Non c'è niente di sbagliato con il rosso acceso

L'imbarazzo è imbarazzante. Come chiunque sia mai stato detto, "Stai arrossendo!" Lo sa, le dimostrazioni di imbarazzo possono diventare eventi mortificanti. Secondo una recente ricerca, tuttavia, rivelare imbarazzo non ha nulla di cui vergognarsi e, in un certo modo, potrebbe persino servire a noi.

Parte di ciò che rende imbarazzante l'imbarazzo è il fatto che si tratta di un dono morto di uno stato interno privato. I sentimenti che preferiremmo non mostrare per tutti da vedere diventano immediatamente evidenti. Ma a volte essere un po 'trasparenti potrebbe non essere una cosa così brutta. Basandosi sul lavoro del sociologo Erving Goffman e sui resoconti evolutivi dell'importanza di segnalare e rilevare le intenzioni sociali, Feinberg, Willer e Keltner (2011) sostengono che l'imbarazzo rivela che una persona si preoccupa degli altri e valuta le relazioni. In altre parole, è un modo per dire: "Mi sento male per il disordine, e voglio fare meglio la prossima volta perché questa relazione è importante per me".

In cinque studi, i ricercatori hanno testato l'ipotesi che le persone che sentono e mostrano più imbarazzo non solo si comportino in modo più affidabile e prosociale, ma susciteranno anche maggiore fiducia e cooperazione da parte degli altri. Ecco alcuni punti salienti delle loro scoperte :

  • I partecipanti che hanno mostrato più imbarazzo nel descrivere un momento imbarazzante hanno anche fornito risposte a una serie di ipotetici scenari di distribuzione delle risorse che hanno rivelato che erano meno interessati. Hanno anche dato più biglietti della lotteria a un ricevitore anonimo come parte di un gioco di dittatori. I partecipanti che si sentivano più imbarazzati in risposta a una serie di ipotetici scenari di finto passo hanno riferito un maggiore altruismo (ad es. "Esco dal mio modo di aiutare gli altri se posso") ed erano anche più generosi.
  • I partecipanti che hanno mostrato livelli di imbarazzo alti (o bassi), per storie ugualmente imbarazzanti, sono stati giudicati dagli altri partecipanti più prosociali (ad esempio, più collaborativi e affidabili, meno egoisti e manipolatori). Anche le foto che mostrano imbarazzo (rispetto all'orgoglio) sono state giudicate più prosociali, e i partecipanti hanno segnalato un maggiore desiderio di affiliazione (ad esempio, condividono un gruppo di studio) con gli individui imbarazzati rispetto a quelli orgogliosi.
  • In un gioco di fiducia, i partecipanti hanno affidato più delle loro risorse (biglietti della lotteria) a obiettivi imbarazzati, rispetto a obiettivi con espressioni orgogliose o neutre. Lo stesso schema di risultati si è verificato quando i partecipanti hanno interagito con un confederato che ha reagito alle lodi degli sperimentatori con imbarazzo rispetto all'orgoglio.
  • È importante notare che gli obiettivi imbarazzati non evocavano una maggiore compassione, né apparivano più deboli di altri bersagli. Piuttosto, hanno evocato più fiducia perché sono stati giudicati più prosociali.

In breve, i ricercatori hanno trovato supporto per la loro ipotesi che l'imbarazzo segnali la prosocialità. L'imbarazzo, dicono, è "non un segno di disordine sociale, ma un display che aiuta a ripristinare l'interazione sociale fluida dove è andato storto." È interessante notare che quando si considerano le possibili indicazioni per la ricerca futura, hanno notato che l'imbarazzo nell'interazione con un interesse romantico può anche essere funzionale in quanto segnala la fedeltà e il potenziale di essere un "compagno di alta qualità". Coerentemente con questa idea, in uno studio hanno trovato un'associazione tra espressione di imbarazzo e supporto per la monogamia. Forse, suggeriscono, i dater online che sembrano imbarazzati nelle loro foto del profilo sono più popolari.

Ci sono momenti in cui l'imbarazzo non segnala la prosocialità? Gli autori suggeriscono due possibilità: 1) quando una trasgressione è particolarmente grave o egregia, e 2) quando l'imbarazzo è espresso al posto di un'emozione più appropriata in un determinato contesto. È anche importante considerare che mentre l'imbarazzo potrebbe avere certi benefici, può anche avere costi psicologici e sociali, specialmente quando è cronico e grave.

L'imbarazzo è faticoso? Gli autori sostengono che dovrebbe essere difficile fingere, dal momento che alcuni aspetti del display, come il rossore, accadono spontaneamente e involontariamente. Tuttavia, alcune persone possono essere capaci di fingere imbarazzo (come i confederati addestrati utilizzati in uno degli studi) e potrebbero essere in grado di usare questa capacità a proprio vantaggio. Ma per quelli di voi che stanno pensando di insegnare a se stessi per mostrare più piuttosto che meno imbarazzo, il primo autore del documento consiglia: meglio solo essere se stessi.

L'articolo:

Feinberg M, Willer R, e Keltner D (2011). Confuso e fedele: imbarazzo come segnale di prosocialità. Journal of Personality and Social Psychology PMID: 21928915

Solutions Collecting From Web of "Non c'è niente di sbagliato con il rosso acceso"