Non avevo nessuno con cui giocare alla ricreazione

"Com'è andata la tua giornata?" Ho chiesto a K di 8 anni mentre camminavamo verso casa.

Va bene, "rispose lei automaticamente e poi si ritrattò," Beh, un po 'non va bene. "

"Che cosa è successo?" Ho chiesto molto casualmente.

"Non avevo nessuno con cui sedermi a pranzo e poi non sono riuscito a trovare nessuno con cui giocare durante la ricreazione. Tutti sono scappati da me. "

Naturalmente, questo tipo di affermazione manda una mamma ebrea a correre per trovare un terapeuta. (Per mio figlio, se non per me stesso). Ma non sono la stessa persona che ero prima che facessi ridicole quantità di ricerche per il mio libro sul bullismo, e ho immediatamente ricordato una conversazione che ho avuto con il Dr. Michael Thompson, autore di Raising Cain e Mom, They're Teasing Me , tra altri.

"Non intervistare per il dolore", mi ha detto Thompson. "Non fare domande che portano tuo figlio a raccontare una storia di vittimizzazione. Trova un modo per lei di raccontare una storia di forza e soluzioni. E non chiedere ogni singolo giorno come sono andate le cose quel giorno. "

Con questo in mente, mi morsi la lingua ed evitai di porre domande dirette, " Che cosa è successo? Hai litigato con qualcuno? A chi erano seduti i tuoi amici a pranzo?

Invece, ho chiesto a K quale fosse la sua parte preferita del suo pranzo (baci Hershey). "Qualcuno al tuo tavolo ha un dolce al cioccolato?" Chiesi, e lei spiegò che tutti i suoi amici erano ammassati a un altro tavolo e dissero che non c'era posto per lei, così andò a un altro tavolo e si sedette una panchina da sola.

"Succede a volte", meditavo. "Non è molto divertente, ma ti dà la possibilità di trovare qualcuno con cui parlare. Tutta la tua classe non può stare ad un tavolo, quindi ci sono state alcune persone al secondo tavolo di fronte a te sull'altro banco. "

C'erano. Ha chiamato alcuni bambini con cui non esce molto, e credo che si sia ritirata nel suo mondo mentre lei mangiava.

"Bene, K", suggerii, "Se ti ritrovi a un tavolo con loro, di che cosa ti piacerebbe parlare?"

Pensò ad alcune cose che potevano essere gli antipasti di conversazione. Potevo vedere come Michael Thompson aveva ragione, perché la nostra conversazione era incentrata sui modi per migliorare la situazione, a differenza di me che mi chiedeva perché i suoi amici non volevano stare con lei. La mia prima inclinazione era di fare domande che avrebbero fatto sentire K come se ci fosse qualcosa di sbagliato in lei, ma con la voce di Thompson nelle mie orecchie, ho evitato quel campo minato.

Quindi abbiamo iniziato a parlare di recesso.

"Ho continuato a frequentare gruppi di persone per giocare, ma sono scappati".

"Come se stessero giocando a tag, e tu eri?" Mi chiesi.

"No, non era un gioco. Volevano solo giocare da soli. "

Per un momento, sono stato perplesso. Come potrei rispondere? E perché non volevano giocare con K? Ma prima che la mia stessa ansietà aumentasse troppo, ricordai che K era stata la strana donna a pranzo, ea volte se un bambino non faceva già parte di un gruppo durante il passaggio dal pranzo alla ricreazione, allora c'è una maggiore probabilità che anche il bambino avrà un momento più difficile durante la ricreazione. Non sorprende che K abbia avuto un pomeriggio difficile; entrò in un po 'di sottaceti e non riuscì a scuoterla. Non la fine del mondo, solo un brutto pomeriggio. Non c'è bisogno di reagire in modo eccessivo.

"Allora, cosa hai deciso di fare con te stesso durante la ricreazione? Hai scalato? Vai sulle altalene? Mi piace davvero avere tempo per me stesso, in realtà ", le dissi.

"Bene," iniziò a ridacchiare, "ho creato due amici immaginari di nome Sarah e Sally, e abbiamo fatto finta che un mostro stesse cercando di buttarci giù per la diapositiva."

Dovrei essere triste che mia figlia abbia dovuto inventare amici immaginari? O dovrei essere contento di aver trovato un modo per gestire la situazione? Meglio concentrarsi sugli aspetti positivi e dare la sua approvazione per fare qualcosa di costruttivo.

"Sembra divertente", ho commentato.

"Lo era!" Disse lei. Durante il resto del cammino verso casa, parlò animatamente di Sarah e Sally, e li invitammo in casa a fare uno spuntino con noi. Non c'era niente di deprimente, nessuna tristezza, nessuna autocommiserazione nel pomeriggio.

Mentre mi siedo qui analizzando la vita di mio figlio (requisito per una mamma) invece di prepararmi per andare a letto, mi rimangono due pensieri. Uno è che sono davvero grato di avere alcuni strumenti per aiutarmi a discutere incontri sociali dolorosi con mia figlia.

Il secondo è che controllerò la situazione effettuando il check-in con K tra qualche giorno per vedere come stanno andando a pranzo e in pausa. Gli amici immaginari sono una buona soluzione per un occasionale pomeriggio difficile, che probabilmente è tutto questo, ma non un buon piano a lungo termine.

Onestamente, K sembra star bene. È entusiasta di andare a scuola al mattino; viene invitata a suonare regolarmente le date e va alle feste di compleanno. Questi sono tutti modi in cui i genitori possono rassicurare se stessi che un bambino sta funzionando bene socialmente.

Le probabilità sono, tra una settimana, questo sarà un altro punto dati negli alti e bassi della vita sociale di una seconda elementare.

Te lo ricorderò mentre spruzzo ativan nel mio caffè finché questo non si risolve.

Questo articolo è apparso per la prima volta sul blog ChicagoNow di Carrie Goldman, Portrait of an Adoption, il 23/02/12.

Solutions Collecting From Web of "Non avevo nessuno con cui giocare alla ricreazione"