Non devi essere perfetto

Secondo Karen Horney e gli esistenzialisti, la benedizione di un'immaginazione può trasformarsi in una maledizione, perché la vita non è mai così gratificante come possiamo immaginare. Se la vita è abbastanza gratificante, l'immaginazione può essere fonte di piacevoli fantasie (oltre a buone idee e memoria, che sembrano essere il suo scopo). Quando la vita ci abbandona, abbiamo la tendenza a compensare creando una vita idealizzata, con una versione perfetta di noi stessi in essa; la nevrosi o la psicopatologia è l'investimento di energia per lucidare la nostra immagine perfetta invece di cercare di migliorare la nostra situazione attuale. La nevrosi sta scegliendo la pillola blu (da The Matrix).

Horney ci insegna che è difficile dire il perfezionismo quando lo vediamo, perché varia tanto da persona a persona, e anche perché ogni atto può essere intrapreso al servizio della realtà o al servizio dell'idealizzazione. Puoi studiare molto duramente perché un test provi un vero orgoglio nel fare bene, oppure puoi studiare più duramente per evitare l'umiliazione del tuo orgoglio nevrotico che un buon grado potrebbe infliggere. Neuroticamente, puoi dare soldi ai mendicanti e sentirti un santo; puoi snobbare i mendicanti e sentirti come la definizione stessa di autosufficienza. In modo sano, puoi dare generosità o puoi snobbare perché sono fastidiosi. Tutti noi promuoviamo la nostra immagine perfetta un po 'di tempo; la gente dice che i disturbi della personalità lo fanno quasi sempre.

Nei termini di Erving Goffman, siamo tutti noi che cerchiamo di svolgere un ruolo tutto il tempo e stiamo costantemente evitando di screditare la nostra performance. Un ruolo che cerchiamo di giocare è patologico se fosse screditato semplicemente dalla nostra umanità, o dalle leggi della natura – in altre parole, se è destinato a essere screditato. Se vuoi perdere peso, devi accettare le leggi della termodinamica. Per alcune persone questo è un duro colpo per sentirsi speciali, quindi si lamentano invece di aver provato tutto, che il loro stesso metabolismo è in qualche modo un'eccezione alla legge di conservazione dell'energia. Se vuoi controllare le tue spese, devi accettare le regole dell'aritmetica. Se vuoi smettere di procrastinare, devi accettare l'inesorabilità del tempo. Dieter, procrastinators e overspenders non vogliono che il trattamento funzioni, perché per loro il costo dell'ordinario è peggiore dei benefici del trattamento. Vogliono che il trattamento funzioni solo se funziona per magia.

Un altro problema – sul lavoro, nell'amore, nelle relazioni – si riferisce al modo in cui gestiamo i colpi all'immagine del nostro sé idealizzato. Innanzitutto, neghiamo che sia avvenuto un tale colpo, che mantiene l'immagine della perfezione o della particolarità che rivendichiamo. Forse la tua reazione al paragrafo precedente è stata che la tua procrastinazione, problemi di peso o spese eccessive non sono correlate al mantenimento di un'immagine di te stesso come un'eccezione alle leggi della natura. Forse la tua reazione è stata colorata dall'indignazione per le implicazioni. Non è interessante che l'indignazione implichi l'indegnità? Diventiamo indignati quando la nostra dignità è offuscata dal comune pennello.

Tendiamo a monitorare il nostro ritratto di noi stessi come speciali o perfetti e reagire nel personaggio a momenti in cui non riusciamo a farcela. I tipi di supereroi, a loro agio con la propria aggressività, si arrabbiano con altri che dubitano delle loro affermazioni. Interagire con loro socialmente è come interagire con qualcuno che è armato fino ai denti; hai la tendenza a morderti la lingua quando ti dicono quanto sono stupefacenti. Questo si dice sottomissione e li fa sentire ancora più superiori. I tipi santi, che si deprezzano ripetutamente, vengono catturati in un atto di auto-indulgenza e si espongono abbassandosi ulteriormente. Altri ne approfittano, che si legge come egoismo, facendoli sentire ancora più santi. I tipi mistici, che affermano di non aver bisogno di altre persone, vengono scoperti come normalmente interessati alle reazioni degli altri, e ti scappano per dimostrare che non è vero. Le insegui, che si legge come dipendenza accalcata, facendole sentire ancora più straordinariamente indipendenti.

Stranamente, potrebbe essere più facile trattare con la nostra stessa imperfezione che con gli altri ". È strano perché siamo molto più investiti nel nostro senso di essere speciali e abbiamo molte più prove per sostenerlo. (Ogni pensiero magico che si sia mai avverato rafforza il tuo senso di specialezza, ma pensieri simili di altre persone non sono disponibili per te.) Per gestire la tua imperfezione, devi osservare come la realtà ti ha fornito ricompense reali e la perfezione ti ha fornito solo con il sollievo di non essere scoperto. (Se sei così lontano che sei arrivato a credere che sei davvero perfetto, niente funzionerà fino a quando non ti schianti.) Puoi mettere giù il terribile fardello della specialezza, ciò che Ecclesiaste chiama un vento teso, e goderti il ​​nutrimento e lavoro e sesso e la compagnia degli altri. Il metodo è semplicemente ridere di te stesso quando rivendichi una considerazione speciale, la risata di affetto che un genitore amorevole dà a un bambino che dice di poter volare – "Non sarebbe fantastico?"

Con gli altri, la risata reciproca è anche la migliore medicina, ma alcune persone con disturbi di personalità non credono che tale mutualità sia possibile (una buona terapia lo dimostra). Disprezzano il loro vero sé così profondamente da non credere nel nutrimento, nel cameratismo o nel godere dei frutti delle loro fatiche. Tranne che nella terapia, che inizia con un accordo sul fatto che lo scopo della relazione è quello di cambiarli, in genere devono essere soddisfatti o evitati. Tuttavia, nell'interesse di preservare un senso di perfezione, possono spesso essere indotti a fingere di ridere di se stessi, e questo può permettere ai loro amici e colleghi un minimo di manovrabilità. Ad esempio, l'uomo che deve sempre avere ragione può "provare" che non è così imparando a riconoscere cortesemente un errore e mantenere le sue affermazioni su come in realtà fosse giusto dopotutto. Il momento gentile, anche se falso, può essere sufficiente per un amico che altrimenti gode della sua compagnia.

Solutions Collecting From Web of "Non devi essere perfetto"