Non c'è tempo per pianificare

Quando qualcuno dice che non hanno tempo per pianificare, di solito interpretiamo questo come l'affermazione che hanno un programma fitto di appuntamenti e non riescono a trovare un momento libero in cui sedersi e pianificare il futuro. Ci sono tutti i tipi di ragioni abbastanza ovvie perché questa è una brutta cosa. Ma ecco un'affermazione sorprendente: nessuno di noi ha tempo per pianificare, perché si scopre che non c'è tempo.

Cosa potresti chiedertelo, potrebbe significare? È un'affermazione che un certo numero di fisici moderni stanno facendo e, se è vero, sicuramente altera radicalmente il modo in cui vediamo il mondo e noi stessi in esso. Questo non vuol dire che non ci siano asserzioni abbastanza banali che potremmo fare sul fatto che non c'è tempo nel nostro mondo. Per secoli i filosofi hanno fatto quelle che sembrano affermazioni radicali sul nostro mondo, ma che a volte si riflettono sulla riflessione di non essere così radicali. Ad esempio, alcuni filosofi hanno pensato che sia una caratteristica essenziale della natura del tempo che gli eventi nel tempo hanno sia un ordine che una direzione, e altri hanno pensato che oltre a questo, ci deve essere una posizione privilegiata nel tempo che è "Il presente" momento. Ma le moderne teorie fisiche mettono in dubbio entrambe le affermazioni. Quindi se alcune o tutte queste caratteristiche sono essenziali per il tempo allora, il pensiero va, non c'è tempo.

Quel senso in cui non c'è tempo non assomiglia a nulla di cui la persona media debba preoccuparsi. Perché sembra aperto a chiunque di noi semplicemente resistere all'affermazione secondo cui tali caratteristiche sono, in effetti, essenziali per il tempo. Invece dovremmo sicuramente concludere che la dimensione temporale è in qualche modo diversa da ciò che avremmo potuto pensare. Niente di tutto questo ci dà alcun motivo per concludere che non ricordiamo eventi che sono, relativamente a noi, nel nostro passato, e che non dovremmo pianificare eventi che saranno, relativamente a noi, nel nostro futuro.

Ma questa non è la storia completa. Alcuni fisici hanno giocato con l'idea non solo che il tempo potrebbe essere diverso da come supponiamo che sia, ma che non c'è alcun buon senso nell'idea che esista una dimensione temporale. L'idea è che forse non esiste un insieme unico di "tronconi" tridimensionali che compongono il nostro mondo e che possono essere ordinati in un unico ordinamento corretto.

Pensa al nostro mondo come a un mazzo di carte. Immagina che ogni carta sia sottile: non ha alcuna larghezza. Quindi ogni carta è bidimensionale e l'intero pacchetto è tridimensionale. Supponiamo ora che l'intero branco abbia quattro dimensioni e che ogni carta abbia quindi solo tre dimensioni. Quindi ogni carta è come il mondo intero in un istante nel tempo. Non ha durata temporale, ma ha tre dimensioni spaziali. Generalmente riteniamo che esista un modo giusto per ordinare queste carte, dalla prima all'ultima. La carta le caratteristiche del momento della tua nascita, è davanti alla carta che rappresenta il momento della tua morte.

Quando Einstein è arrivato e ha presentato la teoria della relatività speciale, ha effettivamente suggerito che ci sono molti modi ugualmente buoni di "affettare" il mazzo di carte. Il mazzo che stiamo immaginando è composto da carte, ognuna delle quali ha un numero e una suite. Immagina di incollare le carte (e quindi incollarle in un ordine o in un altro). Possiamo quindi prendere un coltello affilato e iniziare a tagliare il mazzo in un nuovo set di carte. Se dividiamo il mazzo in un angolo, le carte che otteniamo, alla fine del processo di taglio, sono diverse dalle carte che abbiamo attaccato insieme: hanno diverse combinazioni di numeri e suite su di esse. Stiamo effettivamente tagliando le carte originali che abbiamo bloccato insieme, quindi ogni nuova carta ha componenti di un certo numero delle nostre carte originali. Ovviamente ci sono diversi modi per affettare il nostro mazzo. Ogni modo di affettare rappresenta il fatto che secondo la teoria della relatività speciale, dal punto di vista di diversi quadri di riferimento, diversi eventi contano come simultanei. Cioè, a seconda del modo in cui si divide il mazzo, si ottengono cose diverse (eventi nel nostro mondo, numeri e suite su un mazzo) sulle fette e ogni fetta rappresenta un singolo momento. Quindi, a seconda di come si divide il mazzo, diversi eventi contano come se fossero sulla stessa fetta, rispetto a fette diverse (contano come simultanei o non simultanei).

Detto questo, si scopre comunque che esiste un modo giusto in cui tutte le fette vanno insieme per formare un insieme quadridimensionale. È solo che non esiste un modo giusto per affettare il tutto. Quindi non c'è alcun suggerimento che il tempo stesso scompaia.

Più recentemente, tuttavia, c'è stato un suggerimento che non esiste nemmeno un giusto modo di mettere insieme le carte per formare un insieme quadridimensionale. Invece, mantenendo l'analogia in corso, il pensiero è che il nostro mondo è come un mazzo di carte, ma è un mazzo di carte che può essere messo insieme come più ti piace (per così dire). Qualsiasi ordine delle carte è buono come qualsiasi altro perché le carte che compongono il nostro mondo non sono davvero ordinate affatto. Alcuni fisici suggeriscono che il fatto che il nostro mondo sembra avere un ordinamento è solo il prodotto del fatto che sembriamo ricordare certi eventi, e la fetta dell'universo su cui ci troviamo sembra avere registrazioni di epoche precedenti: documenti storici , fossili e così via. Ma queste sono tutte mere apparenze, poiché non ha senso che ci siano parti del mondo che esistevano nel passato e che sono causalmente responsabili di ciò che sembrano essere ricordi e fossili.

Se il nostro mondo è davvero così, sembra plausibile concludere che non c'è tempo. Perché affinché ci sia tempo, sembra che ci sia una sorta di ordinamento degli eventi nel mondo. Ma se non ha senso che altre fette dell'universo vengano prima di questa, e ancora altre fette verranno dopo questa, allora ci si potrebbe chiedere quale senso possa essere fatto dell'idea che siamo responsabili delle cose che hanno fatto capita in passato, e che dovremmo pianificare ciò che accadrà in futuro. In effetti, l'idea stessa di noi stessi come agenti nel mondo sembra richiedere che le cose che faccio ora abbiano conseguenze causali a valle – cioè, che influenzino ciò che accade nel futuro. Se le fette che compongono il nostro mondo non sono ordinate, è difficile capire come dare un senso ad alcune di queste nozioni.

È ancora controverso qual è il giusto conto fisico del nostro mondo, e quindi controverso se qualcosa del genere sia la giusta immagine. Ma vale la pena considerare quanto sia importante prendere in considerazione un fenomeno come il tempo nel nostro modo di pensare a noi stessi e al mondo. Sperimentiamo il mondo come ordinato, e quasi tutte le nostre azioni nel mondo sono basate sulla supposizione che gli stati del mondo siano ordinati. Vale la pena di soffermarsi a riflettere su ciò che potremmo fare del nostro mondo e di noi stessi se ciò non fosse il caso.

Solutions Collecting From Web of "Non c'è tempo per pianificare"