Non io, non potrei essere: il diavolo mi ha fatto fare a me!

Sembra che il diavolo abbia sempre avuto un brutto colpo. Oggi, incolpare il diavolo per le nostre debolezze individuali può essere la battuta di una battuta. Eppure, credo che si possa fare un caso per l'esistenza del Diavolo, senza buttargli un pozzo d'inchiostro e postare 95 blog online.

Per cominciare, lasciatemi dire che siamo tutti posseduti da uno spirito ribolle, che a volte può essere selvaggiamente irrispettoso, se non minacciosamente pericoloso per noi stessi e gli altri. Qualsiasi nome scegliamo, Lucifero, Mefistofele, Satana o semplicemente il Diavolo, è praticamente lo stesso.

Molto è stato scritto sul fare affari con il Diavolo, non solo da artisti del calibro di Faust, ma più recentemente tra The Devil e Daniel Webster e Damn Yankees . Il mercante ottiene la mano necessaria, ma poi deve pagare un prezzo irrecuperabile.

Credo che possiamo trovare un accordo migliore con questa parte di noi stessi e conoscendo da dove proviene, con i suoi desideri, bisogni e desideri. Qualsiasi accordo, ovviamente, è un compromesso. Tuttavia, non dobbiamo rinunciare alla nostra sensibilità per riconoscere questa parte prankish nella nostra vita quotidiana. Il modo in cui immagino questo spirito indisciplinato è come la parte animale di noi stessi. Sappiamo tutti che per coesistere con un animale, ha bisogno di essere addestrato, come meglio possiamo, nell'etichetta sociale, in particolare senza mordere.

Non possiamo mai espropriare con successo questa parte senza correre il rischio di un comportamento inopportuno e inappropriato. È, e sarà per sempre, una parte intrinseca di noi stessi, che noi o altri ci piaccia o no.

Come Lucifero, la mia nemesi ha le orecchie a punta e una lunga coda arcuata. Ma a differenza di Lucifero, la mia bestia nera ha zampe enormi, strisce arancioni, nere e bianche e morsi. Dovevo negoziare il miglior accordo che potevo.

Come potresti aver immaginato, immagino la mia parte indisciplinata come una tigre del Bengala. Dato che le tigri non possono parlare, ringhia quando si agita e fa le fusa quando è felice. La mia tigre e io non solo tolleriamo l'un l'altro ma sono i migliori amici.

Quando ho bisogno di essere un po 'più assertivo e controverso, la mia tigre viene in soccorso e mostra i suoi denti. Quando voglio sapere da dove vengono gli altri, la mia tigre offre intuizione per guardare oltre le apparenze. E quando voglio divertirmi, la mia tigre è sempre pronta a festeggiare e divertirsi con gli altri e le loro tigri.

Quando incontrò Jill, una grande ragazza dai capelli rossi, con i capelli rossi, con una testa di cinta, aveva ingerito una bottiglia di pillole di Tylenol e era appena stata rilasciata dal reparto suicidio. Jill era arrabbiata con lo psichiatra dell'ospedale, che Jill disse che non sapeva di cosa stesse parlando. Jill era arrabbiata con sua zia, che le aveva detto che il padre di Jill si era suicidato per un'overdose di droga. Jill era arrabbiata con il suo allenatore di basket, che l'aveva sospesa dalla squadra per aver lanciato un pugno a un compagno di squadra. E Jill era arrabbiata con se stessa per aver fallito il suicidio. Ho chiesto a Jill cosa ha fatto per divertimento. Ha detto che amava il basket, il calcio, il tennis e il freddo con i suoi amici.

Il padre di Jill era uscito di casa, trasferendosi in Arizona quando Jill aveva circa otto anni. Jill visitò il padre diverse estati e sentì uno stretto legame. Quando suo padre morì, a Jill non fu detto dell'overdose e continuò a tenere in grande considerazione suo padre. La sorella di sua madre, che a Jill non piaceva molto, aveva recentemente fatto un'osservazione sprezzante sul padre di Jill. Quando Jill ha iniziato a difendere suo padre, sua zia le ha permesso di farlo. Jill non ricordava esattamente cosa fosse successo, tranne che colpì un fondo emotivo e inghiottì il Tylenol.

