Non chiamare Stephens il "Facebook Killer"

Potrebbe essere accattivante, ma è irresponsabile chiamare Stephens l'assassino di Facebook. Sì, ha trasmesso in diretta un omicidio su Facebook. È spietato, certo, ma incolpare Facebook è come incolpare la pistola. Quella linea di logica, pur potendo mantenere un fascino psicologico e politico, alimenta le fiamme della tecnofobia e non risolve alcun reale problema sociale.

Facebook viene usato per trasmettere l'uccisione di Stephens ma non svolge un "ruolo" nell'uccisione. Facebook è uno strumento, niente di più. La disponibilità di una piattaforma di social media non fa fare alla gente cose che altrimenti non farebbero. I criminali hanno storicamente usato qualunque media fosse disponibile per vantarsi di crimini e sentirsi più potenti, vantandosi al bar dell'angolo di mandare lettere alla stampa come l'assassino di Zodiac o alla polizia, come Jack lo Squartatore.

I social media hanno lo stesso scopo ma hanno una copertura più ampia ed è ora un modo normale di trasmettere tutti i tipi di notizie, non solo cattive azioni. Siamo sensibilizzati a vedere gli orrori sui nostri televisori, ma non sui social media, quindi tutta l'attenzione. L'ironia è che per la quantità della stampa e dei media mainstream che si affollano per coprire la storia dà all'assassino l'attenzione e il senso di potere che desidera ardentemente.

Il rivestimento d'argento, se così si può dire, è che i social media forniscono alla polizia più prove e aiuta ad accelerare la loro capacità di catturare i criminali. I progressi tecnologici consentono anche la rapida condivisione di informazioni, come le inserzioni sui tabelloni elettronici. L'attenzione diffusa significa anche che alcune delle questioni inerenti a tali atti, come la malattia mentale o altri fattori, sono portate più in primo piano nel discorso sociale.

Uno sfortunato effetto collaterale di una copertura diffusa di un atto del genere, sia che si tratti di un omicidio o di un terrorismo, è l'attenzione sproporzionata a questi problemi che può far sentire alle persone che il mondo è molto più pericoloso di quello che è. Questo crea paura. Quando le persone hanno paura, spesso cercano qualcosa da incolpare. Trovare una "causa" dà alle persone l'illusione che il mondo sia più sicuro e meno caotico. Quindi è facile vedere come ci sarà una tendenza a indirizzare gli strumenti di social media come Facebook. Facebook ha fatto un passo avanti per cercare di fermare la condivisione del video di Stephens. La linea di fondo, tuttavia, è che i social media non causano crimini o attirano le persone a commetterli.

Solutions Collecting From Web of "Non chiamare Stephens il "Facebook Killer""