Noi contro loro: è il momento per "We're All In This Together"

Il messaggio di sicurezza in volo di un recente volo Virgin America è terminato con un intelligente fumetto informativo inteso a sensibilizzare l'opinione pubblica su quanto il comportamento odioso dell'aereo abbia un impatto su tutti sul volo chiamato "Siamo tutti sulla stessa barca".

"Siamo tutti in questo insieme" da Virgin America & Method info-cartoon

Questo è un messaggio che scarseggia oggi. Dovremmo prendere spunto da Virgin America & Method (che ha co-sponsorizzato il messaggio). Invece di politici che cercano di convincere gli elettori che l'altro è il problema, o, come dopo la rivolta di Londra o il cellulare BART, l'accesso agli strumenti di comunicazione è pericoloso, abbiamo bisogno di una nuova mentalità. È tempo di un annuncio di servizio pubblico che si concentra sui punti di forza che provengono dall'unità; una campagna di pubbliche relazioni a livello nazionale basata sulla consapevolezza che siamo tutti in questo insieme.

I social media e le tecnologie di comunicazione sono sotto gli occhi di tutti. La tecnologia contribuisce a ciò che David Altheide (2010) chiama la "politica della paura". Ne parla in termini di espansione onnipresente della sorveglianza. La tecnologia consente anche alle cattive notizie di diffondersi rapidamente. Le cattive notizie producono paura e incertezza – da preoccupazioni locali come la potenziale perdita di posti di lavoro o fondi pensione inadeguati all'ansia globale che richiama le immagini del Crollo delle Borse e della Grande Depressione. Le cattive notizie si diffondono velocemente perché le emozioni sono contagiose se sono facilitate dai social media o dagli opuscoli. La paura è un'emozione, infatti, una delle emozioni più potenti che sperimentiamo.

Parlare alle minacce, togliere i diritti e cercare qualcuno da "incolpare" invia e rafforza potenti e pericolosi messaggi di paura. Certamente attirerà l'attenzione della gente, ma se le persone hanno paura e si sentono impotenti, accade una delle tre cose: 1) l'atto di distruzione diventa un atto di agenzia, 2) danno via più diritti a sentirsi "al sicuro" o 3) cercano una parte della società da incolpare.

I media sono uno strumento potente. Usiamolo per riunire le persone, non per separarle. Ricordiamo alla gente che:

  • La libertà è preziosa, vale la pena lottare, non contro. Non ottieni più libertà violando il diritto degli altri, che tu sia un'agenzia governativa o una rivolta.
  • Siamo tutti sulla stessa barca. Questo non è un gioco a somma zero. Se noi, come società, cresciamo e prosperiamo, c'è di più per tutti noi.

Psicologicamente e biologicamente la paura serve a metterci in guardia dal pericolo. Il cervello umano è cablato per prestare attenzione a questi avvertimenti per garantire la nostra sopravvivenza. La nostra attenta attenzione alle cattive notizie è il meccanismo di coping della raccolta di informazioni – prestando attenzione alle notizie e ad altri media – per trovare una certa certezza e dare un senso a tutto il casino per gestire la paura e capire se c'è davvero qualche pericolo . Anche il cervello umano cerca l'ordine, perché l'ordine rappresenta la prevedibilità. La prevedibilità aumenta la sicurezza. Tuttavia, mentre le notizie economiche possono avere conseguenze personali, ciò che sta accadendo è da qualche parte tra complesso e incomprensibile e soluzioni ben oltre la portata dell'individuo. Nel bene o nel male, ci affidiamo a strutture governative e finanziarie per gestire la nostra salute fiscale. Quindi siamo lasciati non solo spaventati, ma indifesi. Ciò che non è sotto il nostro controllo è, per definizione, meno prevedibile. Questo aumenta la paura perché c'è un po 'più di paura di quando il nostro futuro benessere è fuori dalle nostre mani, mettendoci da qualche parte tra lo Looking Glass di Alice e il Processo di Kafka.

Tutte queste cose sono esacerbate da decisioni politiche istintive e da retorica politica. Non importa da quale parte di qualsiasi argomento tu sia, le persone prendono decisioni di investimento in TUTTO in base alla prevedibilità: investimenti di tempo, emozioni e sforzi, non solo denaro. Gli economisti comportamentali hanno vinto premi Nobel che dimostrano che la comprensione della probabilità da parte delle persone è imprecisa e che si basano sull'euristica. Mentre potremmo discutere se la definizione di rischio e ricompensa ottimale per un economista sia la stessa di "ottimale" per qualcuno che equilibra un complesso ambiente interpersonale e socioeconomico, non è questo il punto. Le persone stanno ancora cercando di esprimere i migliori giudizi su cosa fare – 'razionale' o meno.

La paura ostacola le nostre capacità cognitive e morali. Ci fa preoccupare di "non abbastanza" e di "perdere ciò che è nostro". Crea un ambiente divisivo, noi-contro-loro che influenza il nostro comportamento – e non per il meglio. Ci rende anche estremamente vulnerabili a coloro che offrono soluzioni con l'aspetto di usurpare le libertà individuali. La paura crea una narrazione secondo cui "il controllo è necessario per tenerci al sicuro".

Quando le figure di autorità giocano su quella paura avvertendo di calamità peggiori, portando via i diritti, o rispondendo a una protesta con i quadri delle attrezzature antisommossa, stanno aggiungendo al problema non la soluzione. Stanno distogliendo l'attenzione del pubblico dai problemi reali. Nel caso delle proteste della stazione BART, la eccessiva e forse incostituzionale – reazione da parte di BART di interrompere il servizio cellulare non solo oscura lo scopo della protesta originale – le circostanze che circondano le riprese di Oscar Grant da parte della polizia di Bay Area Rapid Transit – ma trasforma tutti i BART in cattivi invece di isolare e affrontare un problema. Ci distrae anche dal clamoroso disprezzo delle persone per i loro concittadini nel saccheggio, incendio doloso o altri danni costosi delle proteste che aumentano fino alla rottura sociale e alla violenza piuttosto che generare il dialogo. In una società in cui i social media possono avvicinare le persone rapidamente, può anche far sapere alle persone quando ciò che stanno facendo ha tagliato il limite. (Vedi "Gli utenti di Twitter fanno esplodere i rivoltosi di Londra.")

È tempo di lasciare che i politici, il governo e i media sappiano che usare la paura e la colpa per attirare l'attenzione e i voti della gente non va bene. Potrebbe riuscire a far eleggere o vendere prodotti, ma mina la nostra coesione sociale e ci trasforma in una nazione di "noi" contro "loro" anziché "noi".

Altheide, D. (2010). Comunicazione del rischio e discorso della paura. [Articolo]. Catalan Journal of Communication & Cultural Studies, 2 (2), 145-158. doi: 10.1386 / cjcs.2.2.145_1

Il talentuoso studio di animazione californiano Three Legged Legs ha creato lo spot per Method & Virgin America

Solutions Collecting From Web of "Noi contro loro: è il momento per "We're All In This Together""