Non esiste una cosa come il (vero) auto-sabotaggio

"Self-sabotage" è un argomento popolare nelle discussioni sulla salute mentale e sulle dipendenze. Tuttavia, come neuroscienziato comportamentale e esperto di salute mentale, il concetto di auto-sabotaggio non ha senso per me.

Ecco cosa intendo. Scientificamente, nessuna azione del cervello è realmente intesa a sabotare il "sé". Infatti, il cervello è cablato per assicurarsi che ogni azione che fai mantenga o migliori la tua vita. Ovviamente i calcoli possono andare storto a volte.

Questo è particolarmente vero nella dipendenza. Le droghe sono prese perché aumentano i buoni sentimenti e diminuiscono quelli cattivi. Se la osservi in ​​questo modo, il comportamento di dipendenza ha perfettamente senso. Anche se alla fine porta a dolore sotto forma di trauma, decisioni sbagliate e problemi di salute mentale, è iniziato come una ricerca per sentirsi "più buono" o "meno cattivo".

Anche altri problemi di salute mentale rientrano in questo stesso modo di comprendere il comportamento. Il suicidio ha senso in questo contesto, visto semplicemente come un tentativo di sfuggire a un insopportabile dolore mentale o fisico (non esistere è meglio che sentirsi terribili per sempre). Per gli individui alle prese con gravi disfunzioni della salute mentale come la schizofrenia, la demenza, ecc., Questo modo di vedere il comportamento richiede una comprensione delle distorsioni causate dal disturbo: la realtà può essere fortemente distorta, ma il cervello funziona in modo vero per formare attraverso le azioni per sentirsi bene e migliorare la qualità della vita attraverso la lente distorta.

Mi è venuta in mente la mia obiezione al concetto di auto-sabotaggio, mentre ascoltavo il podcast, "Seriale", sul sergente. Bergdahl, un soldato dell'esercito degli Stati Uniti attualmente di fronte a una corte marziale. Nel giugno 2009, ha lasciato il suo incarico in Afghanistan senza permesso ed è stato rapidamente catturato dai talebani. Cinque anni dopo, nel maggio 2014, fu rilasciato quando il presidente Obama organizzò uno scambio di prigionieri.

Sgt. Bergdahl afferma di aver lasciato il suo posto quella notte per andare in una base vicina e riferire le preoccupazioni che aveva sui suoi superiori. Tuttavia, in tutta la storia, i suoi commenti e i commenti di coloro che lo conoscono rivelano che il suo modo di pensare è sempre stato un po 'di parte. Questo diventa chiaro non appena si sente quel sergente. Bergdahl ha cercato di dimostrare che era proprio come il personaggio di Jason Bourne nei film "Bourne". Quando sentiamo le sue tendenze ossessive per tutta la vita e le illusioni paranoiche, possiamo immaginare che la partenza dalla base sia semplicemente l'ultima di una serie di comportamenti apparentemente strani e non di un singolo atto.

Sgt. La personalità schizotipica di Bergdahl diventa un punto di svolta nel podcast, consentendo agli ascoltatori di comprendere meglio le sue azioni fatali. Scientificamente, il suo cervello stava solo facendo quello per cui era cablato. Stava cercando di migliorare la qualità della sua vita nel contesto della sua visione distorta della realtà.

Se potessimo interpretare tutte le azioni di una persona attraverso una comprensione scientifica del cervello, le discussioni sull'auto-sabotaggio cesseranno, perché tutti saprebbero che non c'è davvero nulla di simile

********

Sei nella nostra mailing list delle alternative? Se desideri ricevere la nostra newsletter settimanale informativa, invia un'email a: drjaffe@alternativesbh.com

Solutions Collecting From Web of "Non esiste una cosa come il (vero) auto-sabotaggio"