Nido vuoto o portafogli vuoti? Quanto costano i genitori ai loro giovani figli adulti?

Mentre la recessione si blocca, questa stagione della laurea vedrà molti più giovani nella loro camera da letto d'infanzia mentre cercano il loro primo lavoro. Quindi, quanto spendono i genitori per i loro figli adulti? Un reporter del Dayton Daily News ha recentemente chiamato questa domanda e altri.

Reporter : quale percentuale di genitori assiste finanziariamente i figli in età adulta, e qual è l'importo medio del contributo (ad esempio, $ 200 al mese)? E che tipo di aiuto forniscono i genitori (soldi in affitto, pagamenti auto, assicurazione)?

Ray : analisi recente di Patrick Wightman (University of Michigan); Bob Schoeni (Università del Michigan); e Keith Robinson (Università del Texas) trova che tra i 18-24 anni nel 2007 (pre-recessione), quasi i tre quarti dei giovani adulti ricevono assistenza dai genitori ogni anno. Più della metà riceve più di $ 1.000 all'anno tra i 18 ei 24 anni. Quasi un quarto ha ricevuto più di $ 10.000 (molto probabilmente per l'istruzione superiore ma anche per le cambiali, aiuto con l'affitto se vivono da soli, assicurazione auto, pagamenti auto , bollette del telefono cellulare, assicurazione sanitaria e il (raro) acconto su un condominio o casa.

Per quanto riguarda gli importi, dipende dal reddito delle famiglie. Le differenze tra i livelli di reddito dei genitori sono considerevoli. I genitori che guadagnano nella fascia di reddito più alta danno sei volte tanto (economicamente) ai loro figli quanto quelli nel movimento centrale, una differenza di circa $ 14.000 all'anno. Detto questo, a prescindere dal reddito familiare, i genitori danno ai loro giovani figli adulti circa il 10% dei loro redditi ogni anno durante i 18-24 anni. Maggiore è il livello di indebitamento dei giovani adulti, maggiore è la probabilità che i genitori aiutino e con importi maggiori.

Le spese non differivano in modo significativo dal fatto che il bambino vivesse indipendentemente o vivesse con i genitori. Il 73% di coloro che vivono con i genitori ha ricevuto un aiuto finanziario mentre il 65% di coloro che vivevano in modo indipendente lo hanno fatto. È interessante notare che anche tra i giovani che lavoravano (e non anche a scuola), il 57% ha ricevuto assistenza finanziaria.

La recessione ha spinto molti più giovani a tornare a casa, e la loro difficoltà a trovare un lavoro e / o la loro sottoccupazione (laureati che lavorano come cameriere o baristi, per esempio) è probabile che abbia aumentato l'onere finanziario per i genitori.

Nel nuovo studio dei miei e dei colleghi sugli effetti della recessione sui giovani adulti, ad esempio, la stragrande maggioranza è tornata a casa. Stanno inviando centinaia di curriculum inutilmente. Nel frattempo, si sentono incatenati dal conto del college che sta per scadere. Per molti, desiderano che possano trasferirsi, ma non riescono a vedere come potrebbero permettersi di pagare l'affitto e il pagamento del prestito (che vanno da $ 200 a $ 1.000 al mese). È interessante notare che un gruppo considerevole pensa che il pagamento dell'affitto sia per i maleducati: sta buttando via dei soldi, dicono, spesso avendo sentito parlare molto dei loro genitori. Non siamo sicuri se stanno trattenendo un acconto su qualcosa, ma un gruppo considerevole menziona come sembra ora possedere una casa remota. Nel frattempo, i genitori stanno dando dei calci in casa aiutandoli a pagare la loro assicurazione auto o la bolletta del cellulare – e talvolta anche il prestito del college – e stanno rifornendo il frigorifero, naturalmente. Solo una manciata di circa 80 giovani adulti che abbiamo intervistato pagavano l'affitto.

Reporter : per quanto tempo i genitori sostengono in genere i loro figli adulti?

