Non confondere la vendetta con la giustizia: cinque differenze chiave

Flag of Christopher Moody.svg./Wikipedia Commons
Fonte: Bandiera di Christopher Moody.svg./Wikipedia Commons

I termini vendetta e giustizia spesso si confondono. E questo non sorprende, perché nel corso della storia sono stati spesso usati in modo intercambiabile. Potresti anche avere familiarità con la frase "solo vendetta". Tuttavia, poiché i significati si alterano e si evolvono nel tempo, le connotazioni di queste due parole sono sempre più divergenti. È ormai raro vederli usati come sinonimi. E senza dubbio, la vendetta ha portato il peso dei vari cambiamenti semantici che sono emersi.

Eppure alcune sovrapposizioni tra -e ambiguità entro- i due termini esistono. Quindi, prima di delineare le principali distinzioni che possono essere utilmente fatte per separarle, lasciatemi almeno suggerire quali potrebbero essere alcune di queste incoerenze.

Sarebbe conveniente avanzare l'affermazione che la giustizia è giusta e la vendetta no. Ma come suggeriscono le parole "solo vendetta", la vendetta – a seconda delle sue condizioni di fondo, delle motivazioni e dell'esecuzione – potrebbe essere giusta o ingiusta, giusta o (francamente) scandalosamente sproporzionata rispetto al torto originariamente fatto. Sembra esserci un'equivocità strettamente intessuta nel termine che è meno percepibile nel relativo concetto di giustizia. Tuttavia, la famosa frase "aborto spontaneo" ci avverte di fare attenzione a distinguere tra concetti che, alla fine, devono essere intesi sia come relativi che soggettivi.

Anche se credo che le differenze tra la vendetta e la giustizia elencate di seguito siano generalmente valide, sottolineo che sono generalizzazioni, quindi probabilmente sarai in grado di pensare ad alcune eccezioni. Ci sono casi in cui la vendetta può essere legittimamente intesa come un tipo di giustizia e la giustizia una specie di vendetta. Inoltre, discreto come ho cercato di rendere ognuna delle cinque categorie sottostanti, una certa quantità di rassomiglianza e ripetizione è stata inevitabile. Cioè, le mie "linee di divisione" possono a volte sembrare un po 'arbitrarie. Ma in ogni caso, eccoli qui, ognuno dei quali conclude con la propria serie di citazioni di supporto.

In effetti, come preludio alla nostra discussione, iniziamo con due citazioni che affermano l'idea che la vendetta e la giustizia dovrebbero essere distinte:

"Non cercare vendetta e chiamala giustizia." -Cassandra Chiara

"È essenziale che sia fatta giustizia; è altrettanto vitale che la giustizia non sia confusa con la vendetta, perché i due sono completamente diversi. "-Oscar Arias

1. La vendetta è prevalentemente emotiva; giustizia principalmente razionale. La vendetta riguarda principalmente "recitare" (tipicamente attraverso la violenza) emozioni marcatamente negative. Nel peggiore dei casi, esprime un desiderio caldo e travolgente di spargimento di sangue. Per quanto possa sembrare perverso, c'è un vero piacere sperimentato nel causare agli altri di soffrire per il danno che hanno causato al vendicatore, o vittima auto-percepita (vedere il meno personale Schadenfreude).

La giustizia – come logicamente, legalmente ed eticamente definito – non si tratta veramente di "pareggiare" o di provare una dispettosa gioia per rappresaglia. Invece, si tratta di correggere un torto che la maggior parte dei membri della società (al contrario della semplice presunta vittima) sarebbe d'accordo è moralmente colpevole. E la correttezza morale presumibilmente imparziale (cioè, non emotiva) di tale giustizia si basa su standard culturali o comunitari di equità e equità. Mentre la vendetta ha una certa qualità egoistica, la giustizia "fredda" è disinteressata in quanto si basa su una legge consolidata e non interessata. Almeno in senso obliquo, le due citazioni qui sotto sono suggestive:

"Ma gli uomini spesso confondono omicidio e vendetta per giustizia. Raramente hanno lo stomaco per la giustizia. "- Robert Jordan

