NON è l'economia, stupido!

Quando studiavo psicologia, ho imparato a conoscere il lavoro di Abraham Maslow, il quale sosteneva che i bisogni umani potevano essere organizzati e compresi gerarchicamente – in seguito visualizzati come una piramide – con bisogni di sopravvivenza in fondo e bisogni di amore, autostima e auto- attualizzazione a riposo e dipendente da questi più elementari bisogni di cibo, vestiario e riparo. La soddisfazione di bisogni più elementari è vista come necessaria affinché le persone possano provare forti desideri per le cosiddette soddisfazioni "di ordine superiore".

Il problema è che questa visione della motivazione umana è sbagliata. I bisogni di sopravvivenza economica non sono necessariamente più importanti di tutti gli altri. Le conseguenze politiche sono importanti: solo un movimento o un partito politico che parla alla più ampia gamma di aspirazioni nelle persone conquisterà abbastanza cuori e menti e costruirà abbastanza potenza per sostenere le sue vittorie.

I liberali, sfortunatamente, non hanno ricevuto il messaggio.

Quando James Carville disse ai suoi agenti nel 1992 nella campagna di Clinton di ricordare, "è l'economia, stupido", stava dicendo loro di ricordare la validità universale della gerarchia di Maslow, che le persone si preoccupano più di problemi di pane e burro di qualsiasi altra cosa. I liberali pensano ancora che sia così. Una volta che i media che coprono la campagna presidenziale del 2016 superano la sua preoccupazione per Donald Trump, i Democratici ci ricorderanno di nuovo le importanti questioni della disuguaglianza dei redditi, dell'assistenza sanitaria, del salario minimo e del potere del denaro in politica, questioni più chiaramente articolate oggi dal Campagna di Bernie Sanders.

Un attivista progressista di recente mi ha detto che se i progressisti potevano mettere abbastanza organizzatori "alle porte" in abbastanza quartieri del paese ed educare le persone sui modi in cui venivano fregati dalle grandi banche e dagli hedge fund, le persone si libererebbero dalle loro ciniche dimissioni e unisciti a un movimento per il cambiamento sociale.

Il nocciolo di questa credenza progressista è che, data una sufficiente educazione sulla realtà economica, le persone voteranno principalmente il proprio interesse economico. L'assunto non detto è che, seguendo Maslow, le persone sono guidate dai loro bisogni di sopravvivenza, in primo luogo e soprattutto, a meno che un partito o un movimento politico non risponda a questi bisogni prima, altri programmi e programmi cadranno nel vuoto.

Pur promuovendo buone politiche, i liberali non costruiranno mai un movimento capace di conquistare una maggioranza progressiva permanente se continuano a fraintendere la natura della psiche e ciò che la motiva. L'egoismo economico non è, infatti, il fondamento della psiche umana. Coesiste e interagisce con molti altri bisogni e interessi, entrambi importanti quanto i bisogni di sopravvivenza di Maslow. L'incapacità di comprendere la complessità della motivazione umana è un punto cieco per liberali e progressisti, rendendo estremamente difficile ispirare e spostare le persone a livelli abbastanza profondi da creare istituzioni sostenenti e un movimento basato sulle passioni più profonde della gente.

Quindi, come si sbaglia la gerarchia di Maslow? Le prove sono intorno a noi. Il professore di psicologia di Swarthmore, Barry Schwartz, ha recentemente scritto un editoriale per il New York Times sul perché le persone lavorano, citando un'enorme quantità di ricerche per sostenere che le persone vogliono un significato, uno scopo e un senso di efficacia personale nel loro lavoro tanto quanto un grande stipendio. Schwartz ha mostrato che il bisogno di significato e di scopo è potente almeno quanto il bisogno di denaro. Come lui e molti ricercatori hanno dimostrato, le aziende che offrono ai dipendenti un campo di azione più ampio nel loro lavoro, un maggiore controllo e soprattutto la sensazione di contribuire a qualcosa di più grande di loro, qualcosa di più nobile, sono culture in cui le persone lavoreranno più difficile, rimanere più a lungo e accontentarsi di buste paga più piccole. Questo bisogno di significato è al centro dei sacrifici che i genitori sono disposti a fare per creare opportunità per i loro figli. In tal modo, i genitori si sentono collegati al futuro. E certamente le persone attive nei movimenti di cambiamento sociale spesso rinunciano ai guadagni individuali e alle ricompense materiali per avere la possibilità di essere parte della storia, per contribuire a creare un futuro migliore per gli altri.

