Non essere me stesso

Recentemente ho rivelato a un giovane che probabilmente passerei l'ultimo dell'anno, non festeggiando con gli amici, ma a casa a guardare un cofanetto. "Preferibilmente," aggiunsi, "qualcosa con un sacco di uccisioni!"

I suoi occhi si spalancarono. "Stai scherzando, vero?" Chiese. "Non guardi davvero cose del genere!"

Scavando un buco ancora più profondo per me stesso, le ho promesso che non ero diverso da molte altre persone quando si trattava di inseguimenti, sparatorie e omicidi in auto.

Lei non disse nulla ma sentii la sua delusione che qualcuno che lei rispettava potesse essere così di base. Era come se l'avessi tradita non vivendo la sua idealizzazione.

C'è un tempo e un posto per disilludere i giovani e ho giudicato male questo. La mia stanchezza ha avuto la meglio su di me. Ma chi sono gli altri – chi sono veramente – è una preoccupazione per i giovani. Sono affascinati dalle vite segrete dei loro genitori e insegnanti, dei genitori dei loro amici e delle celebrità, e sono affascinati dalla possibilità di avere delle vite segrete. "Che cosa mi piace veramente? Cosa provo veramente? Cosa voglio veramente? "

"Non sei te stesso!" Diciamo loro quando sono infelici o arrabbiati o si comportano in modi insoliti. In altre occasioni, quando sono coinvolti in un dilemma, consigliamo loro: "Sii fedele a te stesso! Ascolta te stesso! Fai ciò che è giusto per te! "

L'idea che le persone siano complesse e che potrebbero non essere tutto ciò che sembrano provoca reazioni contrastanti nei giovani. A volte sono affascinati, ma altre volte preferiscono che le cose rimangano semplici con altre persone definite in modo chiaro e trasparente. Prontamente si accuseranno reciprocamente di essere "bifronte" come se fosse una sorpresa che qualcuno sia in grado di dire una cosa a una persona e un'altra a un'altra persona. Sospetto che queste accuse siano alimentate meno dalla vera sorpresa e più dalla delusione che non è più possibile vivere nel mondo di un bambino dove le persone sono semplicemente chi dovrebbero essere, dotate di "personaggi" e "personalità".

Affrontare la delusione di ciò non è aiutato dagli adulti che esortano i giovani a realizzare il loro "pieno potenziale", come se il potenziale di una persona fosse predeterminato e finito piuttosto che fluido e costantemente soggetto agli effetti emergenti capricciosi dell'esperienza. Né la delusione è favorita dal parlare di "autorealizzazione", come se raggiungessimo un punto nelle nostre vite in cui i nostri sé "veri" sono in qualche modo rivelati.

Ciò è importante perché i giovani sono infelici quando rimangono bloccati in un ruolo particolare, obbligati ad essere sempre arrabbiati, per esempio, o timidi o socievoli. Il ruolo può essere familiare e sicuro ma è anche stompante. E questo è il punto in cui hanno bisogno di essere riconosciuti in tutta la loro complessità: multiformi, mutevoli e duplicati, come persone con un repertorio di ruoli potenzialmente ampio.

Diversi giovani sono pronti ad essere disillusi in momenti diversi e confessare il mio segreto godimento di violenti insiemi di scatole è stato probabilmente troppo improvviso. Ma diamo ai giovani il permesso di ampliare il repertorio di ruoli che possono svolgere quando siamo in grado di riconoscere le nostre stesse complessità e contraddizioni. L'idea di un sé 'autentico' che aspetta da qualche parte appena fuori portata non è d'aiuto.

Solutions Collecting From Web of "Non essere me stesso"