Non possiamo dare fuoco al Corano senza in definitiva bruciare noi stessi

Ad agosto, un pastore di una piccola chiesa della Florida ha annunciato su Facebook il suo progetto di ospitare "Burn a Quran Day" per celebrare il nono anniversario degli attacchi dell'11 settembre . L'11 settembre ha annunciato che la sua chiesa non sarebbe andata avanti con il rogo del Corano, ma a quel tempo i suoi piani erano stati trasmessi in tutto il mondo, erano scoppiati disordini, il presidente lo aveva invitato a non farlo, e almeno 16 persone sono state uccise.

Ironia della sorte, l'obiettivo dichiarato del pastore era quello di esporre un elemento dell'Islam che è "molto pericoloso e molto radicale", l'ironia di essere che probabilmente minaccia di bruciare il libro più sacro di una delle religioni più popolari del mondo potrebbe essere visto come abbastanza pericoloso , se non di natura radicale (cioè la pentola che chiama il bollitore).

L'incendio dei libri è lontano da un'idea originale

; dall'antico Egitto alla Germania nazista e persino negli Stati Uniti molti governi e leader religiosi nel corso della storia hanno chiesto il rogo dei libri per demoralizzare i gruppi, fare una dichiarazione o cercare di sradicare le idee. Certamente, nonostante la perdita di testi preziosi e la demoralizzazione della gente, le idee e le credenze non possono essere sradicate da tali azioni. In molti casi, come questo recente incidente, la minaccia o l'azione serve solo a rafforzare le opinioni di coloro che li detengono (in questo caso, mentre non fa nulla per danneggiare l'Islam, è servito solo a rafforzare la visione che gli Stati Uniti sono pieni di persone che odiano i musulmani e sono di mentalità chiusa e odiosa).

Naturalmente, questo predicatore poco conosciuto proveniente da una chiesa scarsamente frequentata non era una voce solitaria in questa sciarada : i mezzi di comunicazione di massa e i talk show hanno aiutato a trasmettere le sue intenzioni, dando aggiornamenti un po 'alla volta e rendendola la notizia globale che è diventata. Forse il ruolo della stampa, sempre presente negli sforzi per creare sensazioni, dovrebbe anche essere chiamato a svolgere il proprio ruolo nella violenza conseguente e l'ondata di sentimento anti-americano. E forse i media hanno anche avuto un ruolo significativo nelle origini del pregiudizio di questo predicatore nel ritratto dei musulmani come un gruppo radicale, arrabbiato e violento che dovrebbe essere temuto, piuttosto che un gruppo per lo più pacifico che crede in Dio, prega regolarmente, digiuna durante il Ramadan e fa un pellegrinaggio in luoghi santi.

Ma la buona notizia è che nonostante le migliaia di persone che si sono fatte avanti a favore dell'incendio, la maggior parte degli americani si è opposta agli sforzi di quest'uomo che si leva in piedi sulla frangia radicale . L'11 settembre, un gruppo interreligioso di leader religiosi cristiani, ebrei e musulmani ha rilasciato una dichiarazione che definisce le sue azioni un esempio di "totale bigottismo" e ha affermato che "attaccare qualsiasi religione negli Stati Uniti è fare violenza alla libertà religiosa di tutta l'America ". Nella sua dichiarazione al predicatore, il presidente Obama era anche d'accordo con questo sentimento. Oltre alla sua preoccupazione espressa che bruciare il Corano avrebbe messo in pericolo truppe nei paesi musulmani dove servivano, ha affermato che tali azioni sono "completamente contrarie ai nostri valori come americani; che questo paese è stato costruito sulle nozioni di libertà religiosa e tolleranza religiosa ".

Naturalmente, chiaramente questo è l'ideale per cui ci battiamo: nel corso della storia a volte non siamo riusciti a raggiungere tale libertà e tolleranza. Ma come gli americani, nonostante questo predicatore, è necessario continuare a lottare per raggiungerlo. Secondo il Pew Forum, a metà 2010 ci sono 1,57 miliardi di musulmani nel mondo – un secondo vicino solo al cristianesimo – e i numeri stanno crescendo più velocemente della popolazione mondiale. Demonizzare l'intera religione significa demonizzare e alienare una parte significativa del mondo in cui viviamo. Vivere nella paura e nell'opposizione e nel giudicare, una religione e persone di cui molti non sanno veramente molto è come ogni altra pregiudizio; Semplicemente ci rende più piccoli piuttosto che aiutarci a evolvere e crescere in qualcosa di meglio. Accogliere nuove idee e crescere nell'accettazione è difficile, ma alla fine chiudere i nostri cuori e le nostre menti ci fa più male che nuoce a chiunque altro.

Foto di Alex Wong / Getty Images

Solutions Collecting From Web of "Non possiamo dare fuoco al Corano senza in definitiva bruciare noi stessi"