Non amato nell’infanzia? Stai sempre dicendo “Mi dispiace?”

Perché le posizioni predefinite di auto-colpevolizzazione e di gradimento agli altri sono così distruttive.

“Provo panico quando ci sono combattimenti o qualsiasi tipo di conflitto. Anche un piccolo disaccordo. I miei genitori hanno combattuto e gridato anche a me, e ho appena imparato ad abbassarmi. Ma essere uno zerbino non fa bene neanche a me o al mio matrimonio “. ” Trina “, 53

“Il mio problema è che sono un peacekeeper. Lo sono sempre stato Ma il costo di mantenere la pace non ha mai visto la tua opinione rispettata. Non essere mai sentito. Ha distrutto le mie amicizie e mi ha ferito nel mio lavoro. Dico sempre “Mi dispiace”. “ -” Ginger “, 38

Photograph by Toa Heftiba. Copyright free. Unsplash.

Fonte: fotografia di Toa Heftiba. Copyright libero. Unsplash.

È assolutamente vero che essere in grado di scusarsi e pronunciare queste parole, specialmente se hai commesso un errore o hai sbagliato, è un’indicazione di buon carattere e di una buona regolazione emotiva. Ma ci sono quelli che sono così ansiosi di evitare il conflitto che in realtà si impediscono di dire qualsiasi altra cosa. Spesso, questo è un comportamento inconscio appreso durante l’infanzia, che, purtroppo, ha profonde conseguenze nella vita adulta.

Le figlie hanno più probabilità dei figli di diventare compiacenti e apologeti, in parte perché la nostra cultura è molto più tollerante quando i ragazzi (e gli uomini successivi) esprimono rabbia rispetto a quando fanno le ragazze (e le donne), e c’è una tendenza a diffidare o pensare meno alle donne chi si arrabbia. È esattamente quello che hanno trovato uno studio di Jessica Salerno e Loma Peter-Hagene. I partecipanti allo studio pensavano di far parte di una giuria reale, ma lo scenario era sceneggiato, con quattro giurati che sostenevano il verdetto e un presunto “hold-out”. I hold-out avevano un nome maschile o femminile e esprimevano le loro opinioni con nessuna emozione, rabbia o paura. Si scopre che la resistenza non ha cambiato l’opinione originale dei giurati, tranne che quando un presunto rifiuto maschile ha espresso rabbia, la fiducia del partecipante nel verdetto è scesa. Ma quando una “femmina” ha espresso rabbia, i partecipanti sono diventati significativamente più fiduciosi nel loro verdetto originale. Si noti che sia i ritiri “maschili” che quelli “femminili” hanno espresso la stessa opinione nello stesso modo. Vale la pena ricordare che la lingua inglese ha una serie di parole specifiche per genere, come toporagno, pescivendola, ascia da guerra e cagna, per le donne che mostrano rabbia.

Ma ci sono altre ragioni per cui le figlie diventano costruttori di pace, ei figli tendono a non farlo. I figli che combattono il conflitto hanno più probabilità di essere criticati o derisi per essere un wuss o un vigliacco. Pur essendo un pacificatore fornisce la copertura per una ragazza, colpisce un bersaglio sulla schiena di un ragazzo. Come spiegò eloquentemente William Pollack nel suo libro Real Boys 20 anni fa, la rabbia è una delle pochissime emozioni che la visione culturale della virilità e della mascolinità consente, e quindi, non sorprendentemente, molti figli non amati tendono a crescere per essere uomini arrabbiati, e molte figlie non amate diventano pacificatori e apologeti, anche se non tutti. Vale la pena notare che, come dice il dott. Pollack, “Sfortunatamente, è attraverso la rabbia. . . che la maggior parte dei ragazzi esprime la sua vulnerabilità e impotenza “.

