"Non l'avrei visto se non l'avessi creduto"

Phyllis Dolhinow, la mia consulente universitaria, una volta ha iniziato una lezione sulla comprensione del comportamento avvertendoci di non cadere nella trappola di "Non l'avrei visto se non ci avessi creduto". Un vero avvertimento, perché se già sappiamo come il mondo "è", è difficile fare domande valide ed essere aperto a una serie di risposte.

Come esseri umani, cresciamo in un mondo sociale complesso e acquisiamo attraverso l'esperienza di vita famiglia, religione, istruzione, colleghi, social media, ecc., Gli schemi o la visione del mondo, che vediamo attraverso le nostre vite quotidiane. O, in altre parole, indossiamo un paio di "occhiali di realtà". Le nostre percezioni e aspettative di ciò che è reale e normale, pre-interpreta il mondo che ci circonda e ci dà la possibilità di muoversi attraverso la vita senza dover analizzare e criticamente sezioniamo ogni interazione ed esperienza che abbiamo.

Questo può avere dei risultati molto buoni. Vogliamo essere in grado di fare cose come guidare una macchina, salutare la gente, fare la spesa, e comportarsi in modo socialmente appropriato in pubblico più o meno sul pilota automatico. Ma questo stesso autopilota percettivo include anche una serie di ipotesi su ciò che è naturale per gli umani. Quindi, quando facciamo domande sul perché gli esseri umani fanno ciò che facciamo, spesso presumiamo di conoscere già le risposte, anche se non consapevolmente.

Lasciate che vi faccia un esempio. Se un uomo afferra una palla da baseball e la lancia spingendola avanti dal gomito, siamo più propensi a non dire che "getta come una ragazza". Ma abbiamo torto: lancia come un umano che non è stato addestrato a lanciare un baseball.

Lanciare un piccolo oggetto rotondo flettendo il braccio al gomito è perfettamente in linea con il funzionamento dell'anatomia dell'arto superiore umano. Avvolgere il braccio indietro e lanciare dalla spalla non è: deve essere appreso (pensa a tutte le ferite che si lanciano come quelle che provocano i lanciatori).

Che cosa deve fare questo facendo domande sulla natura umana? Vediamo questo ragazzo "lanciare come una ragazza" perché pensiamo che gli uomini lanciano naturalmente le palle e le donne no. Proprio come assumiamo molte cose su ciò che è "naturale" per uomini e donne. Ma molte di queste presunte differenze sono sbagliate o esagerate (ne parlerò in futuro nei blog).

Questo ragazzo, come molte ragazze, stava lanciando come un uomo inesperto nel baseball, non "come una ragazza". Abbiamo visto un aspetto di differenza sessuale per questo comportamento perché credevamo che fosse lì, ma non perché fosse lì biologicamente parlando.

Restiamo con questo focus sul sesso. Molti di voi hanno sentito parlare di differenze nel desiderio di più partner sessuali; gli uomini vogliono molti e le donne ne vogliono pochi. Inoltre, molti studi riportano che gli uomini vogliono avere più sesso delle donne. La spiegazione più comune è che gli uomini si sono evoluti per cercare molti partner sessuali e donne solo alcuni di alta qualità.

OK, ma la cosa interessante è che quando controlli l'uguaglianza di genere politica, economica ed educativa nel tuo pool di interviste le differenze si riducono. Inoltre, negli Stati Uniti, se confronti la media contro il numero medio di partner desiderati (il numero medio effettivo rispetto alla media), uomini e donne escono molto vicini. Le medie maschili sono più alte perché più uomini tendono a riportare un numero estremamente alto di partner desiderati. È davvero solo un riflesso della nostra storia evolutiva o le aspettative sociali e i ruoli di genere hanno anche qualcosa a che fare con il modo in cui le persone rispondono alle domande sul desiderio?

Il che mi porta alla battuta finale: quando guardi al comportamento sessuale attuale, al desiderio non segnalato, uomini e donne escono molto simili. Quindi, potremmo "vedere" le differenze di sessualità come un riflesso di una natura umana evoluta, ma il modello reale e le spiegazioni potrebbero non essere così chiari.

Quando si pensa alla natura umana, quando si ascoltano notizie, o si leggono articoli e blog sull'argomento, dovremmo sempre controllare noi stessi e chiedere: la domanda è stata posta in modo tale da predeterminare la risposta? Stiamo ignorando le spiegazioni alternative? I nostri "occhiali di realtà" specifici stanno ostacolando il modo di vedere la realtà?

C'è una grande citazione attribuita a Einstein "Un uomo dovrebbe cercare ciò che è, e non ciò che pensa dovrebbe essere." Ovviamente, cambierei "uomo" in "umano", ma tu capisci il punto. Abbiamo bisogno di essere il più critico e aperto possibile quando pensiamo e parliamo della natura umana.

Non vedere perché credi. Piuttosto, cerca di capire. Siate pronti ad accettare che le cose potrebbero essere complicate, e non proprio come vi aspettavate. Come dice il mio penetrante collega Wally Ruston "cerca di non sposarti con un unico risultato".

Ecco alcune buone letture sui modelli della sessualità e le loro complessità:

MG Alexander e TD Fisher (2002), Verità e conseguenze: uso del gasdotto per esaminare le differenze di sesso nella sessualità auto-riferita, Journal of Sex Research 40 (1): 27-35.

Anne Fausto-Sterling (2000) Sexing the Body: Gender Politics and the Construction of Sexuality

D. Herbenick, M. Reece, V. Schick, SA Sanders, B. Dodge e JD Fortenberry (2010), Comportamento sessuale negli Stati Uniti: Risultati di un campione nazionale probabilistico di uomini e donne di età compresa tra 14 e 94 anni, Journal of Sexual Medicine 7 (suppl. 5): 255-65

WC Pedersen, LC Miller, AD Putcha-Bhagavatula e Y. Yang (2002), Evoluzione delle differenze sessuali nel numero di partner desiderati? Il lungo e il corto di esso, Psychological Science 13 (2): 157-61.

DP Schmitt (2005), Sociosessualità dall'Argentina allo Zimbabwe: uno studio di 48 nazioni sul sesso, la cultura e le strategie di accoppiamento umano, Behavioral and Brain Sciences 28: 247-311.

Solutions Collecting From Web of ""Non l'avrei visto se non l'avessi creduto""