"Non è quello che sai, è chi conosci"

Qualcuno ha scritto un libro e poi un musical su come avere successo negli affari senza realmente provarci. Era una prescrizione per quello che una persona ambiziosa senza abilità o talento o cervello ha bisogno di fare per avere successo. Era questione di essere nel posto giusto al momento giusto e di dire le cose giuste alle persone giuste. È stato divertente perché ha alluso a certi aspetti del business che tutti riconosciamo. Le persone a volte riescono a farsi strada nella scala aziendale. Altri "si elevano al loro livello di incompetenza". Si dice – di solito da qualcuno che non progredisce rapidamente in una carriera – "Non è quello che sai, è chi conosci". E ogni giorno offre la prova di questa tesi. Ogni giorno sento parlare di qualcuno promosso perché raccomandato da un potente amico del capo, o, più recentemente, che un uomo non qualificato è stato promosso a una posizione manageriale perché era l'amante (segretamente) dell'uomo che gestiva l'azienda . Conosco una segretaria che ha sposato il suo capo, poi ha divorziato da lui per sposare il capo del suo capo e poi ha pensato di divorziare e di sposarsi di nuovo con uno dei primi tre ufficiali di questa importante compagnia. Le sue responsabilità commerciali aumentarono in tandem.

Molti lavoratori non sono inclini a "dormire fino in cima" o ad ottenere un lavoro da recitazione esibendosi in "allenatore del casting". Altri ancora – sono sicuro che il gruppo più grande – non hanno questa opportunità. Non consiglio di partire per un'avventura simile. Conosco molti affari aziendali che si sono conclusi con l'espulsione di entrambi i partecipanti.

Mi piace pensare che la competenza sia il fattore determinante più importante del successo professionale; ma se lo è, è solo a lungo andare. Chiunque sia esperto in un particolare campo può indicare qualcuno di preminente in quel campo che non conosce abbastanza per giustificare la sua posizione e reputazione altezzosa. Non è necessario essere esperti per diventare presidente di questa o quella società o di un'autorità che viene intervistata in televisione in economia o in politica. O psicologia. Alcune persone diventano "famose per essere famose". Di solito, la loro relativa incompetenza è più o meno una questione privata, attestata solo da lavoratori nello stesso campo; ma ci sono quelli che falliscono pubblicamente senza perdita di reputazione. Si consideri il mondo della finanza, in cui la maggior parte degli esperti ha misurato le proprie prestazioni e si vede che non è all'altezza delle medie industriali anno dopo anno. Eppure prosperano. Il fallimento di un noto consulente è stato così grande che ha minacciato di far crollare l'economia. Ma anni dopo non riuscì a gestire ancora un altro hedge fund. È facile capire come qualcuno, in una posizione minore, che ogni giorno fatichi il suo lavoro, facendo il meglio che può, diventa risentito.

Nessuno fa bene andare in giro borbottando sulle varie ingiustizie della vita. Le cose sono come sono e non sono molto diverse da come sono sempre state. Ma non siamo del tutto in grado di affrontare un mondo in cui la battaglia non va sempre ai forti, né alla corsa verso il rapido – né il successo al degno. È possibile giocare con queste regole arbitrarie e rendere ancora più probabile il successo. Non suggerisco di manipolare o ricattare nessuno. Non sto suggerendo nulla di immorale. Tuttavia, sto suggerendo di comportarmi in modo ragionevole per promuovere se stessi in modi che vanno oltre il semplice fare un buon lavoro.

suggerimenti:

L'impressione che fai all'inizio di un nuovo lavoro è particolarmente importante. Durante le prime due settimane non sarai licenziato a causa dell'incompetenza. Questo perché tutti si aspettano che ci vorrà un po 'per capire. Ma altri aspetti del tuo lavoro saranno notati. Sii amichevole con tutti! Ciò include i colleghi, il personale delle pulizie e, soprattutto, i segretari. Questi sono tutti individui che sono in una posizione, se sono così inclini, a dare una guida su ciò che sta realmente accadendo in azienda. Possono aiutarti, coprire per te e in altri modi proteggerti, se gli piacciono. Queste sono alcune delle persone che dovresti sapere che potrebbero essere più importanti di "… quello che sai." Rimani in ritardo nelle prime settimane. Se non c'è una ragione ovvia per rimanere in ritardo, trova una ragione. Non è importante venire a lavorare presto. Nessuno se ne accorgerà se arriverà presto, ma la gente se ne accorgerà fino a tardi.

Circa un mese dopo esserti sistemato nel lavoro, fissa un appuntamento per parlare con il tuo capo in privato. Chiedile se pensa che tu abbia "le tue priorità" o se dovresti fare il tuo lavoro in un modo diverso. Prima di tutto, fa una buona impressione sembrare voler migliorare le tue prestazioni, cioè il desiderio di essere responsabile e affidabile. Non dovresti suggerire di pensare che potresti avere risultati mediocri, ma c'è sempre margine di miglioramento. Inoltre, è possibile che il tuo capo abbia alcune critiche da fare; ed è importante informarsi su di loro il più rapidamente possibile. Se ti fa i complimenti, ti sentirai più a tuo agio nel tuo nuovo lavoro.