Istantanee della famiglia di origine

Sepolti nella storia emotiva di una figlia sono le radici dei suoi comportamenti nel presente; sono le propaggini di comportamenti difensivi o autoprotettivi adottati inconsciamente durante l’infanzia. A meno che non sia stata in terapia, è molto probabile che non veda questi comportamenti come appreso, ma solo una parte di ciò che lei è ed è sempre stata, parte del suo carattere essenziale e della sua personalità. Ma nessuno nasce per compiacere o placare, e il momento in cui la figlia riconosce che è il momento in cui si imbarca nel viaggio per reclamare se stessa. Come ho spiegato nel mio libro Daughter Detox , le figlie imparano a nascondersi in bella vista per ragioni diverse.

Alcune figlie che crescono con madri altamente combattive o critiche apprendono che c’è sicurezza nel volare sotto il radar, e provano – comunque possono – placare e soddisfare. Questa era la storia di “Gina”, ora 52:

“Mia madre credeva nell’amore duro prima che avesse un nome; lei credeva che coccolare ti rendesse debole e mostrare emozioni fosse un segno di debolezza. Ha sminuito me e mio fratello se abbiamo pianto così abbiamo imparato a non farlo. Si è ribellato e io sono diventato l’anticipatore dei suoi bisogni, correndo per fare le faccende e le cose così lei sarebbe stata felice con me. Ma lei non lo è mai stata. Ho ancora difficoltà a farmi valere nella vita; è difficile per me alzare la testa per dire di no a nessuno “.

Ahimè, Gina non è sola; le figlie mi dicono spesso come hanno difficoltà ad affrontare richieste o conflitti, e che la loro posizione di default è di fare tutto il possibile per aggiustare qualsiasi cosa sia nel momento. Ovviamente, ciò significa che in pratica devi rendere te stesso, i tuoi pensieri, i tuoi desideri e i tuoi desideri invisibili, e dire che ti dispiace se lo sei o no.

Le figlie di madri emotivamente indisponibili o sprezzanti diventano gradite nello sforzo di attirare l’attenzione delle loro madri, sebbene valga la pena notare che l’opposto orientamento – diventare un piantagrane o essere combattivo – può anche essere parte dello stesso comportamento disadattivo. Nonostante le apparenti differenze, il piacevole e il ribelle condividono lo stesso obiettivo di far sì che le loro madri li notino e si preoccupino. Usano solo approcci positivi o negativi. Ma le loro ragioni per piacere sono l’opposto di quelle figlie di madri controllanti, ipercritiche o combattive: queste ragazze vogliono salire sul radar delle loro madri. Nella vita adulta, questo specifico bisogno di piacere può creare un gran fermento emotivo, specialmente nelle amicizie. Era il caso di “Patti”, 56 anni.

“Sono la persona che non dice mai di no e finisco col dare il 150 percento in ogni relazione. Ma il problema è che anche se mi sento bene ad aiutare gli altri e ad andare oltre e ringraziato, c’è sempre un momento in cui mi sento abituato e risentito. La maggior parte delle mie amicizie e associazioni si concludono perché mi stanco di essere quello che porta il peso. Il mio terapista ha sottolineato che questo è un mio vecchio modello, uno che ho imparato a cercare di far riconoscere mia madre a me. Ho sempre sentito di essere invisibile che, per un figlio unico, è molto difficile. Ho sempre qualcosa da dimostrare. “

Le figlie di madri con caratteristiche narcisistiche imparano che per ottenere il favore delle loro madri, devono accettare le regole delle loro madri per ciò che conta e riflettere su di esse in ogni momento; rispondono al trattamento della loro infanzia diventando ciò che il dott. Craig Malkin ha definito echoists, o persone che in realtà mancano di sano narcisismo, nel suo libro Rethinking Narcisism. Come la ninfa Echo, che si innamorò di Narciso nel mito greco originale e che poteva solo ripetere le parole pronunciate da altri, questa figlia non ha alcun senso dei propri bisogni e desideri, e non ha voce propria. Anche se può sembrare una persona gradita o apologista, il suo obiettivo principale è quello di passare inosservato, fuori dai riflettori e fuori dal centro della scena. A meno che non cominci a capire le origini del suo tratto – il dottor Malkin chiarisce che l’eco è un tratto, non una diagnosi – sarà attratta da coloro che hanno bisogno anche delle persone per la propria auto-validazione.

