (anche in lingua latina), le immagini di mia madre continuavano a venire in mente. Cominciai a capire più profondamente che le nostre differenze erano più dovute alle circostanze che al temperamento. Entrambi abbiamo amato il latino. La mia rabbia e la mia delusione in lei si sono trasformate in compassione e identificazione. Ex post facto , condividiamo una lingua antica. Quando mio fratello mi ha dato la sua medaglia latina, un galeone romano con Virgilio in rilievo sulla sua vela, mi sono reso conto in qualche modo, è stata in questo viaggio con me.

Quali sono alcuni dei vantaggi dell'apprendimento "una lingua morta" ed è una buona etichetta per il latino?

Il latino non è in realtà una lingua morta, ma un linguaggio zombie, che si apre ovunque. Latin e Fake Latin sono apparsi in commedia per decenni, dai cartoni di Road Runner, a Mad Magazine, ai titoli di testa di John Oliver Last Week Tonight su HBO. Il latino è spesso chiamato a creare neologismi. Quando era necessaria una parola per indicare il contrario del transgender, "cisgender" fu coniato. Questo è stato chiaramente ispirato dal latino "transalpino" e "cisalpina", che significa rispettivamente dall'altra parte delle Alpi e dalla nostra parte delle Alpi.

Chiunque legga spesso incontra frasi latine. Molti dei nostri migliori scrittori conoscono il latino e lo usano con buoni risultati. Il latino può esprimere le cose con grande economia: "mutatis mutandis" (con le cose che devono essere cambiate dopo essere state cambiate), i suoi "dictis" (con quelle cose che sono state dette) per nominarne solo due. Molte frasi latine – di per sé, ad hoc, curriculum vitae, alibi – sono usate così frequentemente da non essere nemmeno messe in corsivo, e molte delle nostre abbreviazioni come et. al., viz, qv, AD, BC, AM, PM, ecc. sono latini. Molti, se non la maggior parte, i modelli di auto hanno nomi latini: Volvo, Audi, Fiat, Stratus, ecc. Il latino sembra infondere loro un tocco "classico".

Il latino continua a prosperare perché è onnipresente e immortale.

Per un elenco completo dei post del blog "La vita come bilingue" per area di contenuti, vedere qui.

Foto per gentile concessione di Wikimedia (Carole Raddato)

Il sito web di Ann Patty

Il sito web di Aneta Pavlenko

Solutions Collecting From Web of "Non sei mai troppo vecchio per imparare una nuova lingua"