Ray : Il suddetto articolo di Wightman e coautori ha rintracciato i giovani solo fino all'età di 24 anni, quindi non possiamo rispondere in modo definitivo, ma sappiamo che molti meno giovani vivono a casa dopo i 26 anni. Ad esempio, mentre circa il 52% di giovani di età compresa tra 18 e 24 anni vivevano con i genitori nel 2009, che è sceso a solo il 13% di quelle età 25-34.

Reporter: meno giovani sono finanziariamente indipendenti a 30 anni oggi rispetto al passato?

Ray : Ancora una volta, è difficile dire con certezza se la tendenza è cambiata, ma è chiaro che più giovani vivono a casa oggi rispetto al recente passato (anni '90 e '2000). Tuttavia, con le recessioni, la tendenza è quella di vedere un urto in chi vive a casa. Infatti, durante l'ultima profonda recessione del 1983, una percentuale leggermente più alta di giovani di 18-24 anni viveva a casa rispetto al 2009 (54,4% nel 1983 contro il 52,3% nel 2009). Ma una percentuale più elevata di giovani adulti (25-34 anni) vivevano a casa nel 2009 rispetto al 1983.

Reporter: la tendenza è diversa per uomini e donne?
Ray : Per coloro che vivono a casa con i loro genitori, una percentuale maggiore di uomini vive a casa rispetto alle donne. Nel 2009, il 49% delle donne di età compresa tra 18 e 24 anni viveva in casa contro il 57% degli uomini della stessa età. Il modello è simile nella fascia di età avanzata, sebbene le azioni siano molto più basse (15% per gli uomini, 10% per le donne).

Reporter: cosa spiega la tendenza all'indebolimento dell'indipendenza finanziaria?
Ray : Molto ha a che fare con l'economia. I salari sono stagnanti per gli uomini con meno istruzione negli ultimi decenni, e gli uomini hanno meno probabilità delle donne di ottenere una laurea di quattro anni. Inoltre, sia per gli uomini che per le donne, lo stigma di vivere a casa è inferiore: i genitori sono più vicini ai loro figli e, come sempre più persone vivono a casa, diventa più accettabile. Inoltre, vivere a casa può essere un buon trampolino di lancio e consentire ai ragazzi di essere più strategici nella scelta del loro lavoro, almeno quando c'era una scelta prima di questa recessione e dei loro piani futuri. Con la recessione, si tratta sicuramente di posti di lavoro e sempre più la quantità di debito che i giovani portano dal college.

Giornalista: hai un'opinione su questa attività? Ci sono alcuni tipi di impegni finanziari che i genitori dovrebbero evitare di fare con i loro figli in età adulta? Alcuni tipi di supporto sono migliori di altri?

Ray : Sappiamo solo troppo poco delle motivazioni e dei risultati a lungo termine del sostegno finanziario per offrire risposte definitive a questa domanda. Commonsense dice che avere un posto dove stare se non si ha un lavoro è un vantaggio. Ti consente forse di prendere decisioni migliori quando non sei sotto controllo finanziario. Permette un po 'di respiro, e quindi più a lungo termine, contro il pensiero a breve termine. Ma il buon senso dice anche che a volte i giovani hanno bisogno di imparare come fare il bilancio e sopravvivere da soli, quindi fornire un nido troppo comodo non è una buona idea.

Dovremmo resistere all'impulso di confrontare la situazione di oggi con quella del passato, dato che un fattore distintivo per questa generazione è il maggior numero di debiti universitari che molti bambini oggi affrontano. E per il grande gruppo che non è andato all'università, i loro stipendi sono diminuiti (anche dopo essersi adeguati all'inflazione) proprio come il costo della vita è aumentato, rendendo molto difficile mantenere la testa fuori dall'acqua. La recessione non fa che aggravare i problemi, visto che i giovani adulti sono gli ultimi assunti, e licenziati per primi, e mentre i lavoratori più anziani rimangono più a lungo nel lavoro.

Solutions Collecting From Web of "Nido vuoto o portafogli vuoti? Quanto costano i genitori ai loro giovani figli adulti?"