Non hai intenzione di finire le verdure? Puoi dare la colpa al tuo DNA?

Finirai il tacchino, forse due porzioni. Probabilmente andranno tutti i purè di patate (passa il burro, per favore). E farai certamente posto per un tumulo di quella grande torta di zucca. Ma i fagioli verdi di zia Celia in salsa e anelli di cipolla? Quegli spinaci al vapore gratinati? Il cavoletto di Bruxelles in … qualunque sia la salsa? Potrebbe esserci più di un po 'di verde sul piatto quando spingi indietro la sedia dal tavolo del Ringraziamento. E se provi dolore per non aver finito le verdure, potresti avere l'evoluzione e la paura di dare la colpa. Sì, paura.

Alcune paure – serpenti e ragni, altezze e oscurità – sono così onnipresenti che sembra che debbano essere genetiche, anche se molti studi scoprono che i bambini non nutrono queste paure, suggerendo che sono più il risultato della cultura che della natura. Ora un'intrigante ricerca ha aggiunto una categoria inaspettata di cose che l'evoluzione potrebbe aver insegnato, nel nostro DNA, a temere. Piante.

Sì, piante. Le piante non sono generalmente associate alla paura. Non sono tra le minacce usate per terrorizzare i concorrenti su "Fear Factor". Non sono gli spettatori protagonisti di Sci Fi o dei film di mostri (anche se il carnivoro Audrey Jr. era piuttosto cattivo in Little Shop of Horrors, come lo erano i triffids nel 1951 di John Wyndhams The Day of the Triffids).

Ma come annotano gli autori Annie Wertz e Karen Wynn in Tyme: I bambini possiedono strategie che li proteggono dai pericoli posti dalle piante che le piante sono sempre state pericolose. Si proteggono con ogni sorta di difese fisiche come aghi (cactus) e foglie di cardo (agrifoglio) e spine (rose), o oli nocivi (edera velenosa, quercia, sommacco, ecc.). Molte piante sono cucite con una varietà di veleni. C'è una ragione per cui l'Atropa belladonna è comunemente conosciuta come "mortasida", Cerbera odollam è conosciuta come "l'albero dei suicidi", Excoecaria agallocha è talvolta chiamata "mangrovia cieca", perché l'irlandese chiama Conum maculatum (hemlock) " Il pane del diavolo "o" Il porridge del diavolo "e la mancinella di Ippomane è anche conosciuta come manzanilla de la muerte o" piccola mela della morte ". YUM! (Ecco un elenco più completo di piante pericolose).

Quindi avrebbe davvero senso se l'evoluzione ci avesse insegnato – codificando la lezione direttamente nel nostro DNA – per iniziare con un senso di cautela riguardo alle piante, almeno finché non siamo stati in giro abbastanza a lungo da apprendere che l'ananas dall'aspetto positivamente ostile, con le sue spine e spine e le foglie seghettate, è in realtà sia sicuro che delizioso. Wertz e Winn suggeriscono che potrebbero aver trovato prove di quella paura innata. Scrivono: "I neonati umani, come altri animali non umani, possiedono strategie per mitigare i pericoli ricorrenti che sono posti dalle piante".

Hanno mostrato 47 bambini (di entrambi i sessi) tra 8 e 18 mesi una vera pianta di basilico e una vera pianta di prezzemolo, un basilico di stoffa dall'aspetto realistico e un prezzemolo di plastica, e due facsimili di piante fatte di scovolini, perline, vernice e cartone , che sono chiaramente più dalla classe di arti e mestieri che dal giardino.

(per gentile concessione di Annie Wertz e Katie Winn, Yale University)

I bambini si sono seduti nei giri dei genitori e gli oggetti sono stati presentati, due alla volta in varie combinazioni. I bambini sono stati incoraggiati a indagare sugli oggetti con l'attenzione universale che si avvicina, "Guarda cosa SONO GOVITO!" I ricercatori hanno calcolato quanto tempo i bambini hanno raggiunto e toccato i vari oggetti per esplorarli. Ci sono voluti in media 4,4 secondi perché i bambini raggiungessero e toccassero il progetto di arti e mestieri / piante finte, ma più del doppio, in media 9,9 secondi, per ottenere il coraggio di toccare le piante reali o anche i modelli che sembravano piante vere. I bambini erano WOW Warier di toccare le piante reali o i modelli realistici, rispetto a quelli chiaramente falsi.

Quindi questa è la prova che abbiamo sviluppato una paura genetica delle piante? Quasi. È piuttosto raro che un po 'di ricerca provi assolutamente qualcosa in qualsiasi campo, e questo è particolarmente vero nel mondo confuso della psicologia evolutiva, che richiede una pesante dose di inferenza su come i nostri comportamenti ora potrebbero aver contribuito a farci sopravvivere quando. Ma qualcosa sulle piante, almeno il prezzemolo e il basilico, rendeva cauti quei 47 bambini, e di certo non gli era stata insegnata quella cautela. Sta succedendo qualcosa.

Quindi se sei come me e tendi a non finire i tuoi ortaggi, vai avanti e dai la colpa all'evoluzione, e colpisci tutti a cena con la tua conoscenza di quella nuova ricerca che suggerisce che siamo nati con una innata cautela riguardo alle piante. Anche se potresti voler tenere a bada la parte della paura e suggerire a zia Celia che sei preoccupato che la sua casseruola di fagioli verdi potrebbe essere fatale.