Non chiamare Harvey Weinstein un Sex Addict

Con tutta la recente attenzione dei media sullo scandalo Harvey Weinstein – numerose rivelazioni delle stelle del cinema sulle molestie sessuali e le aggressioni sessuali del produttore cinematografico di Hollywood – stiamo vedendo molti riferimenti al suo comportamento come "dipendenza dal sesso". Sapientemente, Weinstein ha preso il facile percorso di riabilitazione anziché di prigionia, controllando se stesso in costosi programmi di "riabilitazione dalla dipendenza da sesso" per il prossimo futuro.

A parte la morale e la giustizia, ho abbandonato da tempo la terminologia della "dipendenza dal sesso". Non è altro che un termine semplicistico e fuorviante come "esaurimento nervoso", un cataclisma di cultura pop che non fa nulla per arrivare alle questioni importanti dei comportamenti fuori controllo. Dico questo come terapeuta che anni fa era nel settore della dipendenza dal sesso addestrato con concetti e pratiche terapeutiche. Tuttavia, quando ho scoperto il concetto di sessualità sana e allenato con l'associazione americana di educatori, consulenti e terapeuti (AASECT), ho abbandonato il termine e il trattamento della "dipendenza dal sesso", così come i metodi che mi è stato insegnato a trattare con esso. Ora uso metodi di trattamento che sono basati sulla forza e più utili per coloro che lottano con i comportamenti sessuali.

Troppo spesso tutto, dall'avere relazioni extraconiugali alla visione di porno a desiderare esperienze sessuali diverse con un coniuge o un partner riluttante viene ammassato sotto l'egida della "dipendenza dal sesso". Nell'industria della dipendenza dal sesso, stanno persino cercando di includere comportamenti offensivi di sesso sotto questo ombrello, ma qualcuno che sta sperimentando comportamenti fuori controllo non è necessariamente un molestatore sessuale.

Persone come Weinstein che offendono e perpetrano sessualmente hanno una patologia molto diversa da quella delle persone che lottano con il conflitto intorno a comportamenti sessuali come la masturbazione o l'uso della pornografia. E, in un senso più ampio, chiamare qualcuno che agisce su una vittima non coinvolta un tossicodipendente piuttosto che un predatore offusca il confine tra predazione e ciò che può anche essere normale – se frainteso – interessi sessuali che non superano una linea di danno agli altri.

Etichette e parole contano.

In un precedente commento che ho pubblicato su Facebook, un commentatore ha detto che con il mio dire il termine "dipendenza dal sesso" non ha senso, stavo diminuendo il dolore. In realtà, no. Sto dicendo che chiamare qualcosa "dipendenza dal sesso" o "esaurimento nervoso" è ciò che diminuisce il dolore. Dobbiamo chiamare un esaurimento nervoso di cosa si tratta: depressione, o ansia, o ossessiva compulsione, terminologia clinicamente rilevante in modo da poter offrire il giusto aiuto. Dire che qualcuno è un tossicodipendente potrebbe anche significare che il comportamento di qualcuno viene patologizzato, anche se il comportamento potrebbe non essere malsano e che vengono semplicemente giudicati, da soli o da altri. Se qualcuno è infastidito dalle loro abitudini di visione pornografica, non significa che sono un sex-tossicodipendente. Significa che dobbiamo scoprire perché guardano il porno e determinare cosa è sbagliato, se non altro, con quello.

Molti di noi nel campo della terapia sessuale hanno saputo per anni che stiamo assistendo a un lento cambiamento culturale nel modo in cui viene vista l'attività sessuale. Stiamo iniziando a capire che sesso sano è in contrasto con la determinazione di questi standard culturali.

Per esempio, Nicole Prause, una neuroscienziata americana che ricerca il comportamento sessuale umano, la dipendenza e la fisiologia della risposta sessuale, cita i risultati della ricerca secondo cui le persone che si considerano tossicodipendenti non riferiscono di guardare più pornografia di persone che non lo fanno. Si sentono solo peggio. Il miglior predittore di persone che si autoidentificano come dipendenti sessuali o pornografici, dice, è un'educazione socialmente conservatrice. Questi risultati suggeriscono che la vergogna culturale è più spesso la fonte di sofferenza che l'abuso di sesso o porno stesso.

Questa vergogna e moralità culturale sono troppo lontane dall'uso della terminologia "dipendenza dal sesso".

Harvey Weinstein non è un tossicodipendente, è una persona impegnata in comportamenti non consensuali e di sfruttamento che portano alla violazione dei diritti umani e sessuali fondamentali di un'altra persona.

IStock
Fonte: IStock

Solutions Collecting From Web of "Non chiamare Harvey Weinstein un Sex Addict"