"La giustizia sociale non può essere raggiunta con la violenza. La violenza uccide ciò che intende creare. "-Papa Giovanni Paolo II

2. La vendetta è, per sua natura, personale; la giustizia è impersonale, imparziale e sia un fenomeno sociale che giuridico. Lo stimolo alla base della vendetta è di ottenere persino, di effettuare una vendetta privata o di ottenere ciò che, soggettivamente, potrebbe essere descritto come giustizia personale . In caso di successo, la parte che si percepisce gravemente ferita (anche se altri potrebbero non essere necessariamente d'accordo) sperimenta una notevole gratificazione: il loro obiettivo di rappresaglia è stato raggiunto, l'altra parte è stata sconfitta o messa in ginocchio. Giusto o no, il vendicatore si sente giustificato. La loro ricerca della vendetta li ha "ri-potenziati" e, dal loro punto di vista parziale, è qualcosa a cui hanno pienamente diritto.

D'altra parte, la giustizia sociale è impersonale. Riguarda la correzione morale in situazioni in cui alcuni principi etici e culturalmente vitali sono stati violati. Quando la giustizia viene soddisfatta con successo, la particolare retribuzione avvantaggia o protegge sia l'individuo che la società, che possono operare efficacemente solo quando vengono seguite alcune linee guida comportamentali accettabili. Quindi, considera:

"La vendetta è una specie di giustizia selvaggia, che più la natura di un uomo corre, più dovrebbe legge per estirparlo." -Francis Bacon

"La giustizia non può essere solo per un lato, ma deve essere per entrambi." -Eleanor Roosevelt

"Tutte le richieste di giustizia richiedono che le vittime si sentano vendicate, e la vendetta non è mai solo se è sproporzionata." – Thane Rosenbaum

"La pace è più importante di ogni giustizia; e la pace non è stata fatta per amore della giustizia, ma giustizia per amore della pace. "-Martin Luther

3. La vendetta è un atto di vendetta; giustizia, di rivendicazione. L'intenso sforzo di vendicare se stessi o gli altri può facilmente diventare corruttore, riducendo moralmente lo status del vendicatore a quello del perpetratore. Due torti non fanno un diritto e (eticamente parlando) non possono mai. Degradare un altro finisce per peggiorare ulteriormente se stessi. Anche se una sorta di giustizia potrebbe essere servita attraverso un atto di vendetta, si potrebbe ancora sostenere che non c'è nulla di particolarmente ammirevole o evoluto nel ritorsioni contro un torto commettendo un "mi piace" sbagliato. O (per dirla in modo più enfatico) comportarsi con vendetta è, nella migliore delle ipotesi, prendere la strada bassa per arrivare alla giustizia.

In opposizione, la giustizia è fondata su supposizioni, convenzioni e dottrine che hanno a che fare con l'onore, l'onestà e la virtù. Il suo scopo in realtà non è vendicativo. Cioè, la sete di sangue non ha parte, o non dovrebbe avere nessun precetto di giustizia, almeno non nel modo in cui il termine è attualmente impiegato. È basato sulla legge stabilita e il suo procedimento è progettato per dispensare agli individui esattamente ciò che è meritato: niente di più e niente di meno.

Le seguenti citazioni alludono ad alcune delle dimensioni di questa differenza principale:

"Non ci può essere più motivatore del male di un immenso senso di ingiustizia!" -Bill Ward

"Ricorda solo questo: cercare la giustizia è una cosa buona e nobile, cercare la vendetta per odio è qualcosa che divorerà la tua stessa anima." -James Mace

"Nella storia umana, il desiderio di vendetta e il desiderio di bottino sono stati spesso strettamente associati." -John McCarthy

4. La vendetta riguarda i cicli; giustizia sulla chiusura. La vendetta ha un modo di ripetersi implacabilmente (come in interminabili faide, come Hatfields e McCoys), e sempre più maliziosamente. La vendetta in genere genera più vendetta. Che si tratti di un individuo o di un'intera nazione, si svolge all'interno di un sistema chiuso che sembra in grado di nutrirsi indefinitamente di se stesso. A differenza di tic-tac-toe, tit for tat è un gioco senza fine. Una parte ottiene soddisfazione, poi l'altra è spinta a ottenere la sua soddisfazione, e poi … teoricamente, all'infinito. Non può esserci risoluzione, nessun compromesso. Per ogni fazione (per esempio, Israele e Palestina) ha il clan come la propria agenda, il proprio senso di giusto e sbagliato. E la giusta rigidità di ogni parte di solito richiede che qualche estraneo di fiducia intervenga se le questioni devono essere risolte.

