No, gli smartphone non stanno distruggendo una generazione

Un recente articolo dello psicologo Jean Twenge nell'Atlantico avverte che "l'ascesa gemella dello smartphone e dei social media ha causato un terremoto di una portata che non vediamo da molto tempo, se mai" e che "non è un'esagerazione per descrivere iGen come sull'orlo della peggiore crisi della salute mentale degli ultimi decenni. Gran parte di questo deterioramento può essere ricondotto ai loro telefoni ".

Gli articoli sono stati sparsi in modo prolifico su Twitter e Facebook, con i genitori che cantavano "I KNEW IT!" E il popolare newsmedia che si torceva le mani.

Adobe Images
Fonte: immagini Adobe

Il problema sia con l'articolo sia con l'attenzione risultante è triplice:

1) i dati che l'autore sceglie di presentare sono raccolti con la ciliegia, con il quale intendo che rivede solo quegli studi che supportano la sua idea e ignora gli studi che suggeriscono che l'uso dello schermo NON è associato a esiti come la depressione e la solitudine o che suggerisce che il sociale attivo l'uso dei media è in realtà associato a risultati positivi come la resilienza.

2) gli studi che sottopone a revisione sono tutti correlati, il che significa che i ricercatori hanno semplicemente osservato associazioni tra determinate variabili (ad es. Uso di smartphone e depressione). Questi studi lasciano aperte le possibilità che tali associazioni siano dovute a smartphone che causano depressione, sintomi depressivi che causano un maggiore uso di smartphone, o una terza variabile, come il numero di attività extrascolastiche, che provocano sia l'ascesa che la caduta. Per sapere in realtà se l'uso dello smartphone provoca depressione, dovremmo assegnare grandi gruppi di adolescenti perfettamente abbinati su un numero illimitato di variabili a un lungo periodo in cui un gruppo utilizza ampiamente gli smartphone e l'altro no, e poi guarda se i livelli di depressione aumenta di più in un gruppo rispetto all'altro. Ma anche in questo caso dovremmo stare attenti a far sì che gli utenti non dello smartphone abbiano qualcos'altro da fare con il loro tempo che è stato attentamente abbinato all'uso dello smartphone in termini di tempo, coinvolgimento e connessione sociale. Twenge fa attenzione a notare in diversi punti questa debolezza della ricerca, richiamando esplicitamente la natura correlazionale dei dati. Tuttavia, in altri posti lei dice cose del tipo: "Gli studenti dell'ottavo anno che fanno uso intensamente di social media aumentano il rischio di depressione del 27%".

3) gli studi che esamina in gran parte ignorano i contesti sociali e il modo in cui le persone differiscono, riportando invece solo effetti e correlazioni medie. Evidenze emergenti indicano che, come ogni altra domanda, gli psicologi possono pensare di chiedere del comportamento umano, l'uso dello schermo e la sua associazione con il benessere psicologico varia in base a una moltitudine di variabili contestuali e personali – ad esempio, come si usano i media, quando lo si usa e cos'altro sta succedendo nella tua vita. Ad esempio, questo articolo di Andrew K. Przybylski e Netta Weinstein utilizza un design accurato che tiene conto di questi tipi di fattori e conclude che "l'uso moderato della tecnologia digitale non è intrinsecamente dannoso e può essere vantaggioso in un mondo connesso".

xkcd
Fonte: xkcd

Da nessuna parte il pregiudizio di Twenge è più ovvio per me che in alcune ricerche che lei effettivamente fa revisionare, ma poi va in disparte come apparentemente irrilevante per la sua tesi – vale a dire, la vasta controprova alla tesi della "generazione distrutta" contenuta nel suo titolo. Nell'introduzione al pezzo, nota che questa generazione ha tassi di consumo di alcool nettamente inferiori, gravidanze tra adolescenti, sesso non protetto, fumo e incidenti automobilistici rispetto alle generazioni precedenti. Questo è come appare una generazione distrutta?

Inoltre, ci sono buone ragioni per pensare che smartphone e social media possano avere effetti positivi e negativi. Sentirsi regolarmente in contatto con i tuoi colleghi sociali potrebbe avere effetti benefici. Clive Thompson ha scritto un intero libro rivedendo le prove che la tecnologia potrebbe amplificare la nostra intelligenza, la nostra produttività e la nostra "consapevolezza ambientale" dei rispettivi mondi. Kristelle Lavallee, Content Strategist presso il Centro di media e salute infantile dell'ospedale pediatrico di Boston, mi ha detto in un'intervista su molti degli effetti benefici dei social media sullo sviluppo degli adolescenti. Ad esempio, gli adolescenti possono trovare altri ragazzi interessati agli stessi movimenti sociali, connettersi con adolescenti di tutto il mondo su interessi come la musica e la moda, e sentirsi inseriti in un social network pieno di significato.

Twitter (Public)
Fonte: Twitter (Pubblico)

Sì, dovremmo praticare (e predicare ai nostri figli) la moderazione in tutte le cose, incluse le nostre vite digitali. Sì, dovremmo condurre studi di ricerca accurati sugli effetti dello "screentime" sulle menti in via di sviluppo e dovremmo essere aperti a ciò che dicono questi dati. Sì, dovremmo essere preoccupati per la depressione adolescenziale e indagarne le cause. Sì, dovremmo mettere giù i nostri telefoni una volta ogni tanto e fare una passeggiata nei dannati boschi.

Ma il mio sospetto è che i bambini staranno bene.

Solutions Collecting From Web of "No, gli smartphone non stanno distruggendo una generazione"