Non c'è successo come il fallimento

Nei primi anni '80, il mio figlio maggiore si unì a un campionato di calcio. Alla fine della sessione di 10 settimane, ogni giocatore di ogni squadra ha ricevuto un trofeo, indipendentemente dal fatto che la propria squadra abbia fatto bene o male. Ho fatto restituire a mio figlio il suo trofeo. Gli dissi che di certo non aveva bisogno di un trofeo per sapere che era un bravo ragazzo, e se ne voleva uno come segno di eccellenza doveva guadagnarselo. L'allenatore era sconvolto e gli altri genitori atterriti. Ma come psicologo, mi sembrava che un trofeo senza merito avrebbe causato più danni al mio figlio che benefici.

Trent'anni dopo, il business dei trofei prospera, la sua presenza non si limita più al campo sportivo. Paura che l'autostima dei nostri figli sia danneggiata se non vincono un premio, molte delle nostre scuole danno anche riconoscimenti senza riguardo per merito o distinzione. È quasi come se la professione fosse venuta a canalizzare Dodo Bird in Alice's Wonderland di Lewis Carroll (1865). Chiesto a un concorso, l'uccello Dodo ha proclamato che "Tutti hanno vinto e tutti devono avere premi." L'uccello Dodo non avrebbe avuto problemi a trovare lavoro nel sistema educativo americano oggi.

Per quanto siano ben intenzionati, i premi immeritati creano numerosi problemi. Primo, minano la motivazione intrinseca. L'aria fresca, l'esercizio, il divertimento e gli amici non sono apparentemente sufficienti per giocare a calcio; si deve anche portare a casa qualche prova materiale che si è eccezionali. Questo messaggio vola di fronte a una serie di ricerche che dimostrano che i bambini premiati semplicemente per impegnarsi in un'attività tendono a sviluppare meno interesse per l'attività rispetto ai bambini che non ricevono premi o vengono ricompensati solo quando le loro prestazioni soddisfano uno standard specificato. Quando insegno a studenti universitari di psicologia sociale, offro loro solo un consiglio sulla genitorialità: non premiare mai i tuoi figli per il comportamento che si comporterebbero in assenza di una ricompensa. La maggior parte dei bambini si divertono a giocare a calcio per quello che il calcio ha da offrire, e non hanno bisogno di essere forzati da tchotchke scintillanti.

Certificati di merito superflui stabiliscono anche condizioni di valore. Come ha notato l'eminente psicologo americano Carl Rogers, i bambini spesso sperimentano condizioni di valore in cui credono che l'amore e l'approvazione dei genitori dipendono dalle loro prestazioni o dal loro comportamento. Ha consigliato ai genitori di fornire un atteggiamento positivo incondizionato – l'amore dato senza precondizioni o requisiti. Distribuire indiscriminatamente trofei a tutti potrebbe sembrare coerente con il consiglio di Rogers, ma penso che crei solo l'impressione opposta. Premiando tutti per nulla, incoraggiamo i bambini a credere che i premi tangibili delle figure di autorità siano segni necessari di approvazione e affetto. Meglio insegnare loro che il loro valore come persona non dipende dall'acquisizione di un premio.

I trofei gratuiti incoraggiano anche un senso di diritto che è diffuso tra la gioventù americana. Come professore universitario, mi trovo sempre più a confronto con studenti che credono che la loro frequenza (o addirittura l'iscrizione) in un corso garantisca loro un alto grado. Molti esperti tracciano questo senso di diritto a un approccio educativo orientato al consumatore, in cui i clienti credono di meritare un voto elevato a causa dei soldi che stanno pagando. Eppure la maggior parte degli studenti non sta pagando per la propria istruzione, quindi, per favore, non spiega completamente il loro comportamento. La mia ipotesi è che questi studenti siano cresciuti fin dalla tenera età per credere che il semplice "presentarsi" dia loro gli stessi diritti ad un buon grado di quelli che hanno padroneggiato con successo il materiale e hanno esibito l'eccellenza. Infatti, diversi studenti sono venuti nel mio ufficio chiedendo un voto migliore perché hanno letto il materiale e studiato i loro appunti. Quando cerco di spiegare che lo sforzo è una causa necessaria ma non sufficiente di successo, mi guardano con un senso di sconcerto e indignazione.

Infine, e forse la cosa più importante, la gratificazione arbitraria di tutti rapisce i bambini dall'opportunità di imparare come fallire. La delusione e la frustrazione sono aspetti inevitabili della vita, e virtualmente tutti i grandi successi della storia sono avvenuti da persone che hanno superato il fallimento, non l'hanno schivato. In effetti, si potrebbe sostenere che la capacità di fallire senza scoraggiarsi è l'unica caratteristica condivisa da tutte le persone di successo. Eppure il nostro sistema educativo ha praticamente cancellato il fallimento della giornata scolastica, offrendo agli studenti alcuna guida su come deve essere gestito. Ironia della sorte, ammorbidendo il curriculum e abbassando i loro standard in modo che tutti abbiano successo, le scuole non riescono a fornire ai nostri studenti una delle competenze più importanti della vita: la capacità di fallire senza scoraggiarsi o sentirsi male con se stessi. Come il cantautore Paul Simon, una volta osservò: "Devi imparare come cadere, prima di imparare a volare". Nessuno che si alza mai ha raggiunto tali livelli senza imparare a cadere con grazia, e i bambini che sono ricompensati per niente non imparano nulla di valore dall'esperienza.

Solutions Collecting From Web of "Non c'è successo come il fallimento"