No. 1 La ragione per cui la pratica è perfetta

Mio padre è nato il figlio dei missionari del Montana negli anni '30. Diventare il campione del tennis dello stato del Montana come studente liceale era il suo biglietto da Glendive. Ha ottenuto una borsa di studio per frequentare il college, è andato alla scuola di medicina di Cornell e divenne un neurochirurgo. Ha detto: "Di questo sono assolutamente positivo, diventare un neurochirurgo è stata una diretta conseguenza del mio occhio per la palla". Questa citazione riassume The Athlete's Way perché cattura i paralleli tra sport e carriera che entrano in gioco per tutti noi . Cattura anche il motivo per cui sono così interessato al legame tra scienza del cervello e atletica – e il legame tra "pratica, pratica, pratica" e successo.

Anche se essere un campione di tennis statale è tecnicamente ciò che ha ottenuto a mio padre una borsa di studio del college, quel "trofeo" è secondario rispetto a tutto ciò che ha appreso sul campo da tennis che lo ha tenuto per il resto della sua vita. Il suo cervello è stato ricablato attraverso i suoi allenamenti quotidiani. È stato in grado di trasferire il suo "occhio per la palla" in "messa a fuoco" e rimanere intellettualmente più acuto di tutti gli altri. La sua pratica quotidiana di tennis gli dava la fisicità, la destrezza e la resistenza per essere un chirurgo di classe mondiale.

Mio padre voleva che fossi il prossimo Björn Borg. Metto molta pressione su me stesso per avere successo fin da un'età molto giovane. Volevo che mio padre fosse fiero di me e ho lavorato molto duramente sul campo da tennis. Quando stavo crescendo, il tennis era la nostra unica vera e sola volta e giocavamo ogni domenica. Il suo coaching era basato sulla comprensione che la memoria muscolare è immagazzinata in una parte del cervello chiamata " cervelletto" (latino: piccolo cervello). Il mantra di mio padre da bambino era: "Scolpiti nel cervelletto, Chris. Pensa a martellare ea forgiare la tua memoria muscolare ad ogni colpo. "Il cervelletto è la ragione numero 1 che la pratica rende perfetti.

Sapeva che dal tennis e dall'intervento chirurgico dovevi fare sempre la stessa cosa, e ancora e ancora, collegarlo alla memoria muscolare a lungo termine che è immagazzinata nel cervelletto. Ho giocato a tennis per la prima volta in quasi un decennio poche settimane fa e sono rimasto sorpreso dalla rapidità con cui tutti quegli anni passati a giocare con mio padre e le ore e le ore di colpire ripetutamente una palla contro un tabellone sono tornati di corsa. È esattamente la stessa memoria muscolare " cerebellare " (appartenente al cervelletto) a cui ci riferiamo quando diciamo: "È proprio come andare in bicicletta". Non si dimentica mai come farlo dopo averlo centro di competenza del cervelletto attraverso la pratica.

Prima di leggere qualsiasi altra cosa, per favore guarda questo breve fumetto di 2 minuti compilato dai programmi DORE del Regno Unito che spiega brillantemente come il cervelletto si relaziona al tuo cervello quando si apprendono e si padroneggiano nuove abilità.

La parola cervelletto fu coniata da Leonardo da Vinci nel 1504 quando stava facendo colate anatomiche di cera del cervello. Il cervelletto ha le dimensioni di un kiwi ed è nascosto sotto il cervello molto più grande nella base del cranio.

Il cervelletto medio pesa solo un quarto di libbra, ma l'oncia per l'oncia racchiude un pugno spaccone. Sebbene il cervelletto sia solo il 10% del volume totale del cervello, contiene più del 50% dei neuroni del cervello . A causa di questa sproporzionata distribuzione di neuroni mio padre diceva sempre del cervelletto: "Qualunque cosa stia facendo, ne sta facendo un sacco." Era ossessionato dal tentativo di svelare i misteri del cervelletto e passò quell'ossessione a me.

