Non fermarti finché non trovi la giusta guida

123rf.com/Viktoria Lukonina
Fonte: 123rf.com/Viktoria Lukonina

Di recente hai avuto un bambino.

Sei più di 3 settimane dopo il parto.

Non ti piace come ti senti. Ti chiedi se sei troppo ansioso o troppo depresso.

La tua famiglia, i tuoi amici e il tuo medico hanno cercato di rassicurarti, ma ti chiedi se capiscono davvero quanto ti senti male.

Ti preoccupi che questo è ciò che fa sentire una madre e potresti non sentirti mai meglio.

Ecco cosa dovresti fare.

1. Chiedi aiuto. Qualsiasi sensazione di depressione e ansia che interferisce con la tua capacità di funzionare non è ok adesso. Dì a chi ti è più vicino che sei preoccupato per come ti senti. Se sai cosa possono fare per aiutare, chiedi loro. Se non sei sicuro, digli che non sei sicuro, ma hai bisogno del loro aiuto, a prescindere. Quindi, lascia che ti aiutino. Nessuno ti sta chiedendo di diagnosticare te stesso. Se non sei sicuro di ciò che sta succedendo, dovresti commetterti sul lato di essere cauto e in buona salute lasciando che qualcuno di cui ti fidi sappia come ti senti.

2. Contatta il tuo medico / operatore sanitario. Sii preciso e chiaro su come ti senti in modo da poter discutere le opzioni. Se ti senti congedato o frainteso, fai lo sforzo di chiarire e reiterare.

3. Fai del tuo meglio per individuare un terapeuta specializzato nel trattamento della depressione e dell'ansia postpartum. Puoi trovarne uno qui . O, qui . O, qui . Chiama uno o due o tre terapeuti e parla direttamente con loro. Guarda come ci si sente. Non lasciare che i sensi di colpa o ansia ostacolino il sostegno di cui hai bisogno in questo momento. I terapeuti che sono addestrati a curare la depressione post partum e l'ansia comprendono quanto sia difficile questo primo contatto telefonico. Prendi il rischio e lascia che qualcuno ti aiuti. Non devi attraversare questo da solo. Se non riesci a trovare uno specialista nella tua zona, chiama uno degli specialisti perinatali elencati e parla loro di trovare qualcuno più vicino a te. Ti aiuteranno a farlo.

4. Quando effettui il tuo primo appuntamento, chiedi al tuo partner di accompagnarlo se ti sembra meglio. La maggior parte dei terapisti apprezzerà questo ed è molto probabile che tu possa portare il tuo bambino a quella sessione, anche. La tua famiglia è una parte vitale del tuo processo di guarigione.

5. Stare fuori da Internet finché non si ottiene un sollievo dai sintomi. Mentre ci possono essere numerosi punti vendita per il supporto disponibili online, ti esporrà inavvertitamente a fattori scatenanti provocatori e scatenanti che provocano ansietà. È meglio per te proteggerti da questo per un po '.

6. Accetta il fatto che non ti senti bene in questo momento e che non si sentirà sempre così.

7. Evita tutti i trigger che ti fanno sentire peggio. Ciò include persone che non hanno supporto, eventi o obblighi che aumentano l'ansia. L'auto-compassione è essenziale. Presta attenzione a ciò di cui hai bisogno e fai del tuo meglio per esprimere ciò al tuo partner e aiutare i professionisti.

8. Non fermarti finché non trovi l'aiuto giusto. Ciò significa che dovresti sentirti a tuo agio con il supporto che stai ricevendo. Ciò significa che il tuo medico, il tuo terapeuta, il tuo gruppo di supporto, i tuoi farmaci, il tuo team di recupero aggiuntivo, devono essere tutti adeguatamente rispondenti alle tue esigenze ed è importante che tu continui a comunicare con coloro che si prendono cura di te. Se il livello di cura che ricevi ti sembra insufficiente o inautentico, puoi decidere di far sapere a qualcuno come si sente o di trovare un'alternativa / alternativa professionale / terapeutica aggiuntiva.

9. Non devi soffrire. Nemmeno un po. Ci sono sempre più professionisti del settore sanitario che capiscono che le neo mamme sono a rischio di gravi disturbi depressivi e d'ansia. Aiuto è là fuori. Fai quello che devi fare per aiutarti a ottenere l'aiuto di cui hai bisogno e che meriti.

Ti sentirai di nuovo te stesso.

#beyourownbestadvocate.

Solutions Collecting From Web of "Non fermarti finché non trovi la giusta guida"