Non incolpare la religione per la violenza

La violenza scoppia spesso tra gruppi religiosi. Tuttavia, è un errore incolpare la religione per la violenza. Sfortunatamente, la guerra è un potenziale umano universale che esisterebbe ancora se fossimo tutti atei.

Tuttavia, non tutte le società sono bellicose. Gli antropologi contrastano la pacifica Shoshone con il più belligerante Paiute nel Nord America, per esempio. Gli shoshone vagavano ampiamente in piccoli gruppi in cerca di cibo (1). Non hanno combattuto perché non avevano un territorio che valesse la pena difendere, come fece il Paiute.

La terra (o territorio) rimane un importante osso di contesa in tutto il mondo, in luoghi diversi come Israele e Ucraina, ma ci sono molte altre risorse che stimolano l'aggressione, dal petrolio e dai minerali, alle spezie e all'oppio. Molti conflitti apparentemente religiosi non hanno nulla a che fare con la teologia, anche se la religione funge da etichetta conveniente per i gruppi avversari.

La guerra d'Irlanda tra cattolici e protestanti non fu una guerra religiosa

Le guerre combattute attraverso le linee di appartenenza religiosa sono facilmente scambiate per guerre sulla religione. Tuttavia, la maggior parte coinvolge conflitti su risorse vitali. Il problema nell'Irlanda del Nord era che i cattolici erano una minoranza discriminata che erano stati tagliati fuori da lavori ben retribuiti e raschiati in abitazioni scadenti con un potere politico minimo e molta intimidazione da parte della polizia. Naturalmente, le tensioni dell'Irlanda del Nord sono state alimentate anche da una disputa territoriale tra l'Inghilterra e la Repubblica d'Irlanda, dove i cattolici erano considerati sleali al regime coloniale di Stormont.

Quindi la violenza nell'Irlanda del Nord aveva poco o nulla a che fare con la teologia in quanto tale. Se entrambe le parti avessero appartenuto alla stessa religione, o nessuna religione, avrebbero avuto altrettanti motivi di conflitto.

Nell'Irlanda del Nord, la religione fungeva da linea di demarcazione nella popolazione attraverso la quale il conflitto era combattuto. La religione funzionava come un identificatore di gruppo che evocava una mentalità us-contro-loro. Gli psicologi sociali hanno riconosciuto molti decenni fa che qualsiasi identificatore arbitrario può essere utilizzato per fomentare ostilità tra gruppi che sono altrimenti equivalenti.

Le religioni fondate favoriscono soprattutto la pace

Le religioni tradizionali per lo più scoraggiano la guerra. Ci sono alcune eccezioni storiche, inclusi i giorni degli eserciti e imperi papali e le crociate medievali dove la Chiesa cattolica voleva catturare Gerusalemme e rivendicarla come una città cristiana.

In generale, tuttavia, i leader religiosi si accontentano di esercitare il loro potere indirettamente influenzando i leader laici e il pubblico (2). Promuovono la pace della mente attraverso i loro rituali piuttosto che suscitare ostilità.

Sfortunatamente, ci sono alcuni ecclesiastici che ignorano quel quaderno e usano i loro pulpiti per ispirare aggressioni contro altri gruppi religiosi. Il fatto che nascondano il loro messaggio di odio nella retorica religiosa non ci dice nulla sulle chiese tradizionali che scelgono di pervertire. Questi messaggi trovano terreno ricettivo in comunità che si sentono emarginate, disprezzate o private di opportunità di lavoro e mobilità sociale.

La radicalizzazione di un piccolo numero di individui può avere conseguenze devastanti come hanno dimostrato gli eventi recenti in Europa. Ciò è particolarmente vero nel contesto di un movimento jihadista globale organizzato su Internet. È inquietante vivere in un mondo in cui agli estremisti violenti è permesso di detenere territorio e persino di formare governi.

Società pirata

Fenomeni come Lord's Resistance Army, ISIS e Boca Haram, sono più pericolosi di Al Qaeda perché mirano a mantenere il territorio terrorizzando i civili e sono disposti a schierare eserciti di grandi dimensioni come quelli dell'Iraq e della Nigeria, talvolta con uno straordinario successo.

Questo successo è in parte dovuto al fatto che l'attrezzatura di qualità superiore è stata acquistata con i proventi di vari reati, dal furto del petrolio, al rapimento e alla tratta di esseri umani.

A parte la loro retorica religiosa, questi gruppi terroristici hanno molte somiglianze con le società pirata del passato, complete di una grande cassa del tesoro, un brutale sistema di punizione, e vestiti e bandiere distintivi.

Con i loro rifugi sicuri nei Caraibi e altrove, un numero relativamente piccolo di pirati ha sfidato per secoli le grandi flotte del mondo. Alcuni, come Barbanera, usavano i trucchi del carnevale – come mettere una miccia accesa sotto il cappello – per intimidire le sue vittime (3).

L'ISIS e il loro genere sono poco più che le comunità di pirati del passato. Possono usare la retorica religiosa per razionalizzare i loro macabri crimini, giustificare le loro punizioni o attrarre nuove reclute dall'estero. Eppure la loro agenda non è religiosa e non è nuova. La loro ambizione è la stessa di quella di Barbanera. A loro piace spaventare le persone ma vogliono anche il bottino.

fonti

1. Durham, WH (1976). Competizione delle risorse e aggressione umana. Revisione trimestrale di biologia, 51, 385-415.

2. Barber, N. (2012). Perché l'ateismo sostituirà la religione: il trionfo dei piaceri terreni sopra la torta nel cielo. E-book, disponibile su: http://www.amazon.com/Atheism-Will-Replace-Religion-ebook/dp/B00886ZSJ6/

3. Perry, Dan (2006). Barbanera: il vero pirata dei Caraibi. New York: Thunder's Mouth Press.

Solutions Collecting From Web of "Non incolpare la religione per la violenza"