Da bambino la parola "cervelletto" e "cervello" sembravano troppo complesse, così ho coniato il termine "cervello" per il cervello e il cervello per il cervelletto. So che questi termini possono sembrare grammaticalmente scorretti, ma sono una risposta diretta e convincente ai termini "cervello sinistro" e "cervello destro". Negli anni '70 si parlava molto di come il cervello sinistro fosse il tuo cervello 'intellettuale' che era buono con parole e numeri; e il tuo cervello destro è il tuo cervello 'creativo' che era buono con le immagini e l'arte.

Se spinto a categorizzare le differenze cognitive tra il cervello in giù e il cervello in su, direi che il cervello in su è la casa della tua mente cosciente cosciente e il cervello in basso è la casa della tua mente subconscia intuitiva. Tuttavia, sono pienamente consapevole che dividere il cervello e la mente in una rigida dicotomia di "cervello cerebrale in basso" è un'eccessiva semplificazione e non è scientificamente accurato al 100%. Ciò nonostante, trovo ancora questo modello split-brain un utile paradigma per facilitare l'autocomprensione e il miglioramento.

Tutte le parti del cervello lavorano insieme in concerto per tutto ciò che facciamo. Assegnare tratti specifici esclusivamente a un emisfero, oa qualsiasi porzione del cervello, viene generalmente considerato come "cattiva scienza". Detto questo, ti incoraggerei comunque a usare i termini "cervello in su" come un modo semplice e visivo per classificare un aspetto della tua psicologia quando stai facendo l'inventario della tua mentalità e del tuo comportamento. Come modello split-brain è utile per isolare abitudini e tratti caratteriali. Una volta identificata un'area che ha bisogno di lavoro, puoi quindi apportare modifiche che massimizzeranno il tuo potenziale e miglioreranno le tue prestazioni nello sport e nella vita.

Ad esempio: Arthur Ashe ha detto: "C'è una sindrome nello sport chiamata 'paralisi per analisi'". Un modo utile per evitare di essere troppo "analitici" è quello di etichettare quella mentalità come troppo "cerebrale" o cerebrale. Se stai pensando troppo, la tua corteccia prefrontale molto grande immagazzinata nel cervello su è di intralcio e blocchi il più intuitivo "cervello in giù" dal lavorare con la magia della memoria muscolare non-pensante e completamente fluida.

Il cervello su è così grande e così potente che a volte è difficile rifiutarlo. Quando ti soffochi nello sport, o sei sopraffatto, è perché il tuo cervello ti sta sopraffacendo. Ricorda questa immagine e sposta letteralmente la tua coscienza lontano dalla corteccia prefrontale rilassando la parte posteriore dei tuoi occhi, respirando profondamente e "lasciando andare".

Per creare prestazioni super fluide devi sederti nel cervello in basso che ha praticato, praticato, praticato e che le tue azioni scaturiscono da lì. Chiamo questo stato di massima prestazione " Superfluidità ." Diventi super fluido nello sport – e nella vita – quando hai liberato la memoria di lavoro del tuo cervello per strategizzare e tenere sotto controllo gli aspetti più cerebrali di tutto ciò che sta accadendo mentre completamente fidati del tuo intestino e dei poteri intuitivi del tuo cervelletto.

In chiusura, guarda questo video di Roger Federer e Lleyton Hewitt che hanno avuto uno dei più incredibili rally nella storia del tennis.

Questa è Superfluidità in azione! Ascolta il ritmo ritmico del gioco di gambe di Roger Federer (è nella maglietta bianca). Il cervello in giù sta gestendo lo spettacolo per entrambi durante la prima parte della manifestazione. Sembrano quasi robot che ripetono sempre la stessa mozione e ancora e ancora, come se stessero colpendo entrambi contro un tabellone. Crea una sensazione di trance come il sentimento, ma il cervello in su è in attesa dietro le quinte e calcola quando fare una pausa e iniziare a giocare a scacchi necessari per vincere il punto con un posizionamento strategico e inaspettato.

Questo video contiene molti indizi su come massimizzare l'uso del cervello e del cervello dentro e fuori dal campo. Guardalo di nuovo ogni volta che hai bisogno di motivazione per seguirlo e pratica, pratica, pratica tutto ciò che vuoi diventare di classe mondiale.

Solutions Collecting From Web of "No. 1 La ragione per cui la pratica è perfetta"