Ci sono chiaramente discussioni comuni in tutti questi modelli che modellano le figlie nelle loro famiglie di origini, ma ci sono anche differenze notevoli.

Cosa succede alle relazioni di queste figlie adulte?

Queste vecchie posizioni predefinite – interiorizzate come modo di affrontare l’infanzia – vengono portate nell’età adulta come comportamenti disadattivi con conseguenze reali. Il problema è che sono difficili da cambiare fino a quando non vengono riconosciuti consapevolmente, insieme alla loro fonte. Tratto dalla ricerca e dalle interviste che ho fatto per il mio libro, Daughter Detox: Recupero da una madre non amante e Recupero della tua vita , di seguito sono alcuni degli effetti più comuni sui comportamenti degli adulti della figlia.

1. Ritorna a incolpare se stessa

Le parole “Mi dispiace” escono dal nulla, indipendentemente dal fatto che siano richieste, perché la sua infanzia le ha insegnato a prendersi la colpa di tutto, compresi i maltrattamenti di sua madre. Inutile dire che questa abitudine è catnip per coloro che amano il controllo, ma può anche essere incredibilmente frustrante per qualcuno con un attaccamento sicuro che vuole davvero essere in grado di parlare attraverso le cose. Inoltre, è probabile che mentre lei si scusa per placare la sua amica, amante o consorte, potrebbe anche iniziare con l’ingiustizia di tutto ciò e arrabbiarsi. Le figlie con uno stile di attaccamento ansioso-preoccupato sono sempre in allerta per il tradimento e il rifiuto, che sollecita il loro placarsi, ma significa che sono anche emotivamente volatili. Senza volerlo, la sua evasione dal conflitto crea spesso conflitti e drammi.

Non capire la differenza tra assumersi la responsabilità per le proprie azioni e incolpare sempre te stessa blatera la figlia in molti modi in tutte le sue relazioni. È solo quando inizia a collegare i punti tra le sue reazioni attuali e le sue esperienze passate che può iniziare a vedere cosa la spinge e può iniziare a cambiare.

2. Evita qualsiasi dialogo che sembra controverso

Per la figlia di una madre combattiva o di controllo, piegare le tende al primo segno di disaccordo è un’azione riflessiva, nata da anni di andare avanti per andare d’accordo. Anche se questo può sembrare un aspetto positivo, significa che lei interrompe davvero il minuto parlando di qualcosa che è necessario. Non è una buona cosa, perché per prosperare entrambe le parti in una relazione devono essere libere di esprimere il loro disaccordo. Ancora una volta, la figlia può così frustrare il suo partner che il suo comportamento susciterà il contenzioso che sta tentando di evitare, tranne che sarà intensificato.

3. Incapace di esprimere i propri bisogni e desideri

La triste verità è che molte di queste figlie in realtà non sanno quello che vogliono o di cui hanno bisogno; hanno smesso di ascoltarsi anni prima e, in un modo più letterale del non, non si conoscono abbastanza bene o si vedono abbastanza chiaramente da riconoscere i propri desideri o desideri. Certo, non puoi dare voce a pensieri che sono sepolti nel profondo, fuori dalla vista cosciente. Altre figlie hanno semplicemente troppa paura di parlare; sono impegnati nel sentiero dell’evitamento, conscia o inconsciamente, e di rimanere a favore dei loro partner. L’ironia, naturalmente, è quella liberata dall’infanzia, la figlia ricrea le circostanze emotive della sua famiglia di origine in età adulta attraverso i suoi vecchi comportamenti appresi.

