Non è colpa mia!

Arkady Lifshits/stocksnap
Fonte: Arkady Lifshits / stocksnap

Immagina due colleghi, amici o amanti che discutono. Le probabilità sono, ognuno sta cercando di convincere l'altro che sono la fonte del problema. Se solo l'altra persona ammettesse il proprio errore e si scusasse, tutto andrebbe bene. Suona familiare? Nel blog del mese scorso, abbiamo esplorato il Triangolo del dramma come una probabile fonte della nostra sofferenza, e abbiamo scoperto che gli argomenti in cui entrambe le parti persistono nel biasimare un altro di solito portano a risultati non soddisfacenti e insoddisfacenti. Come ogni osservatore della nostra scena politica può attestare, i conflitti reciprocamente accusatori sembrano pervasivi e raramente portano a una soluzione efficace dei problemi.

Oggi aggiungiamo un'altra dimensione alla nostra esplorazione: la nostra lotta umana con l'assunzione di responsabilità. Se cerchi responsabilità in un dizionario, la definizione recita "incolpare o ritenere responsabile". Se guardi la colpa , dice: "essere responsabile". Queste definizioni sono fondamentali per il nostro sistema legale. Ad esempio, se visiti un ristorante e scivoli e cadi su un pavimento bagnato mentre ti avvicini al tuo tavolo, il proprietario del ristorante è spesso ritenuto legalmente responsabile. Molti si aspettano che il ristorante paghi le eventuali spese mediche risultanti, o almeno per compensare il cliente per l'inconveniente o l'infortunio in qualche modo. Essendo la natura umana ciò che è, come individui nella nostra vita quotidiana, tendiamo anche a ritenere gli altri responsabili quando non soddisfiamo i nostri bisogni oi nostri obiettivi sono raggiunti. Ha senso, ovviamente. Se l'unica opzione che abbiamo è quella di dare la colpa, è molto meno doloroso dare la colpa agli altri piuttosto che picchiarci! Al di fuori del sistema legale, tuttavia, applicare questa definizione di responsabilità raramente funziona bene … perché di solito, l'altra persona o entità ci incolpa in cambio.

E se potessimo definire la responsabilità in un modo diverso, uno che ci solleva e, potenzialmente, tutti quelli che ci circondano? Piuttosto che concentrarsi sulla colpa, considera una definizione alternativa, una con due componenti chiave: la prima, assumersi la responsabilità della propria risposta emotiva in situazioni; il secondo, assumersi la responsabilità di migliorare la situazione, indipendentemente da chi riteniamo possa aver causato il problema. Consideriamoli.

Assunzione di responsabilità per la propria risposta emotiva: Abbiamo esplorato questo tema nei blog precedenti. Se sto sfogando la mia rabbia contro di te in risposta a un disaccordo o una ferita percepita, o sto infuriando con altri le cui opinioni politiche, economiche o etiche sono diverse dalla mia, può aiutarmi a sentirmi ipocrite. Tuttavia, questo raramente diminuisce la mia frustrazione e di solito non aiuta a migliorare la situazione o la relazione in alcun modo. Posso, tuttavia, essere impegnato al mio punto di vista, ai valori e ai principi, mentre contemporaneamente sto lavorando per trasformare la mia rabbia in neutralità, compassione o curiosità. Dire "questo non è un compito facile" è un eufemismo importantissimo! Ma è possibile, ed è spesso l'unico modo per far andare avanti le cose nella giusta direzione quando due persone – o nazioni – sono in un vicolo cieco. Gli esseri umani sono sempre più propensi a essere creativi e costruttivi quando i nostri cervelli emotivi infuriati si acquietano e il nostro cervello cosciente e corticale si concentra sul tentativo di risolvere il problema. Inoltre, le persone intorno a noi – amici e nemici – sono più capaci di sentirci, e noi, se non gridiamo.

Assumersi la responsabilità di rendere la situazione migliore. Se scegliamo il percorso di incolpare gli altri quando sorge il conflitto, non abbiamo alcun desiderio o bisogno di prendere provvedimenti per trovare soluzioni. Se c'è un casino, pensiamo, perché non lasciare che quelli che sono "responsabili" (colpevoli) lo puliscano !? Perlomeno, questo non è un modo molto interessante di vivere; nel peggiore dei casi, nulla cambia. Immaginiamo, per esempio, l'argomento che ho brevemente descritto nelle frasi di apertura di questo blog. Cosa succederebbe se una o entrambe queste persone pensassero: "Non credo di aver causato questo argomento, anche se mi chiedo cosa potrei fare adesso per migliorarlo?" Questo renderebbe possibile il progresso? Penso che sia così. Nelson Mandela non ha causato l'apartheid, ma ha cercato di porvi fine e fare pace con i suoi rapitori. Madre Teresa non ha causato la povertà, ma ha cercato di ridurla. Irene McGuire ha vinto il premio Nobel per la pace per le principali marce che cercavano di portare la pace in Irlanda, nonostante il fatto che le sue tre giovani nipoti siano state uccise durante la guerra civile che stava infuriando e sua sorella avrebbe poi suicidato per lo schiacciante dolore che ha subito. Nessuno avrebbe criticato McGuire per aver nutrito una rabbia vendicativa, eppure aveva trasformato la sua disperazione in uno sforzo per impedire un ulteriore spargimento di sangue. Queste persone sono icone perché dimostrano per il resto di noi ciò che siamo capaci di essere, di ciò che lo spirito umano può realizzare. Se assumersi responsabilità in situazioni che non sembrano essere di nostra competenza fosse facile, tali esempi non sarebbero famosi in tutto il mondo. Tuttavia, sono esempi di ciò che chiunque – sì, tu ed io – siamo capaci di fare del nostro meglio.

C'è un detto Zen che cattura questo spirito: "Benedici i tuoi nemici perché ti permettono di crescere". Se consideriamo le persone e le situazioni impegnative nella nostra vita come aule in cui possiamo imparare ad assumerci la responsabilità delle nostre emozioni e imparare come uscire altre persone e situazioni migliori di come le abbiamo trovate, in quei momenti siamo riusciti nel più grande dei risultati umani.

Finisce solo un occhio per occhio
rendendo tutto il mondo cieco.

– Mahatma Gandhi

Solutions Collecting From Web of "Non è colpa mia!"