Le persone hanno molti altri bisogni non economici che possono essere altrettanto potenti di quelli che esprimono il proprio interesse finanziario di fondo. Ad esempio, le persone devono essere parte delle comunità, essere collegate agli altri nei rapporti di reciprocità e reciprocità. Siamo cablati dalla nascita per cercare una connessione con gli altri. Un cartone animato nel New Yorker del 14/06/93 ha catturato questo riflesso innato, raffigurante due uccelli seduti insieme, uno che dice all'altro: "Certo che ti amo. Sono programmato per amarti. Sono un maledetto piccioncino! "

Tutto ciò che dobbiamo fare è guardarci intorno, e dentro di noi, per provare il potere del desiderio di relazioni. I soldati riferiscono di combattere e rischiare non per il loro paese, ma per la loro piccola squadra di fratelli e sorelle con cui sentono una profonda interdipendenza. I bambini scelgono di rimanere con genitori abusivi invece di separare le relazioni che conoscono per l'ignoto. Un meccanismo attraverso il quale i gruppi di 12 passi aiutano i tossicodipendenti è fornendo un senso di appartenenza ad una comunità accettante. Anche le fantasie di destra sulla protezione di "noi" ("veri" americani) da "loro" (es. Immigrati, gay, musulmani, ecc.) Rispecchiano questo bisogno stabilendo un'esperienza immaginaria di solidarietà collettiva in cui noi "addetti ai lavori" siamo minacciati da quegli "estranei". Tali fantasie attirano gli aderenti proprio perché tutti vogliono appartenere a qualche forma di "noi".

Oltre a una sensazione di significato e di connessione, anche le persone bramano il riconoscimento, la sensazione che siano apprezzate per quello che sono e per ciò che è speciale in loro. I dipendenti rimangono più a lungo e lavorano di più per le aziende che forniscono elevati livelli di riconoscimento. La maggior parte delle persone può ricordare un insegnante o un mentore speciale la cui attenzione ha nutrito i loro talenti e le loro ambizioni.

I liberali hanno bisogno di imparare che le istituzioni capaci di ispirare passione e lealtà gestiscono per parlare e soddisfare molteplici bisogni umani. Quando il giornalista Malcolm Gladwell studiò la Saddleback Church di Rick Warren a Orange County, in California, scoprì che il suo successo stava nel modo in cui rispondeva intenzionalmente alla più ampia gamma di bisogni e motivazioni, molti dei quali non economici, di congregazione. I membri si sono incontrati in piccoli gruppi, fornendo esperienze di connessione personale e comunità spirituale. Ai membri vengono assegnati ruoli significativi e incoraggiati a imparare e insegnare, e un vivace programma educativo per adulti basato sulla chiesa è stato avviato. Le persone che hanno fatto bene sono state riconosciute pubblicamente e hanno avuto altre opportunità di servire la congregazione.

I liberali continuano a concentrarsi sull'economia, tuttavia, e inquadrano la loro visione della "buona vita" principalmente in termini di sicurezza materiale, opportunità e giustizia. Sarebbe ingenuo, naturalmente, dire che questi obiettivi e valori non dovrebbero essere indiscutibilmente assi vitali in una piattaforma progressiva. Lottando per far quadrare i conti mentre l'1 per cento più alto riesce a scappare con l'omicidio economico è una piaga della nostra società e offensivo ai valori di uguaglianza ed equità incorporati nei cuori e nelle menti della maggior parte degli americani, e un movimento di cambiamento sociale che non sottolinea la giustizia economica sarà considerata irrilevante per le vite reali della maggior parte degli americani.

Ciononostante, i liberali si sbagliano gravemente quando presumono che la gerarchia dei bisogni di Maslow sia universale e che i programmi che promuovono principalmente la redistribuzione economica parlino di ciò a cui le persone si interessano maggiormente. Un tale punto cieco è controproducente per i sostenitori della politica progressista.

Invece, i progressisti devono affrontare altri valori e parlare ad altri bisogni come quelli per significato e scopo, connessione e comunità, riconoscimento, azione e apprendimento. Non dovremmo semplicemente chiedere l'accesso universale all'assistenza sanitaria, ma per le relazioni di cura con i fornitori di assistenza sanitaria. Non dovremmo semplicemente difendere la separazione tra chiesa e stato dalle minacce della destra cristiana, ma abbracciare il bisogno che le persone hanno per qualche tipo di esperienza spirituale e articolare le visioni sociali radicali che si trovano all'interno di teologie cristiane, ebraiche e musulmane, visioni che promuovono riconoscimento reciproco, comunità e sentimento di sacra responsabilità per chi ha meno di noi. Dovremmo sostenere militivamente i sindacati e i loro sforzi organizzativi, non semplicemente perché tali sforzi cercano di correggere le disuguaglianze economiche, ma perché i sindacati sono una delle poche istituzioni rimaste in grado di contrastare gli effetti tossici dell'individualismo cane-cane-cane così spesso sdraiato dietro i sentimenti di fallimento e solitudine nella nostra cultura di oggi.

Non possiamo ridurre la politica alla psicologia, ma la nostra politica deve essere coerente con ciò che la psicologia ha dimostrato essere vera riguardo alla psiche umana. Qualsiasi movimento – o partito politico – che non lo capisca potrebbe occasionalmente ottenere dei voti, ma mai l'impegno appassionato delle persone di cui ha bisogno per realizzare veramente i suoi obiettivi.

Solutions Collecting From Web of "NON è l'economia, stupido!"