Non reprimiamo i ricordi dolorosi dell'infanzia

Dimentichiamo i nostri peggiori ricordi? Alcuni psicoterapeuti credono che quando i bambini sono feriti – specialmente se sono abusati sessualmente – possono "dissociarsi" e bloccare la memoria per proteggersi dal dolore. Ma il ricordo li colpisce ancora, mostrandosi in ansia o rabbia su altre questioni decenni dopo. In teoria, "recuperare" la memoria dell'esperienza originale aiuterà i pazienti adulti con problemi attuali.

Tuttavia, per citare l'American Psychological Association, c'è "poco o nessun supporto empirico" per il concetto di ricordi repressi o dissociati di abuso sessuale. Le persone che sono state abusate sessualmente da bambini di solito ricordano in parte o tutti gli eventi, anche se potrebbero non parlarne o vederli chiaramente.

Il movimento di "recupero della memoria", che è cresciuto negli anni '80, sembra essere stato un contraccolpo nei confronti di quarant'anni di negazione di veri e propri resoconti di abusi sessuali. Secondo il grande padre della psicanalisi, Sigmund Freud, tutti i bambini potrebbero fantasticare sui rapporti sessuali con i loro genitori. A credito di Freud, ha anche sottolineato che i ricordi di abusi sessuali potrebbero essere corretti. Ma i suoi seguaci americani vennero regolarmente a scartare i racconti di incesto come fantasie. Quell'idea dominava nelle corti americane, e lavorava contro molte donne o bambini che accusavano uomini, sostiene lo scrittore britannico, il defunto Richard Webster, in "Perché Freud era sbagliato: peccato, scienza e psicoanalisi". "Ancora e ancora donne trovate che i loro ricordi interamente genuini di abusi sessuali erano scontati o negati dagli psicoterapeuti. Ancora e ancora i resoconti fattuali di bambini sconvolti e angosciati venivano liquidati come fantasie ", scrive.

Quindi il pendolo oscillò e la polarizzazione fu invertita. Ora gli psicoterapeuti erano sollecitati a vedere qualsiasi accenno di memoria – o una qualsiasi ampia varietà di sintomi psicologici – come segno di abusi sessuali precoci. Come scrisse Frederick Crews, "The Revenge of the Repressed", nel New York Review of Books, nel novembre 1994, "una singola diagnosi per disturbi vari – quella di abusi sessuali inconsciamente repressi durante l'infanzia – è cresciuta … dal virtuale non- esistenza a frequenza epidemica. "

Perché mai così tanti pazienti accetteranno un'idea dolorosa se non fosse vero? L'evidenza suggerisce che le persone che riferiscono di abusi infantili hanno maggiori probabilità di soffrire di paralisi del sonno – quando ti risvegli mentalmente dal sonno prima che il tuo corpo sia in grado di muoversi. La paralisi del sonno può includere allucinazioni tattili e visive, spesso di intrusi minacciosi nella camera da letto. È possibile interpretare queste allucinazioni come parti di vecchi ricordi poco chiari. Le persone che soffrono di paralisi del sonno hanno anche maggiori probabilità di avere problemi emotivi, inclusa la depressione.

Richard J. McNally, professore di psicologia ad Harvard che ha studiato estensivamente adulti che riportano abusi sessuali infantili, riporta un'altra possibilità: alcuni bambini non capiscono che qualcosa di notevole sta accadendo in quel momento ma quando ricordano l'evento più tardi e lo vedono attraverso gli occhi degli adulti soffrono "un'angoscia intensa", scrive.

I falsi ricordi sono ben documentati nella storia legale. Siamo vulnerabili a ciò che gli psicologi chiamano "suggestione" e possiamo costruire innocentemente false o "pseudomomorie" di eventi che non si sono mai verificati, se sono incoraggiati da qualcuno di cui ci fidiamo. Uno studio sconvolgente del 2007 ha rilevato che quando le persone ricordavano l'abuso sessuale durante l'infanzia durante la terapia, il loro racconto era meno probabile che fosse corroborato da altre prove rispetto a quando i ricordi venivano senza aiuto. Tristemente, i terapeuti ben intenzionati hanno fatto del male ai loro pazienti.

J Disturbo d'ansia. 2008 Dec; 22 (8): 1535-41. doi: 10.1016 / j.janxdis.2008.03.007. Epub 2008, 13 marzo.

Prevalenza e correlazioni della paralisi del sonno negli adulti che riportano abusi sessuali nell'infanzia.

Una versione di questo pezzo è apparsa su Your Care Everywhere.

Solutions Collecting From Web of "Non reprimiamo i ricordi dolorosi dell'infanzia"