La giustizia, al contrario, è progettata (da individui o funzionari generalmente non collegati ai due campi opposti) per offrire una risoluzione molto più probabile che si verifichi in chiusura – specialmente se, in realtà, è giusta (cioè, equa). E quando la giustizia è fatta (e io uso questa parola con cognizione di causa) lo è anche il conflitto che lo ha portato. Oltre a ciò, le pene per i trasgressori portano un'autorità concordata che manca di atti personali di vendetta, che sono calcolati unicamente per "tornare indietro" al presunto colpevole. Dal punto di vista tecnico, la cosiddetta "giustizia vigilante" non è affatto giustizia, o giustizia sociale, anche se a volte può sembrare. Prendere in considerazione le cose a volte può sembrare giustificato, ma difficilmente soddisfa i più rigorosi criteri per consensuale, o comunità, giustizia.

Ecco alcune citazioni che si concentrano sulla problematica mancanza di chiusura comunemente associata alla vendetta:

"Ma se la vendetta si chiama giustizia, allora quella giustizia genera ancora più vendetta … e poi diventa una catena di odio". -Pein Naruto

"È spiacevole che nella maggior parte dei casi, quando i peccati del padre cadono sul figlio, è perché … la gente si rifiuta di perdonare e dimenticare e accumulare torti passati su generazioni innocenti" [che, aggiungerei, è tutt'altro che semplice]. -EA Bucchianeri

"Coloro che desiderano punire le generazioni attuali e future per le ingiustizie di una generazione ormai lontana, e che equiparano la giustizia alla vendetta, sono le persone più pericolose del mondo." -Dean Koontz

5. La vendetta riguarda la rappresaglia; giustizia sul ripristino dell'equilibrio. Il motivo della vendetta ha principalmente a che fare con l'esprimere rabbia, odio o dispetto. È una protesta, o rimborso, e il suo intento principale è quello di fare del male. Di per sé, non si tratta principalmente di giustizia, ma delle vittime che affermano il loro innato (ma non legale) diritto di vendicarsi contro un torto fatto a loro.

E poiché è così appassionato, è tipicamente sproporzionato rispetto alla lesione originale, il che significa che di solito non può essere visto come giusto. La punizione può adattarsi al crimine, ma spesso è una risposta esagerata all'offesa percepita di un altro. (E io uso la qualifica "percepita" di proposito qui.) Per prendere il caso della Florida del fatale sparatoria del 2012 di Trayvon Martin di George Zimmerman, non solo esemplifica la falsità a volte legata alla giustizia del vigilante ma, come molti (se non la maggior parte) la gente sarebbe d'accordo, l'assoluzione definitiva di Zimmerman rappresentava un grave errore giudiziario, specialmente alla luce della condotta antisociale e delle infrazioni legali del sicario successive al caso.)

Al contrario, la giustizia si preoccupa di ripristinare equamente l'equilibrio attraverso la realizzazione dell'uguaglianza – o meglio, l' equità. Si concentra sulla proporzione in quanto equivale alla correttezza. Non spinto dall'emozione, la giustizia riparativa – risolta da un tribunale – cerca di essere il più obiettivo e imparziale possibile. Non è , come tanta parte della vendetta, fare l'altra parte "una migliore", ma equivocabilmente, o adeguatamente punendo le offese. In effetti, l'antica "legge del 'talion'" (uno standard etico che ha origine nella legge babilonese e presente anche nella Bibbia e nella prima legge romana) si concentra su ciò che è comunemente noto (ma, si spera, solo metaforicamente!) Come Concezione della giustizia "occhio per occhio". In breve, il tipo o la grandezza della giustizia eliminata è concepito per "corrispondere" il più esattamente possibile alla gravità della ferita originale. E il gruppo di citazioni qui di seguito dovrebbe ulteriormente illustrare questa distinzione finale tra vendetta e giustizia:

