Non accontentarsi di stare bene

Quando stavo imparando a fare il medico, l'obiettivo era quello di fare bene i malati, ma mancava un pezzo enorme da quello che mi avevano insegnato nella mia educazione medica. Nessuno mi ha mai insegnato che, come dottori, è nostro compito aiutare le persone a diventare, non solo bene, ma integre.

Dopotutto, il nostro compito è aiutare le persone a guarire e "guarire" significa "diventare interi". Ma cosa significa? Ecco cosa significa per me.

Malato vs. Bene

Nella scuola di medicina, mi è stato insegnato che ci sono due tipi di persone: persone malate e persone buone. Le persone "malate" hanno esami anormali di laboratorio e radiologici e sono considerate "malate" o "malate". Finiscono con l'assunzione di farmaci, e se riusciamo a impedire loro di atterrare a terra in ospedale o, peggio ancora, di morire, noi tira un sospiro di sollievo. Se facciamo un ulteriore passo avanti e li aiutiamo a fare modifiche di stile di vita che traggono beneficio dal corpo dalla radice fisica, allora ci diamo una pacca sulle spalle e consideriamo ben fatto il nostro lavoro.

"Bene" le persone, d'altra parte, hanno normali studi di laboratorio e radiologici e sono generalmente privi di malattie. O se hanno malattie, li abbiamo controllati con farmaci, cambiamenti dietetici, esercizio fisico, perdita di peso o qualunque cosa stia lavorando per tenerli "bene".

Miriamo a impedire che le persone diventino malate e, fortunatamente, una maggiore consapevolezza della salute preventiva ha contribuito a trasformare questo obiettivo in realtà.

L'educazione alla salute pubblica su tali comportamenti che inducono il benessere come una buona alimentazione, esercizio regolare, smettere di fumare, controllo del peso, vaccinazione e test di screening del cancro hanno contribuito al benessere della popolazione generale.

O hanno?

Allora perché siamo ancora così malati?

Perché la tecnologia medica sta avanzando a ritmi incalzanti, eppure i disturbi come la sindrome da stanchezza cronica, la fibromialgia, il mal di schiena cronico e le ulcere ci affliggono? Perché siamo obesi, ipertesi, diabetici e ipotiroidei? Perché ci stanchiamo – spesso in giovane età – da infarti, ictus e tumori? Perché molti di noi sono drogati con farmaci per l'ansia, la depressione e il disturbo bipolare?

Sto parlando di quelli che sono sotto le cure di un medico, quelli a cui è stata diagnosticata una malattia o due, quelli che fanno le pillole ogni mattina.

Bene vs. Vitale

Ma ce ne sono altri. Potremmo non essere malati. Siamo per lo più bene. Le nostre analisi del sangue tornano normali. I nostri segni vitali sono stabili. Otteniamo il buono stato di salute dal nostro fisico. Eppure, manca ancora qualcosa.

Vedi se suona come te o chi conosci:

Ti trascini fuori dal letto ogni mattina e ti trascini attraverso le tue giornate, sentendoti pigro e sognando le sieste. Sai che dovresti allenarti, ma non hai l'energia per frequentarti a lezione di yoga o usare quell'appartenenza alla palestra che paghi $ 99 al mese per mantenere solo così puoi sentirti più sano di te.

Non puoi assumere farmaci, ma il tuo umore crolla spesso, lasciandoti svogliato, in lacrime e senza speranza. Hai problemi ad addormentarti perché la tua litania di preoccupazioni ti passa per la testa di notte come un film in riproduzione automatica.

Prendi facilmente il raffreddore, e proprio quando ti lecchi una piccola sinusite un'infezione, finisci con l'influenza dello stomaco.

Sai come mangiare sano, ma preparare cibi sani richiede più tempo ed energia di quello che puoi raccogliere. Comprate verdure fresche, ma la metà delle volte che marciscono nel crisper prima di andare in giro a preparare quel fritto vegetariano che avevate pianificato quando avete comprato i broccoli e i fagiolini. Dal momento che passi 10 ore al giorno a fare quel lavoro che odi – sai, quello che paga le bollette ma non è quello che hai sognato di fare quando sei cresciuto – semplicemente non ce l'hai in te da mangiare il modo in cui sai che dovresti. Quindi prendi un burrito ghiacciato, apri qualcosa da una lattina o oscilla attraverso la finestra da portar via mentre torni a casa da una lunga giornata.