Spesso sono infelici senza sapere perché e cercano la terapia proprio per questa ragione. Non sorprende che molte figlie non amate si rendano conto che hanno, in effetti, o hanno collaborato o sposato qualcuno che le tratta proprio come facevano le loro madri non amorevoli.

4. Non si fida delle proprie percezioni

Potrebbe essere stata illuminata da sua madre, da suo padre o da altri membri della sua famiglia: ha raccontato di nuovo che ciò che crede sia accaduto, che lei stia inventando o mentendo o che sia semplicemente troppo “sensibile” o “eccessivamente drammatica”. È molto difficile quando sei giovane e queste critiche derivano dalla voce dell’autorità per compromettere ciò che viene detto su di te. (Come ho già scritto prima, mia madre mi ha illuminato con il fuoco tutto il tempo, e quando avevo 7 anni, sapevo che uno di noi doveva essere pazzo. È un pensiero terrificante che un bambino possa intrattenere a tutti i livelli.) se non è stata illuminata dal gas, la mancanza di convalida da parte di sua madre, insieme alla sua supposizione che lei è la causa della sua terapia da parte di sua madre, sarà sufficiente per sviluppare un profondo pozzo di insicurezza. Questo doppio flusso di biasimo e di insicurezza può diventare un fondamento di autocritica, che è l’abitudine di incolpare ogni errore e errore sui propri difetti di carattere fisso; la ricerca mostra che l’autocritica è fortemente associata alla depressione in età adulta.

Se dubiti dei tuoi sentimenti e pensieri, il vero pericolo è che, se sei abbastanza fortunato da incontrare una persona sincera, potresti non essere in grado di riconoscere ciò che hai. I requisiti di una relazione diadica – aperta e condivisa – possono sembrare minacciosi in un modo in cui una relazione con qualcuno che controlla o con caratteristiche narcisistiche non lo è. Sì, questo è triste ea volte vero.

5. Confonde il controllo con forza

Questa è una continuazione dagli altri punti in un modo, e un nuovo thread in un altro, che è più complicato di no. Pensaci per un momento: quando sei tagliato fuori dal tuo sé interiore in modi significativi e non ti fidi delle tue percezioni, il mondo delle relazioni sembra un posto pericoloso, e come se fossi in una barca senza scafo, senza timone, navigando le sue acque In tali circostanze, è molto facile confondere le grandiose dichiarazioni di qualcuno con un alto contenuto di tratti narcisistici con sicurezza e determinazione; allo stesso modo, è facile scambiare le azioni e le parole di qualcuno di alto controllo per quelli di qualcuno che è un pensatore indipendente e forte nel carattere. Naturalmente, i comportamenti che la figlia ha adottato in risposta alle sue esperienze infantili – placare e gradire, annullando le sue reazioni, evitando lo scontro – la rendono attraente per questi partner. Ma la verità è che, inizialmente almeno, le stanno facendo appello.

Queste parole sono sempre sulla punta della tua lingua? Forse ora è il momento di esplorare perché.

Immagine di Facebook: fizkes / Shutterstock

Copyright © Peg Streep 2019

Riferimenti

Salerno, Jessica e Liana Peter-Hagene, “Una donna arrabbiata: l’espressione della rabbia aumenta l’influenza per gli uomini, ma diminuisce l’influenza per le donne durante la delibera di gruppo” (2015) Legge e comportamento umano, 39 (6), 581-592.

Pollock, William. Ragazzi reali: salvare i nostri figli dai miti della fanciullezza. New York: Henry Holt and Company, 1998.

Malkin, Craig. Ripensare il narcisismo: il segreto per riconoscere e affrontare i narcisisti. New York: Harper Perennial, 2016.

Solutions Collecting From Web of "Non amato nell’infanzia? Stai sempre dicendo “Mi dispiace?”"