Non c'è tempo come il presente

Pixabay
Fonte: Pixabay

Pensa al tuo giorno medio. Quanto tempo passi a preoccuparti di cose che non si verificano mai? Mia figlia fallirà la chimica? Mio marito prenderà il suo volo? Cosa succede se il mio vicino ha un incendio? Oppure, ci concentriamo su cose che non contano molto nel lungo periodo. Potrò mai perdere gli ultimi cinque sterline? Ho rivelato troppo sull'ultimo post di Facebook?

Trascorriamo un tempo infinito preoccupandoci e pianificando cose che non si verificano mai, o che alla fine sono irrilevanti. Ma non passiamo quasi tempo a prepararci per l'unica cosa che accadrà a tutti noi. E che può influenzarci profondamente, così come quelli che amiamo.

Moriremo tutti un giorno.

Forse è semplicemente la natura umana ad evitare questo fatto. Alcuni sostengono che la nostra intera cultura pubblicitaria, che glorifica i giovani, sia costruita attorno a questa negazione. E poi c'è la televisione, dove la maggior parte di noi ha le nostre idee su come appare l'assistenza sanitaria. Quando la maggior parte dei pazienti di Grey's Anatomy viene miracolosamente salvata dal Dr. McDreamy, è difficile credere che possa arrivare un momento in cui ciò non è possibile.

Nel mio lavoro di terapia intensiva e di cure palliative ho visto centinaia di persone

IHI
Fonte: IHI

morire. Tutti i tipi di persone: vecchi e giovani, malati cronici e vittime di traumi, ricchi e poveri, educati e non. Ma c'è un tema comune che lega quasi tutti loro. Pochissimi hanno considerato o pianificato per questo evento in anticipo. E così quando sono al capezzale con i loro cari preoccupati, spesso mi manca una tabella di marcia su come affrontare la loro cura.

Potresti pensare: seriamente? Pianificare la mia morte? Non sono pronto. Sono sano. Pratico il pensiero positivo. Ho troppe altre cose in corso adesso. Farà arrabbiare la mia famiglia.

Come medico di terapia intensiva, posso dirvi due cose: (1) prima o poi morirete. E (2) Avrai sicuramente una morte migliore se lo pianifichi. Quelli dei miei pazienti che hanno pianificato muoiono con più facilità e pace, con meno sofferenza, e di solito con meno tecnologia rispetto al trattamento predefinito. Questo non è solo vero dalla mia esperienza personale; anche i dati sono convincenti. La ricerca mostra che i pazienti che hanno parlato con i loro medici sulle preferenze di fine vita hanno vite migliori e morti, rispetto a quelli che non lo fanno.

spire2030
Fonte: spire2030

Data questa realtà, ecco alcuni suggerimenti:

1. Identifica ciò che è importante per te nella vita. In questo modo, saprai quali tipi di stati vorresti e non vorresti sopportare nelle ultime settimane. Questo è un insieme molto personale di preferenze e ognuno deve fare le proprie scelte. Nel mio libro, Extreme Measures , esploro una varietà di casi in cui i pazienti esprimono una varietà di preferenze. Per alcuni, la capacità di comunicare era una parte essenziale della vita e non vorrebbero utilizzare misure eroiche se non fossero in grado di comunicare con i loro cari. Per gli altri, la piena indipendenza fisica era un risultato essenziale. Questi pazienti erano molto chiari sul fatto che se non avessimo potuto raggiungere questi obiettivi, non volevano essere in supporto vitale. Dovresti sapere dove ti trovi. E dovresti sapere anche dove stanno i tuoi cari. È probabile che queste preferenze continueranno a cambiare nel tempo, ed è importante rivederle ogni tanto. Uno dei miei amici gioca a un gioco chiamato "Go Wish", che aiuta a chiarire queste preferenze e valori in modo confortevole, con suo marito ogni anno nel loro anniversario.

2. Comunicare queste preferenze e valori ai propri cari. Gioca a Go Wish.

coda alliance
Fonte: alleanza di coda

Parliamo della morte di zia Mae: cosa è andato bene e cosa no. Quindi, parla con il tuo team sanitario, perché un giorno potresti trovarti in una situazione in cui non puoi parlare da solo.

3. Ottieni i fatti. Siate diretti con il team sanitario sul volere informazioni che potrebbero non essere a vostro agio nel darvi. Molti medici sono riluttanti a fornire informazioni senza essere sicuri al 100% della prognosi, ma questa pratica lascia i pazienti al buio. Concedi loro il permesso, persino la domanda, se necessario, che ti dica cosa stanno pensando. Può aiutare a spiegare che ti rendi conto che non esiste una sfera di cristallo, ma vuoi comunque sapere cosa stanno pensando.

La ricerca mostra che i pazienti e le famiglie spesso non hanno idea di cosa stia effettivamente pensando il loro medico. E questa discrepanza di comprensione può aiutarci a capire perché così poche persone stanno pianificando. Perché non puoi pianificare una buona morte se non sai che stai morendo.

Nessuno di noi può decidere come e quando moriremo. Ma arriviamo a decidere come vogliamo vivere. Non c'è mai un momento migliore di adesso per pensare a quello che conta davvero per te … fino alla fine.

Ulteriori informazioni e indicazioni sono disponibili nell'appendice di Extreme Measures: Trovare un percorso migliore verso la fine della vita

Solutions Collecting From Web of "Non c'è tempo come il presente"