Sai che non dovresti aprire quella terza birra, ma non sei sicuro su quale altro modo gestire lo stress schiacciante che stai provando cercando di bilanciare famiglia e lavoro. Inoltre, la notte è quando sei perseguitato dalla paralizzante solitudine che senti, anche se tuo marito è proprio dall'altra parte del divano, bevendo anche una terza birra.

Se ti addormenti abbastanza – con gelato, patatine, vino, sigarette o pillole, ti dimenticherai di come non ti ha toccato nel modo in cui desideri essere toccato per anni. Ti chiedi se qualcuno ti toccherà mai più in quel modo.

Non è che non hai amici. Tu fai. È solo che non parli di questo genere di cose. Ci si riunisce nel cortile della scuola dei bambini o ci si vede in chiesa o ci si incontra al club o al lavoro. Ma tu non hai il tipo di intime amicizie che desideri, il tipo che avresti potuto avere quando eri più giovane, quando potevi davvero far volare la tua bandiera straniera, e non fingevi di avere tutto insieme.

Sei tentato di crogiolarti, ma poi pensi che dovresti essere grato per quello che hai e smettere di sognare di avere di più. Almeno hai la tua salute, dopo tutto. Potrebbe essere peggio.

Capisci dovresti solo succhiarlo e accettare che questa è solo la vita. Dovresti semplicemente superare te stesso e smettere di sperare in qualcosa di più. Forse la vita non ha significato, tu non sei qui per un qualche scopo divino, e questo è il meglio che ottiene.

È allettante crederlo. Dopotutto, nulla nella tua vita ti porta a credere che non sia vero. Ma qualcosa ti irrita e ti fa dubitare di questo. Una piccola voce dal profondo dentro di te sussurra: "No! Non bere il Kool-aid! C'è dell'altro."

Ti chiedi se la piccola voce potrebbe essere giusta, ma a questo punto sei troppo ronzato per saperlo.

Quindi ti trascini a letto prima di tuo marito perché ormai è addormentato sul divano. Sposta il canale della TV della tua camera da letto in uno show televisivo di realtà che spegne il tuo cervello in modo da non dover notare la sensazione di malessere nel tuo cuore, la fame bramosa che desidera essere nutrita.

Potresti non essere malato, ma sai che dovresti sentirti meglio di così. Lo metti per "invecchiamento", ma da qualche parte, in fondo, sai che non deve essere così.

Spero che tu possa sentirti vitale, ma non sai da dove cominciare, e il tuo medico non è di grande aiuto. L'ultima volta che hai provato a parlarne, il tuo dottore non ha mai nemmeno alzato lo sguardo dal tuo grafico. Non ti fidi di essere ascoltato, quindi non hai nemmeno detto nulla.

Invece, ti sei rassegnato a vivere questa vita. Tu – e milioni di altri negli Stati Uniti

Se ti senti così, non sei solo.

Quindi, cosa significa essere interi?

Restate sintonizzati per il mio prossimo post su cosa significa essere, non solo bene, ma vitale, non solo vitale, ma intero.

Cosa ne pensi di tutto questo? Questo risuona con te? Per favore dimmi cosa pensi, miei cari! E unisciti alla rivoluzione della medicina rosa.

Fino ad allora, in malattia e in salute,

****

Lissa Rankin, MD: Fondatrice di OwningPink.com, Pink Medicine Revolutionary, speaker motivazionale e autore di What's Up Down There? Domande che chiederesti al tuo ginecologo se fosse la tua migliore amica e l'arte encaustica: la guida completa alla creazione di belle arti con la cera.

Scopri di più su Lissa Rankin qui.

Solutions Collecting From Web of "Non accontentarsi di stare bene"