Prendi sul serio la necessità di fare amicizia con l'azienda. Qualcuno che è diligente, ma timido, può non essere apprezzato. Nelle grandi aziende gli amici sono spesso in grado di dirti quando un lavoro desiderabile si sta aprendo, e anche a volte potrebbe essere in grado di consigliarti. Se lavori in una capacità tecnica o scientifica, leggi il lavoro che altri hanno svolto in azienda. Fai di tutto per dimostrare loro che sei interessato a quel lavoro. Chiedi loro del tempo per parlare del loro lavoro. Dopo un po ', puoi chiedere loro un'opinione su qualcosa che hai fatto, o hai intenzione di farlo. Se qualcuno può farti un piccolo favore facilmente, quella persona si sentirà bene con se stessa e con te. (Se riesci a fare un favore a un tale individuo, funziona anche in questo modo.) I grandi favori sono un'altra storia. A nessuno piace essere in debito con qualcuno con cui lavorano.

Vai a feste aziendali, pranzi e anniversari, anche se trovi questi noiosi e irrilevanti. Sii gentile con le persone che stanno lasciando la compagnia o che sono attualmente fuori dal favore per qualche motivo o per un altro. Potrebbero ancora essere in grado di aiutarti. Ovviamente, non rifiutare un invito personale da parte del tuo capo; ma devi esitare ad iniziare un tale coinvolgimento sociale. (A volte puoi preparare il terreno per un contatto così personale offrendo un biglietto extra per un gioco con la palla o facendo qualcosa di simile.) Se non pensi che un comportamento del genere sia appropriato con il tuo capo, probabilmente hai ragione.

Se ti trovi in ​​conflitto con i colleghi o con un capo, prendi la posizione che dirai e fai solo quelle cose che vanno oltre i tuoi scopi. A volte è necessario seguire un trattamento ingiusto, a volte è necessario far valere te stesso. Ci sono anche pochissime volte in cui puoi lamentarti di un capo a un livello più alto. Ma non hai il diritto di discutere o creare storie per ottenere qualcosa dal petto. Prima di fare qualsiasi cosa, chiediti se fare quella cosa è nel tuo interesse.

Non: mentire a qualcuno su qualsiasi cosa. Essere intrappolati in una bugia ti rende per sempre inaffidabile agli occhi di tutti gli altri. Non evitare di ammettere errori, soprattutto se si può ragionevolmente aspettarsi che l'errore venga alla luce, che di solito è il caso. D'altra parte non dire nulla che denigra la tua esibizione! Se qualcuno si congratula con te per aver fatto un buon lavoro, non dire qualcosa di negativo come "Sì, ma vorrei poterlo fare anche io. E sarebbe stato bello se allo stesso tempo … "Dì, invece," Sono contento che tu la pensi così. E 'stato particolarmente difficile a causa di tale e così e così e così … "Se un cliente o un cliente ti ringrazia per aver fatto un buon lavoro, digli che sei contento che lo pensino, e sarebbe di aiuto se volessero non importa metterlo in una lettera alla compagnia. Certo, non prendersi il merito del lavoro di qualcun altro. Nessun vantaggio a breve termine vale la pena fare un nemico. Se qualcuno si prende il merito del tuo lavoro, non perdere la pazienza. Pensa in qualche modo che puoi indicare il tuo contributo senza sembrare meschino. Se sei in grado di esprimere apprezzamento per il lavoro di qualcuno che lavora con te o per te, assicurati di farlo. Ascolta rispettosamente tutti, anche se quello che senti è un'assurdità. Se sei un capo che cerca di implementare un programma, non funzionerà se non hai l'entusiastica collaborazione delle persone sotto di te – e questo viene solo quando pensano di essere consultati. Non gridare a qualcuno che lavora per te solo perché il tuo capo ti ha urlato contro. Non rifiutare l'opportunità di maggiori responsabilità, come la gestione degli altri, perché pensi che sia al di là del tuo livello di competenza. È probabile che tu possa imparare dai tuoi errori. Vuoi sempre proiettare la fiducia in se stessi. Non è desiderabile l'insabbiamento di un alto funzionario nella compagnia. In linea di principio, adulare un capo potrebbe essere una buona idea, ma la maggior parte delle persone non riesce a farlo in modo convincente. Non vuoi sembrare insincero. Il che mi ricorda quella vecchia battuta:

Agente di Hollywood: tutto ciò che serve per avere successo in questa città è sincerità; e se riesci a simularlo, ce l'hai fatta.

Consiglierei di evitare complicazioni romantiche al lavoro, se pensassi che qualcuno dovrebbe prestare attenzione al mio consiglio; ma su tali questioni, non lo fanno. Raccomando, per lo meno, comunque, di non documentare un affare illecito con e-mail e altre comunicazioni scritte. Se sei come la maggior parte delle persone, probabilmente ignorerai anche questo consiglio.

Prendi questi suggerimenti e un giorno la gente ti ammirerà per le persone che conosci in compagnia. Mira anche alla competenza. (C) Fredric Neuman. Autore di "Superpotenze". Segui il blog del Dr. Neuman all'indirizzo fredricneumanmd.com/blog/ o chiedi consiglio a fredricneumanmd.com/blog/ask-dr-neuman-advice-column/

Solutions Collecting From Web of ""Non è quello che sai, è chi conosci""