Non aprire il vaso di Pandora dei disturbi alimentari

Anne, una delle mie pazienti, mi ha inviato di recente delle sue riflessioni sul suo disturbo alimentare a lungo termine. Il disturbo alimentare di Anne è iniziato in quinta elementare. Dice che il suo disturbo alimentare è come una scatola di Pandora . Anne, non è la prima a paragonare un disturbo alimentare alla scatola di Pandora .

Nel caso in cui la tua mitologia greca sia sfocata, esaminiamola. Il mito della scatola di Pandora era usato dagli antichi greci per insegnare la debolezza umana. Poiché Pandora era curiosa, ma non maliziosa, le fu data una scatola dagli dei che dicevano che conteneva doni speciali. Il problema fu che a Pandora fu consigliato di non aprire mai la scatola. Certo, la curiosità di Pandora ha avuto la meglio su di lei alla fine. Ha aperto la scatola e tutte le malattie e le difficoltà che affliggono l'umanità hanno iniziato a venire fuori. Spaventato, Pandora provò a chiudere la scatola. In alcune versioni del mito, Hope sfugge insieme alle cose cattive. In altre versioni, solo Hope rimane all'interno della scatola.

Ecco l'email di Anne:

Ciao, Marcia. Anne qui. Stavo solo pensando a come nei miei ultimi nove anni di "vivere la vita del mangiare disordinato" come non vorrei mai desiderare questa vita su nessuno! Sono sicuro che chiunque chiedi chi VERAMENTE ha un disturbo alimentare sarebbe d'accordo. È un inferno. È davvero un inferno privato. Un inferno che ti piace quasi morbosamente quando sei completamente risucchiato ed è uno che non vuoi condividere con nessuno. È il tuo modo di fare le cose, il tuo modo di sentirti unico – qualcosa che sento che molte persone con disturbi alimentari stanno cercando. Per me è stata una scatola di Pandora . Mi ha aiutato a fuggire da un sacco di cose nella mia vita, ma i costi sono stati grandi e lungo il cammino devo continuare a lottare per trovare la speranza che ho bisogno di recuperare. Quello che sto cercando di dire ad altre ragazze è di non aprire il vaso di Pandora, ma cosa ne so? Ho solo 19 anni (quasi 20 anni) che ne hanno sofferto per il 49% della mia vita … 😉 Cordialmente, A.

I lettori di questo blog potrebbero voler controllare il saggio vincente di Emory University Body Acceptance Week Eating Disorder Essay Contest di quest'anno. Il vincitore scrive anonimamente che " Sono sempre stato un bambino grosso. Niente di più e niente di meno. Ma rispetto al corpo modello di mia sorella minore, è stato scoraggiante. Ma non mi è mai veramente importato – ho attirato l'attenzione dei ragazzi, mi sono considerato abbastanza carino, avevo molto da fare nella mia vita. Alla fine sono andato a dieta il mio ultimo anno di scuola superiore, semplicemente perché avevo bisogno di adattarmi al vestito da ballo che avevo già. Non è passato un giorno da quel giorno che non ho pensato al mio peso. Ringrazio mia madre per aver osservato il mio peso e la mia salute, ma vorrei quasi che non avesse mai aperto quella scatola di Pandora e mi avesse fatto da mangiare. Ecco la cosa – logicamente, so di essere in salute. So di avere un bell'aspetto e so che altre persone non mi considerano sovrappeso in alcun senso. Sono molto sicuro di sé in tutti gli altri aspetti della mia vita. Conduco una vita appagante che posso ringraziare ogni giorno. Ma quando mi guardo allo specchio, tutto quello che vedo è il debole contorno di un manico dell'amore, e i rotoli quando mi chino. Tutto quello che vedo è una piccola testa sulle spalle troppo larghe e stringere la ciccia sulle mie braccia. Tutto quello che riesco a pensare è di cinque sterline in più. Se metto ancora cinque chili in più, avrò un aspetto migliore. … Non sono mai in pace. "

Ecco sperando che sempre meno caselle aperte di Pandora .

Marcia

La nutrizionista Marcia Herrin e Nancy Matsumoto, co-autori di The Parent's Guide to Eating Disorders, Gūrze Books, (www.childhoodeatingdisorders.com). Marcia è anche autrice di Nutrition Counselling nel trattamento dei disturbi alimentari (www.marciaherrin.com).
Copyright di Marcia Herrin e Nancy Matsumoto

Solutions Collecting From Web of "Non aprire il vaso di Pandora dei disturbi alimentari"