Non essere ingannato quando si valuta il lavoro creativo

Il modo in cui giudichiamo un'idea creativa è influenzato dal modo in cui percepiamo il suo inventore. Senza rendercene conto, potremmo sopravvalutare o sottovalutare un nuovo concetto e, di conseguenza, fare scelte sbagliate nel processo di sviluppo del prodotto.

I ricercatori Izabela Lebuda e Maciej Karwowski hanno studiato come il genere dell'inventore e l'unicità del nome dell'inventore influenzano la percezione della stessa invenzione. Hanno diviso 119 partecipanti in cinque gruppi per valutare i prodotti creativi in ​​quattro domini (poesia, scienza, musica e arte). Ogni gruppo valutava gli stessi prodotti identici, ma i prodotti erano firmati da diversi nomi fittizi: un nome maschile univoco, un nome maschile comune, un nome femminile unico e un nome femminile comune. Il quinto gruppo ha valutato i prodotti senza nomi (gruppo di controllo).

Il punteggio più alto di creatività è stato ottenuto da un dipinto firmato con un nome femminile unico, mentre il più basso è andato a quello stesso dipinto con un nome femminile comune. Per i prodotti legati alla scienza, le opere firmate da qualsiasi nome maschile hanno ottenuto punteggi molto più alti rispetto agli stessi prodotti firmati dalle donne. In effetti, il prodotto scientifico firmato da un nome femminile comune ha ottenuto punteggi ancora più bassi rispetto al gruppo di controllo anonimo. Nell'ambito della musica, ogni pezzo firmato da un unico nome maschile è stato valutato il più alto. Le poesie, d'altra parte, hanno ottenuto i punteggi migliori quando sono firmati da un nome femminile unico e il più basso da un nome maschile comune.

Per i professionisti, questo pregiudizio sistematico causato dal genere e da altri fattori può portarci fuori strada. Ad esempio, la scienza è ancora percepita come dominata dagli uomini e potremmo avere la tendenza a declassare i nuovi concetti scientifici generati dalle donne. In altri settori, letterario e artistico, possiamo attribuire un valore troppo elevato alle opere generate da donne con nomi unici.

Per evitare questo pregiudizio, prendere in considerazione il seguente consiglio:

  • Quando crei nuovi concetti, usa un approccio facilitato che mette le persone in gruppi di due o tre. Assicurati che i partecipanti non diano credito per un'idea a una persona in particolare. Quando un'idea emerge da un gruppo (al contrario di un individuo), le nostre menti hanno difficoltà a collegare gli attributi di una persona a quell'idea.
  • Chiedi alle squadre di condividere le loro idee fuori dalla stanza dell'officina. Imposta uno strumento di collaborazione come Google Documenti in cui i team possono inserire le loro idee in tempo reale. Assicurati che il software di raccolta delle idee non tenga traccia di chi lo ha inserito. Usa i numeri di squadra al posto dei nomi delle persone.
  • Infine, fai valutare tutte le idee da una squadra diversa da quella che le ha generate. Utilizzare un modello decisionale ponderato per valutare le idee. Utilizzare criteri di punteggio pertinenti al problema affrontato dal team. Assegnare una ponderazione a questi criteri in base all'importanza di tali criteri. Assicurati di testare il modello non solo sulle passate avventure di successo, ma anche sulle passate imprese fallite.

Copyright 2013 Drew Boyd

Solutions Collecting From Web of "Non essere ingannato quando si valuta il lavoro creativo"