Non pensarci

Basta non pensarci. Stai cercando di smettere di fumare? Evitare di mangiare dolci? Superare una relazione? Smettila di pensarci. Questo è sorprendentemente un cattivo consiglio. Sopprimere i pensieri potrebbe essere controproducente.

Non pensare agli orsi bianchi. Mentre leggi il resto di questo post sul blog, non pensare agli orsi bianchi. Daniel Wegner ei suoi colleghi hanno spesso studiato gli effetti del chiedere alle persone di non pensare agli orsi bianchi (e ad altre cose). Hanno fatto due risultati principali. In primo luogo, le persone hanno difficoltà a sopprimere i pensieri. Cercare di sopprimere non è efficace al 100% – quell'orso bianco continua ad abitare i tuoi pensieri anziché la calotta polare. Quando si sopprime, molte persone tengono a mente altri pensieri e tengono a mente l'idea che non stanno pensando a qualcosa. Ogni tanto pensi a quello a cui non stai pensando solo per essere sicuro che non ci pensi e eccolo lì: l'orso bianco, o barrette di cioccolato, o sigarette, o quella vecchia fiamma.

Il secondo, e più importante, risultato è che le persone sperimentano un effetto di rimbalzo dopo aver tentato di sopprimere un pensiero – pensano all'orso bianco più a seguito dei tentativi di soppressione. Rispetto alle persone incoraggiate a pensare semplicemente all'orso, le persone che per la prima volta hanno cercato di sopprimere i pensieri dell'orso bianco hanno molti altri casi in cui si pensa all'orso bianco. Wegner ed i suoi colleghi hanno scritto che "l'effetto paradossale della soppressione del pensiero è che produce una preoccupazione per il pensiero soppresso".

Wegner ha spesso suggerito che i rimbalzi successivi alla soppressione del pensiero possono contribuire a ossessioni, fallimenti diete e difficoltà a fermare comportamenti come il fumo. In una nuova ricerca pubblicata quest'anno, James Erskine ei suoi colleghi hanno dimostrato sperimentalmente che la soppressione del pensiero ha effetti controproducenti sui comportamenti.

Erskine e Georgiou hanno condotto un esperimento in cui hanno esaminato gli effetti della soppressione dei pensieri sul cioccolato (qualcosa con cui ho una certa esperienza personale). In primo luogo, i partecipanti si sono impegnati in un compito di registrazione dei loro pensieri. Ad un terzo è stato chiesto di pensare al cioccolato, un terzo per sopprimere i pensieri sul cioccolato e un terzo per registrare semplicemente i propri pensieri senza suggerimenti sul contenuto. Successivamente a tutti i partecipanti è stato chiesto di valutare un po 'di cioccolato su diverse qualità legate al gusto. Il problema non erano le loro valutazioni, ma piuttosto quanto cioccolato mangiavano. Le persone che avevano provato a sopprimere i pensieri sul cioccolato mangiavano più cioccolato! La soppressione non solo ha portato ad un rimbalzo nei pensieri di cioccolato, ma anche a un rimbalzo nel consumo di cioccolato. Cercare di non pensare a quel candy bar potrebbe rendere ancora più probabile il consumo di quella barretta di cioccolato (e dei suoi amici nel distributore automatico). L'effetto è stato più evidente nei consumatori moderati – cioè, le persone già provano a limitare l'assunzione di cibo.

In uno studio correlato, Erskine, Georgiou e Kvavilashvili tentarono la soppressione del pensiero con i fumatori. In questo caso, hanno intrapreso uno studio molto più ampio. I fumatori hanno registrato il numero di sigarette che hanno fumato per tre settimane (hanno anche registrato molte altre informazioni come lo stress, l'abitudine al fumo, ecc.). La prima settimana è servita come base per il consumo di sigarette. Nella seconda settimana alcuni fumatori hanno tentato di sopprimere i pensieri sul fumo, alcuni sono stati incoraggiati a pensare al fumo il più frequentemente possibile e un gruppo di controllo ha semplicemente continuato a registrare il consumo di sigarette. Le buone notizie? Le soppressioni hanno portato ad una diminuzione del fumo durante la settimana in cui i fumatori stavano sopprimendo i pensieri sul fumo. Le cattive notizie? Si è verificato un importante effetto di rimbalzo. Nella settimana successiva, quelli che avevano precedentemente cercato di sopprimere i pensieri sul fumo fumavano più sigarette. Quando hanno smesso di sopprimere, hanno aumentato il fumo.

Non pensarci, è un cattivo consiglio. Anche se le persone possono avere un successo limitato a sopprimere i pensieri per un po ', il pensiero riprenderà. Il bello risultato della ricerca di Erskine e colleghi è che i pensieri in rimbalzo hanno portato a comportamenti di rimbalzo – più cioccolato consumato e sigarette fumate. Forse dovremmo sopprimere i pensieri sulla soppressione.

Solutions Collecting From Web of "Non pensarci"