"L'etica cristiana richiede di non vendicarsi. Il paradosso è, naturalmente, che i cristiani adorano un Dio che è il più grande vendicatore di tutti loro. Sfidalo e brucerai nell'inferno eterno, un atto di vendetta che è completamente sproporzionato rispetto al crimine. "-Jo Nesbø

"Dio non è mai stato ciò che chiameremmo proporzionalista. Dio va molto spesso, e questo è ciò che le società umane non permetteranno al loro popolo di fare ". -William Ian Miller

"Qualcuno ci taccia, raramente (se mai) vogliamo fare la stessa cosa. Perché? Perché vogliamo fare qualcosa di più dannoso. Allo stesso modo, quando qualcuno ci insulta, il nostro istinto è di cercare parole che saranno più offensive. La vendetta si intensifica sempre ". -Rob Bell

[E infine] "Una società fondata su una base di vendetta è una società destinata a distruggere se stessa." -Richelle E. Goodrich

NOTA 1: Questo post è stato progettato per completare, o completare, il mio post precedente, "5 più grandi problemi con la vendetta e i suoi 3 migliori rimedi".

NOTA 2: Se hai trovato questo pezzo interessante o illuminante, spero che considererai di condividere il suo legame con gli altri. Se desideri controllare i post aggiuntivi che ho fatto per Psychology Today – su una vasta gamma di argomenti psicologici – clicca qui.

© 2014 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

Ti invito a unirti a me su Facebook, così come seguire le mie riflessioni su Twitter.

  • La prospettiva di un partner sull'anoressia
  • Percezioni di un re: come terapia e film si riferiscono alla conferenza stampa di Lebron James
  • Rompere con un amico fa sempre male, soprattutto in ufficio
  • Sopravvivere all'attuale esperienza elettorale presidenziale
  • Note sulla narcolessia: parte 3
  • Perché odiamo i nostri ex
  • Iniziare la conversazione
  • Che cosa è successo alla cultura del cinema drive-in?
  • Perché tuo figlio non è uno dei tuoi successi per il 2017
  • Due barriere per sconfiggere la solitudine
  • 5 modi di lavorare su se stessi possono giovare ai nostri bambini
  • Parla con un tono più morbido
  • Tre fatti su Venting Online
  • Sparatutto scolastico: non c'è suono morso
  • Prevenire le azioni malvagie: chi perpetra i tiri di massa?
  • Conoscere il tuo tipo psicologico può aiutare a godersi le vacanze
  • Metafore Materia
  • Un viaggio verso la bella vita
  • Sei una donna traumatizzata?
  • Mi ami ancora quanto hai fatto tu, cara? Sulla misurazione dell'intensità emotiva
  • La mia recensione di 28 casi di predatori sessualmente violenti
  • Una psicologia della teoria del complotto
  • Le 7 fasi di Lutto una rottura
  • Il tuo lavoro ti sta uccidendo?
  • Quando un amico si lamenta ma non vuole un consiglio
  • The Black Criminal, the Sexy Latin, and the Invisible Native
  • La Dis-facilità di malattia medica cronica
  • Le due cose che tutti vogliamo e abbiamo bisogno di più
  • La Chiesa cattolica romana Waffles Again: Belgium's Story
  • La mia teenager ha bisogno di un trattamento?
  • MUTAZIONI: Variazioni sulla nostra irrelazione Canzone e danza
  • Empatia nella letteratura e nel cinema
  • Figlie non amate e trigger di vacanza: 5 modi per far fronte
  • Come possiamo usare le nostre voci per mostrare più forte?
  • Un set essenziale di strumenti per la produttività al lavoro
  • Confidarsi nel tuo cane può migliorare la tua salute mentale?