Non guardare direttamente al problema

La nostra specie ha alcune caratteristiche speciali ma anche le persone sono animali. La maggior parte di come funziona il nostro sistema nervoso si riduce a ciò che abbiamo in comune con altri animali. Monitoriamo e sovrapponiamo in cima a molte risposte di livello base le nostre intenzioni e desideri. Un grande esempio è ciò che vediamo e come guardiamo le cose nel mondo.

Ho scritto in precedenza sulla visione e le arti marziali usando il grande maestro di spade Miyamoto Musashi. Sosteneva il pensiero della visione e della percezione come concetti correlati ma distinti. Un insegnamento importante in molti sistemi di arti marziali ha a che fare con la direzione verso la quale la visione dovrebbe essere focalizzata. Piuttosto controintuitivamente, non è giusto per l'oggetto che probabilmente viene verso di te: un piede, una mano, un bastone o una spada.

Invece di guardare direttamente a questi obiettivi, molti sistemi – compreso quello catturato nella scrittura di Musashi – sostengono di guardare avanti o negli occhi dell'avversario o appena sopra di lei o sulla sua testa. Molti insegnanti di arti marziali suggeriscono che ciò serva alla sensibilità che abbiamo nei nostri campi visivi periferici. Un altro motivo, catturando sia la funzione neuroanatomica che l'evoluzione, è stato chiaramente identificato in un articolo pubblicato sulla rivista "Experimental Brain Research".

Victoria Gottwald e colleghi dell'Istituto per la Psicologia dell'Elite Performance della Bangor University in Galles hanno voluto sapere se gli esseri umani hanno una differenza nella percezione del movimento quando gli oggetti sono visti nei campi visivi superiori o inferiori. I lavori precedenti suggerivano che le informazioni sul campo visivo superiore sono utili per l'acquisizione di informazioni visive per oggetti a distanza e informazioni sul campo visivo inferiori per oggetti che si avvicinano al corpo. La svolta aggiunta da Gottwald e dai suoi collaboratori è stata quella di indagare se queste differenze nel campo visivo hanno influenzato l'anticipazione del movimento dell'oggetto e l'innesco per l'uso degli arti superiori per rispondere.

Hanno usato un gioco di tracciamento percettivo computerizzato in cui i partecipanti dovevano seguire il movimento di un bersaglio e stimare la sua posizione finale dopo che era scomparso dalla vista. Durante tutte le prove i partecipanti hanno mantenuto il loro sguardo visivo fisso su un punto centrale, proprio come il concetto di visione nelle arti marziali. Gottwald e i suoi colleghi hanno scoperto che la percezione e la ricerca visiva della grande scena di fronte ai partecipanti era superiore nel campo visivo superiore, confermando i suggerimenti precedenti. Ciò che era nuovo in questo studio era che l'anticipazione dell'azione basata sulla percezione visiva era molto più alta nel campo visivo inferiore.

Lo trovo piuttosto affascinante per diversi motivi. A livello pratico, ho saputo dalla mia esperienza nelle arti marziali che evitando di guardare specificamente la mano, il piede o l'arma di un avversario migliora la velocità e la qualità della reazione che riesco a produrre. Questo studio in Experimental Brain Research fornisce un supporto empirico al perché è così.

A livello filosofico, è chiaramente controintuitivo affermare che anticipare e rispondere a un obiettivo potrebbe essere migliorato se non lo si guarda direttamente. Questa è la parte affascinante che rimanda all'apertura di questo post. Suggerisco che non guardando direttamente l'oggetto stiamo permettendo a tutte le nostre reazioni del sistema nervoso di livello base di funzionare senza impedimenti dal nostro pensiero cosciente. Questo riassume un punto in un post precedente sul pensare troppo.

Questo mi ha colpito anche nel fatto che forse questo concetto dovrebbe essere esteso ad altre cose nella nostra vita. Ad esempio, quando abbiamo a che fare con un problema o un problema, forse il modo migliore di agire è non provare e forzare direttamente una soluzione. Piuttosto, guardare indirettamente ai nostri problemi può consentire di emergere la migliore linea d'azione.

(c) E. Paul Zehr (2015)

Solutions Collecting From Web of "Non guardare direttamente al problema"