Non arrenderti, Adam!

In una discussione a favore del morente assistito per i malati di mente, un giovane di nome Adam Maier-Clayton, 26 anni, di Windsor, nell'Ontario, spiega perché è a favore di ciò. Pensa che dovrebbe essere in grado di porre fine alla sua vita a causa del dolore mentale che ha sofferto negli ultimi anni.

Stava bene fino all'università, quando i sintomi ansiosi e ossessivo-compulsivi che aveva provato prima avevano cominciato a tornare. In cima a ciò c'era il "dolore psicosomatico", che andava sempre peggio. "Sai quando tocchi le dita dei piedi, e senti che brucia nella parte posteriore delle gambe", ha detto a un giornalista. "È così nella mia faccia, nella mia schiena, nella mia testa, e non si ferma".

Divenne psicotico e alcuni caregiver gli diedero la diagnosi di "disordine dissociativo", che era chiamato "disturbo di personalità multipla".

Ora si descrive come "neurobiologicamente condannato", non vede alcuna speranza e crede che dovrebbe essere in grado di porre fine alla sua vita.

Aspetta qui.

Prima di tutto, i nostri cuori vanno a questo giovane triste e disperato che sta vivendo i sintomi della grave depressione. Un atleta star che ora è paralizzato emotivamente, questo non avrebbe dovuto accadere in un paese che si vanta del suo sistema di assistenza sanitaria aggiornato. A livello umano, meritava di meglio.

È in qualche modo caduto tra le crepe nel sistema di cura psichiatrica, e ha trascorso l'ultimo decennio ad accumulare queste fragili diagnosi psichiatriche, come se avesse una malattia e i suoi medici gli hanno detto che aveva la parotite, poi le malattie cardiache e poi il cancro al fegato .

Mentre non si può fare una diagnosi definitiva della condizione di Adamo a causa della mancanza di dettagli, ci sono malattie mediche che potrebbe avere che potrebbero produrre tutto questo dolore, anche se gran parte di esso è di natura mentale (e tuttavia reale). Se si fosse scoperto che aveva una tale malattia, avrebbe potuto essere trattato per questo e gli avrebbe restituito la vita.

Ma i suoi sintomi non sono in contrasto con la depressione psicotica. Crede di non essere depresso, basandosi sul fatto che "Io non odio me stesso". Ma questo non esclude la depressione.

Ciò che guida l'osservatore verso la depressione psicotica è questo tema del dolore. È avvolto in esso. E anche qui, a livello umano, si può solo commiserare. Una vita immersa nel dolore è una vita all'inferno. Eppure il dolore è uno dei sintomi principali nella depressione psicotica. (Vedi Depressione psicotica : Conrad M. Swartz ed Edward Shorter, Cambridge University Press, Cambridge 2007 ) E sembra estendersi all'infinito nel suo orizzonte futuro.

Questa pura e semplice tristezza, chiamata anedonia, è un'altra caratteristica della depressione grave: l'annichilimento della disperazione che questi pazienti sperimentano. Non c'è fonte di gioia – nessun raggio di sole della felicità – lasciato nella vita. Sembra un miserabile passo in avanti verso quello che sperano possa essere una rapida conclusione.

Ma, Adam, non farlo! Apparentemente non sei stato ben curato. Ha provato tutto ciò che dice, la psicoanalisi, numerosi farmaci, persino la terapia di "accettazione e impegno". Non sorprende che tutti abbiano fallito.

Quello che a quanto pare non ha provato è la terapia elettroconvulsiva (ECT), che è in realtà la terapia di scelta nella depressione psicotica. Questi pazienti, per i quali generalmente gli altri trattamenti hanno lo status di placebo, di solito rispondono molto bene all'ECT.

Quindi questo è un commento scoraggiante, non sui travagli di questo sfortunato giovane che cerca di porre fine alla sua vita, ma sul sistema sanitario che si è trovato invischiato e che lo ha deluso. ECT deve essere disponibile a Windsor. È una grande città industriale. È caduto nelle mani dei freudiani (che odiano l'ECT)? O tutti i suoi amici piangono, "No no no, ti bruceranno le cervella!"

Le risposte a queste domande non sono chiare. È chiaro che è finito sulla prima pagina della sezione "Vita e arte" del quotidiano nazionale canadese, una persona di poster che autorizza l'eutanasia in pazienti psichiatrici depressi.

Di sicuro, molti di questi pazienti vogliono uccidersi – e alcuni lo fanno. Ma quando sono stati trattati con successo e sono tornati alle loro famiglie, al loro lavoro, ai loro cani e alle loro carriere sportive, riconoscono l'eutanasia psichiatrica come un profondo spreco di vita e una scioccante violazione dell'etica medica.

Solutions Collecting From Web of "Non arrenderti, Adam!"