"Non intendevo ferirti"

Non importa quanto possano essere compatibili, i partner intimi sono destinati ad avere conflitti di volta in volta. Alcuni di questi argomenti possono essere riscaldati e spesso provocano sentimenti feriti o arrabbiati che non sono sempre adeguatamente risolti. Se quelle interazioni negative diventano ripetitive e sepolte, possono eventualmente erodere il sacro nucleo che mantiene l'amore rigenerante.

Finché i partner intimi hanno imparato le abilità per risolvere i conflitti, possono imparare da ciascuna delle loro lotte e migliorare nel rispettare i punti di vista degli altri. Ma quando fanno tutto ciò che possono fare per risolvere le loro differenze, e si trovano ancora incapaci di superarli, possono non essere consapevoli di dare inavvertitamente voce al più comune nemico sottostante della risoluzione del conflitto. È la tendenza fin troppo umana a scusare il proprio comportamento e incolpare l'altro per il dolore che sta provando. Si presenta come "chiedere di essere scusato per quello che hai fatto perché non intendevi ferirli".

"Ero solo arrabbiato. Non intendevo quello che ho detto. Perché lo prendi così personalmente? "

"Solo perché ho detto quelle cose non significa che non puoi essere un po 'più indulgente."

"Non ho mai avuto intenzione di venire da te in quel modo. Mi hai attivato con quello che hai detto. Quando mi sfidi in questo modo, non posso aiutarmi. "

"Quando sei ostile, mi fa arrabbiare di nuovo. Non sarei così se non fossi così per me prima. "

"Sei troppo sensibile."

"Stai esagerando troppo. Non ho mai detto niente di male. "

"Se mi amassi davvero, non saresti mai turbato solo perché mi viene un po 'portato via una volta ogni tanto."

Se vogliamo affrontare questa verità o no, la maggior parte di noi sa esattamente quanto danneggeremo il nostro partner prima di dire che cosa può accadere. Ci sono state troppe interazioni precedenti in cui ci hanno detto esattamente come si sono sentite dopo che quelle ripetitive lotte erano finite. Semplicemente non vogliamo ricordare quello che ci hanno detto perché, se lo facessimo, dovremmo comportarci in modo meno egoistico la prossima volta. Se possiamo solo fingere di non sapere davvero cosa succederà questa volta, non dobbiamo mai ammettere che non ci importava abbastanza del nostro partner in quel momento per fermare il nostro comportamento.

Una volta che siamo solo nella nostra stessa cosa e simultaneamente depersonalizzando i nostri partner, diventano il nemico invisibile e non meritano più considerazione e compassione automatiche. È solo quando la discussione è finita e arriviamo ai nostri sensi che possiamo realizzare ciò che abbiamo fatto. Forse non volevamo davvero ferire il nostro partner, ma abbiamo messo da parte questa consapevolezza quando volevamo dire quello che volevamo dire.

Se siamo disposti ad ammettere che abbiamo scelto di mettere le nostre esigenze al di sopra di quelle del nostro partner nella calura del momento, possiamo almeno essere sinceri al riguardo. Questa autentica responsabilità dà al tuo partner il diritto di essere arrabbiato, invece di essere tenuto a perdonarti perché "non volevi ferirli". Non importa se non volevi; li hai feriti Sei responsabile per il dolore che hai causato, che lo avessi inteso o meno. Il risultato per il tuo partner è lo stesso.

Sarebbe meraviglioso se entrambi i partner fossero onesti riguardo al loro comportamento egoistico nella loro momentanea mancanza di responsabilità. Sarebbe anche meglio se potessero ricordare quanto fossero importanti i sentimenti del loro partner prima che decidessero di dimenticare quel dato cruciale. Sfortunatamente, non è quello che succede di solito. Forse per colpa o imbarazzo, la maggior parte dei partner che hanno scelto se stessi piuttosto che l'altro hanno maggiori probabilità di compensare sentendosi giusti riguardo a ciò che hanno fatto. Questo bisogno di coprire la loro incapacità di ammettere il loro comportamento egoistico li porta a scusarlo e, invece, incolpare il loro partner per averlo suscitato.

C'è un'ulteriore complicazione. Una volta che cancelliamo i nostri partner e li trasformiamo in persone che non abbiamo bisogno di ascoltare, ora stiamo parlando a loro, ma non più a loro. Affidabilmente, le relazioni irrisolte del nostro passato si riverseranno in quel vuoto e le nostre rabbia arrabbiate saranno dirette simbolicamente a persone che non sono più presenti. Il nostro attuale partner diventa il destinatario ingiustificato di conflitti irrisolti con persone del nostro passato.

Nel conflitto produttivo, i partner intimi non fingono innocenza né cercano di incolpare l'altro per attacchi e invalidazioni ingiusti. Si rendono conto che il dramma tra di loro è stato probabilmente innescato da parole, intonazioni vocali, linguaggio del corpo e espressioni facciali che potrebbero aver portato alla luce ricordi inconsci e non risolti. Si aiutano a vicenda per raggiungere le radici del rubinetto da cui sono emersi questi vecchi schemi e per separare chi sono da chi sono diventati sotto la pressione della lotta.