L'allenatore di basket aveva reintegrato Jill nella squadra e i suoi amici hanno radunato il loro sostegno. Il problema immediato, tuttavia, erano altri compagni di scuola. Una ragazza sul bus della scuola, che Jill conosceva a malapena, porse a Jill una bottiglia di Tylenol e disse: "Se all'inizio non ci riesci." Jill si sentì umiliata e voleva saltare e strangolare la giovane donna, ma in qualche modo si trattenne . Mentre si preparava per la pratica, un rivale della squadra, riferendosi a Jill, la chiamava "Tylenol Kid". Gli amici di Jill trattenevano Jill dall'assaltare il suo compagno di squadra.

Ho detto a Jill che la sua rabbia era giustificata, ma il suo acting-out senza considerare le conseguenze, non lo era. Quando guidavamo lungo la strada, se tutti noi agitassimo i nostri impulsi rabbiosi quando un autista incurante ci tagliava davanti, ci sarebbe un caos nelle strade. Dovevamo assumerci la responsabilità delle nostre azioni sulla base di probabili conseguenze e se le nostre azioni valessero o meno.

"No", obiettò Jill, "dovevo essere pari."

Proviamo un altro approccio. Dal momento che biologicamente siamo tutti animali, portiamo alcuni istinti animaleschi. "Quando qualcuno ci provoca e noi reagiamo impulsivamente, l'altra persona è responsabile. L'altra persona "tira le corde", come se fossimo un burattino ".

"Ancora non capisco", rispose Jill.

OK, immaginiamo che il tuo lato animale sia una tigre feroce e che tu sia un addestratore di tigri. Anche se tieni un guinzaglio stretto sulla tua tigre, quando viene indebitato, questa parte della tigre diventa aggressiva. Puoi incolpare il diavolo o puoi incolpare la tua tigre. In qualsiasi modo, hai cercato di deviare la colpa da te stesso, quando, in realtà, sarai ritenuto responsabile per il tuo comportamento. Il mio consiglio per te è quello di possedere e rispettare la rabbia della tua tigre per voler proteggerti dai danni, ma non sprecare il tempo della tua tigre. Vieni con alcune battute verbali a primavera su quelli che ti provocheranno.

Alla sessione successiva, Jill ha detto che la ragazza sul bus della scuola stava agendo di nuovo fuori e le ha dato il dito. Jill sentì un'ondata di energia arrabbiata, ma in qualche modo agitò la mano verso la ragazza e disse, "Non sprecare il mio tempo." Gli studenti sul bus risero con approvazione e l'energia positiva si sentì bene.

Mi sono complimentato con Jill e le ho chiesto quali altre risposte avrebbero potuto provocare risate e sentirsi bene. Jill disse che avrebbe potuto alzarsi in piedi e disse in tono sciocco, che avrebbe detto alla madre della ragazza. Oppure avrebbe potuto fare un bacio alla ragazza e dire: "Non in pubblico, dolcezza". Ho lodato Jill per la sua capacità di recupero e intraprendenza.

Dissi a Jill che era importante per lei non reagire sempre ad un dato insulto con la stessa risposta, altrimenti il ​​suo comportamento poteva diventare prevedibile. Le ho consigliato di "tenerli a indovinare" evocando almeno cinque nuove risposte fresche per essere pronto per il prossimo tentativo di provocare la rabbia della sua tigre.

Jill ha detto che le è piaciuto questo nuovo approccio e si sarebbe divertito a farlo. Le ho detto che non doveva diventare una comica spiritosa, sul posto. "Ma prima che te ne vada oggi, voglio che ti venga in mente una risposta che avresti potuto usare, sapendo ciò che ora sai, in risposta a tua zia quando ti ha lasciato fare", dissi.

Jill sembrò sorpresa, dicendo che non lo sapeva. Poi si raddrizzò improvvisamente e disse: "Avrei potuto chiederle che cosa la rendeva così dispettosa, o avrei potuto scuotere la testa, e risposi che la compatisco per essere una persona così miserabile."

"Touché", risposi, "Sei uno studente veloce!"

Questo articolo è stato co-pubblicato con www.PsychResilience.com

Solutions Collecting From Web of "Non io, non potrei essere: il diavolo mi ha fatto fare a me!"