Non arrabbiarti, pareggia

Qualche mese fa ho visto mia madre perdere – con il suo computer. Lei e mio padre avrebbero dovuto viaggiare il giorno seguente e lei aveva bisogno di stampare i biglietti aerei che aveva comprato da una prenotazione online. Nonostante abbia inserito tutte le informazioni corrette, non ha potuto accedere al suo account e dopo aver provato ripetutamente, ha iniziato a urlare e ululare. Mentre maledisse, iniziò a catastrofizzare. Non poteva credere che le cose stessero accadendo – questo tipo di cose accadeva sempre ma solo a lei. Le sue cose semplicemente non hanno mai funzionato.

Era estenuante, e non solo per lei.

Le emozioni ci sono per una ragione ed è chiaro che hanno svolto un ruolo essenziale nella sopravvivenza e nell'adattamento della razza umana. Ad esempio, ci aiutano a capire quanto siamo efficaci nel raggiungere i nostri obiettivi e se dobbiamo fare le cose in modo diverso. Aiutano a dire alle persone che ci circondano i nostri stati interni e come potremmo avvicinarci l'un l'altro: se piangi dimostra che vuoi supporto e aiuto. Se urli, idem.

Proprio come mia madre.

E lei non è sola. Siamo stati tutti lì, frustrati da cose che andavano storte, da eventi che non si sono presentati come ci aspettavamo, dalle nostre aspettative e speranze precipitate. È particolarmente negativo quando si tratta di computer, perché abbiamo un controllo così piccolo e il controllo è una parte fondamentale della felicità sul lavoro e sul gioco. Le persone che possiamo influenzare: le macchine che non possiamo.

Ma quando siamo pronti per cose che non funzionano, e quando ci aspettiamo automaticamente che le cose vadano male, facciamo cose molto più difficili di quanto debbano essere. Quindi cosa puoi fare per gestire le emozioni negative?

Ecco tre tattiche principali che sono particolarmente utili quando sei al lavoro:

1. Ricorda che hai solo così tanto autocontrollo.

L'autocontrollo è una risorsa limitata. Ne hai di meno man mano che il giorno si consuma, e meno quando ti trovi in ​​una situazione che ha precedentemente innescato la rabbia. Puoi assicurarti di non corroderlo inutilmente contando fino a 20 prima di reagire. Allora non sarai dirottato dal tuo cervello, e più precisamente dal tuo amigdala, che sovrascrive quella che è in realtà una situazione relativamente innocua.

2. Coltivare la consapevolezza

La consapevolezza è non giudicante, l'attenzione centrata sul presente che dai ai tuoi pensieri e alle tue emozioni. Quando sei consapevole, sperimenti, momento dopo momento, la consapevolezza dei tuoi pensieri, sentimenti e sensazioni. Quindi usi questa consapevolezza per affrontare intenzionalmente difficoltà o disagio. Alcune persone parlano di questo come di un "processo meta-cognitivo": tutto ciò significa pensare a ciò che pensi e senti. Il primo passo verso la consapevolezza è sintonizzare il tuo stato interiore e una volta che lo hai fatto per vedere pensieri e sentimenti come semplici eventi di passaggio.

Puoi quindi migliorare la tua pratica di consapevolezza includendo:

  • riflettendo su ciò che conta per te e per cosa vuoi essere conosciuto
  • pensando a questioni relative al controllo e all'apertura
  • riconoscere ciò che sta accadendo non solo internamente ma esternamente
  • pensando ai momenti cruciali della tua vita
  • mantenere una sana integrazione tra lavoro e vita personale

Perché preoccuparsi? Perché la consapevolezza aiuta a ridurre la vulnerabilità alle emozioni negative, aiuta a formulare i problemi, aumenta l'attenzione nel presente, riduce lo stress, aiuta le persone a superare la depressione, regola le emozioni, aumenta l'assunzione di prospettiva e ti consente di gestire le difficoltà e le difficoltà quotidiane in un modo più calmo maniera.

Meglio di tutto è un modo pratico per smettere di ruminare: è il costante masticare negativo di cose che pensi siano andate storte, che non ti piaccia, che ti infastidiscano o ti infastidiscano.

3. Ricorda l'effetto Pigmalione / Golem

L'effetto Pigmalione generalmente suggerisce che se hai delle aspettative positive su qualcuno, si esibiranno bene. L'effetto Golem fa esattamente l'opposto: le aspettative negative si traducono in prestazioni negative. Dai un'occhiata al video seminale di Jane Elliott se vuoi vedere come questo in azione. Inizi con gli adulti con cui ha lavorato quando erano bambini e andando indietro nel tempo. È un film straordinario, commovente e straordinario.

http://www.youtube.com/watch?v=JCjDxAwfXV0&feature=related

Queste tre tattiche ti garantiranno di mantenere la calma e andare avanti. Perché quando lo perdi, può essere sia imbarazzante che estenuante per tutte le persone coinvolte. Sentirai tutti gli effetti negativi almeno per alcune ore dopo, e talvolta per molto più tempo. È molto meglio sforzarsi di rimanere in equilibrio, il che naturalmente è il motivo per cui diciamo: non arrabbiarti, pareggia.

Solutions Collecting From Web of "Non arrabbiarti, pareggia"