"Oh mio Dio, tesoro, ho detto cose nella nostra lotta che non hanno nulla a che fare con te. Penso che finalmente stavo dicendo a mia madre di non averlo fatto per tutte quelle volte che mi ha invalidato dicendomi che non mi importava di lei o che avrei fatto quello che voleva. È stata quella frase che hai usato a farmi scattare, sai, 'Perché non puoi essere gentile con me?' Non ti meritavi la cancellazione che seguì. Era davvero pensato per lei. Sono davvero dispiaciuto."

"Quando hai iniziato a gridare contro di me, penso di averlo perso. Era o cedere o distruggere. Ero solito raggomitolarmi quando mio padre andò dalla sua rabbia da ubriaco. Era solito comportarsi come se io e mia madre fossimo suoi servi e non potevamo fare nulla di buono. Hai alzato la tua voce e vieni da me. Pensavo che avresti colpito me. Devo aver deciso che meritavi il modo in cui ho combattuto. Ma so che non avresti mai ottenuto un fisico del genere ma, in quel momento, non ero sicuro. Avevo paura."

"Non ho alcun business a parlarti così. Quando sono così pazzo, non mi interessa come ti senti o cosa ti fanno le mie parole, ma so che da qualche parte dentro, sono perfettamente consapevole di ciò che senti. Quando litighiamo, non voglio vedere chi sei veramente. So che quello che sto facendo è sbagliato. È come se un demone esplodesse in me. Ho solo bisogno di vincere. Devo smetterla e ho bisogno del tuo aiuto. "

"Non perdonarmi più facilmente, ok? Le mie reazioni sono fuori dalla linea. Non parlerei a nessun altro come ti ho fatto ieri sera. C'è qualcosa nel modo in cui vengo messo all'angolo, soprattutto quando hai ragione. È sempre qualcosa che non voglio guardare. Mi infurio e voglio solo ferirti nel momento. Questo non lo rende giusto. "

I trigger inconsci capita a tutti, ma le persone non devono reagire automaticamente come hanno fatto in passato. I bambini maltrattati non abusano automaticamente dei propri figli. Si rendono conto che potrebbero essere chiamati a essere la generazione del sacrificio, ma sono disposti e impegnati a garantire che i comportamenti negativi ereditati non siano in discesa. Il primo e più importante passo è quello di abbracciare il coraggio di riconoscere il nostro cattivo comportamento come esattamente quello che è e non dare la colpa a qualcun altro per ciò che abbiamo scelto di fare.

I partner di relazione di successo si aiutano idealmente a vicenda per essere le persone migliori che possono essere. Se sei in una relazione in cui fallisci il tuo stesso intento di diventare il tuo sé migliore, puoi vederlo come un posto dove esercitarti nella linea del fuoco. Ma, non importa quanto tu ci provi, continui a scivolare di nuovo verso una persona che non vuoi essere, incolpando il tuo partner che ti terrà semplicemente lì.

Se sei veramente impegnato a porre fine a questi schemi negativi, puoi iniziare a riconoscere quando ti senti obbligato a cancellare il tuo partner in una discussione e quali fattori scatenanti ti stanno causando. Se puoi, interrompi l'interazione a quel punto e dì al tuo partner che cosa senti e cosa sta facendo per farti reagire come sei. Resta con il conflitto a portata di mano e lascia che ognuno di voi dichiari chiaramente la posizione dell'altro senza giudizio. Sii consapevole dei sentimenti del tuo partner, delle espressioni facciali, del linguaggio del corpo e delle intonazioni vocali. Commenta immediatamente se ritieni che qualcuno di voi sia messo alle strette o inizi a sentirsi sulla difensiva.

Non ha senso vincere una discussione con qualcuno che ami, solo per provare un senso nauseante di perdita dell'intimità quando la polvere si deposita. Non c'è quasi nessun sentimento più grande del sapere che il tuo partner preferirebbe rinunciare a vincere se ciò significa farti del male. Non sarai in grado di rendere produttivo ogni conflitto, ma farai molta strada per fidarti l'un l'altro per rimanere leali nel fervore della battaglia.

L'e-newsletter di consulenza gratuita del Dr. Randi, Heroic Love, ti mostra come evitare le insidie ​​più comuni che impediscono alle persone di trovare e mantenere l'amore romantico. Sulla base di oltre 100.000 ore di consulenza faccia a faccia single e coppie durante i suoi 40 anni di carriera, imparerai come azzerare il partner giusto, evitare il temuto fenomeno "luna di miele finita" e assicurarti che la tua relazione non sia mai diventa noioso www.heroiclove.com

Solutions Collecting From Web of ""Non intendevo ferirti""