Non giudicare le persone per non provare

"Potresti fermarti se ci provassi davvero!" Abbiamo tutti sentito questa idea. Contiene due ipotesi: che fare uno sforzo – provare – può fermare la dipendenza, e che provare è una questione di scelta consapevole, una decisione per esercitare la forza di volontà. Entrambe queste ipotesi sono completamente sbagliate.

La dipendenza è una compulsione psicologica per eseguire determinati atti. Come altri comportamenti compulsivi, la dipendenza è guidata da fattori emotivi più profondi. Questi coinvolgono sentimenti di impotenza schiacciante, per i quali il comportamento di dipendenza è una soluzione tentata. Con un meccanismo interno così potente, dovrebbe essere ovvio che tu possa avere tutta la forza di volontà nel mondo e mettere tutto lo sforzo nel mondo e ancora ti trovi incapace di fermare il comportamento di dipendenza.

Ma cosa dobbiamo fare delle persone con dipendenze che non sembrano nemmeno provare a fermarsi?

Alcune di queste persone non provano perché non vedono alcun motivo per farlo ("Il mio bere non è un problema, quindi togliti di dosso."). Qui il problema non è un fallimento dello sforzo, ma la minimizzazione o la negazione. Tale negazione ha le sue origini e significati, tuttavia, che possono essere affrontati durante il trattamento. Ad esempio, ho scoperto che ciò che viene comunemente chiamato negazione è spesso poco più di una comprensibile difensiva sull'essere etichettato come un "tossicodipendente" con tutte le connotazioni denigratorie che sono state associate a quella parola. Questa negazione tende a dissolversi quando le persone capiscono che la dipendenza, anche se spesso disastrosa, è stimolata da un bisogno sano – per riaffermare il potere contro l'impotenza. È molto più facile per le persone riconoscere questo problema che accettare che sono deboli o impotenti o che soffrono di una carenza di carattere.

Altri individui hanno un'apparente mancanza di impegno perché hanno rinunciato a gestire sempre il loro comportamento di dipendenza. Poiché la dipendenza è così mal compresa in questo paese, il trattamento della dipendenza spesso non ha successo. Dopo ripetuti fallimenti negli approcci terapeutici tradizionali, molte persone si limitano a sollevare le mani. Chi potrebbe biasimarli? La soluzione qui non è quella di attaccarli per mancanza di sforzo, ma di trovare un terapeuta che capisca le basi psicologiche per il comportamento di dipendenza e non sia sposato con i vecchi modi di vedere la dipendenza che li ha falliti prima.

Altri ancora riconoscono il loro problema, non si sono arresi e dicono di voler smettere, ma non sembrano lavorarci. Sicuramente il problema deve essere la pigrizia o la mancanza di forza di volontà qui, giusto? No, perché per molte persone, la loro apparente mancanza di forza di volontà è semplicemente il risultato del maggiore potere che guida il loro comportamento. Il loro bisogno più profondo di rovesciare sentimenti intollerabilmente indifesi schiaccia semplicemente desideri più consapevoli, come il desiderio di smettere. Esternamente, queste persone possono sembrare indifferenti. Ma come descrivo in molti casi nei miei libri "The Heart of Addiction" e "Breaking Addiction", queste stesse persone spesso dimostrano di essere abbastanza abili e disposte a porre fine al loro comportamento di dipendenza una volta che hanno elaborato i potenti fattori alla base. La consapevolezza dei precipitanti emotivi più profondi per i loro stimoli di dipendenza consente loro di separare questi potenti problemi dal loro comportamento di dipendenza. Quando ciò accade, qualsiasi problema di forza di volontà svanisce: è come staccare il cavo di alimentazione dalla dipendenza.

C'è un altro gruppo che sembra mancare di impegno: coloro che, nel tempo, si sono appena adattati a una vita inferiore. Vivono in un compromesso stabile dove tollerano i costi della loro dipendenza in cambio del suo immediato senso di sollievo. Un uomo che ho visto, per esempio, ha vissuto per decenni con l'alcolismo cronico e la conseguente tensione interminabile nel suo matrimonio. Crescendo, non si era mai aspettato di più dalla vita, quindi considerava inevitabile la sua infelice esistenza. Dopo un tempo significativo in terapia e come conseguenza della risoluzione di questi problemi per tutta la vita, la sua "forza di volontà" di smettere di bere miracolosamente restituita.

La comparsa di uno sforzo è fuorviante e dannoso per valutare il desiderio di qualcuno di migliorare. Faremmo tutti meglio se cercassimo di capire i fattori che portano le persone a essere passivi o contrari al controllo delle loro azioni di dipendenza e a sostenerli nel cercare un buon aiuto psicologico per elaborare questi fattori.

Solutions Collecting From Web of "Non giudicare le persone per non provare"