Newtown, CT Massacre porta più torcendo le mani

L'inerzia collettiva della nostra nazione che circonda gli omicidi di massa è forse illustrata meglio in un video su YouTube che unisce i discorsi dei presidenti Obama, Bush (II) e Clinton. Tanti torcimenti e inviti alla preghiera. Poco in termini di strategie concrete.

Non che ci sia una soluzione semplice. Le cause sono complesse e additive: facile accesso alle armi super letali, risorse di trattamento inadeguate per i malati di mente e – forse soprattutto – una cultura che esalta la violenza.

Dopo tutto, siamo il principale potere imperiale del mondo. Non siamo sorpresi dallo spettacolo

I bambini a Karachi, in Pakistan, mostrano solidarietà con le vittime del Connecticut

s di violenza nella Roma imperiale. Eppure siamo così diversi? Esercitiamo il controllo globale in gran parte attraverso la forza militare e celebriamo la violenza al servizio di una causa giusta. Dov'è l'oltraggio per il massacro del nostro paese di almeno 176 bambini (quasi 10 volte il numero ucciso a Newtown) da attacchi di droni senza equipaggio in Pakistan negli ultimi sette anni? Quei bambini sono considerati sacrificabili, "danni collaterali" nel perseguimento di un obiettivo legittimo e più ampio. Come scrisse il cineasta e autore rabbioso Michael Moore, "Una contea che sanziona ufficialmente la violenza orribile è sorpresa quando un ventenne si unisce a lui?" Eppure, sorprendentemente, bambini dall'altra parte del mondo, a Karachi, in Pakistan, ha tenuto una veglia a lume di candela in solidarietà con i bambini di Sandy Hook.


Malattia mentale non trattata

Come mostrato in una mappa interattiva di Mother Jones di 65 omicidi di massa dal 1962, la maggior parte degli assassini era malata di mente e mostrava segni di ciò prima delle loro furie. Un trattamento di alta qualità, economico, affidabile e stabile, in cui il clinico forgia un vero collegamento umano con il paziente, può salvare vite umane. E la cosa bella è che la prevenzione non richiede predizione. Non è necessario essere in grado di fare l'impossibile e individuare quale uomo depresso, psicotico, maniacale, alienato o socialmente ritirato (sì, i tiratori sono in modo schiacciante maschile) potrebbe essere diventato il prossimo Adam Lanza. O il prossimo suicidio, un atto due volte più diffuso dell'omicidio. Eppure, il trattamento di alta qualità è scarso e sta diventando più scarso. Invece, le prigioni e le prigioni sono i siti primari per la manutenzione impersonale dei farmaci che passa in questi giorni per il trattamento.

Enfasi fuori posto?

Consumare i resoconti dei media di massacrati – presso il cinema di Aurora, in Colorado, il centro commerciale di Portland, Oregon e ora Sandy Hook Elementary School a Newtown, nel Connecticut – dà un'impressione di sparatorie di massa in ascesa nel Stati Uniti. Sorprendentemente, questa percezione potrebbe essere inaccurata.

Tracciando gli omicidi in cui quattro o più persone sono state uccise in un incidente, il criminologo James Alan Fox ha scoperto che i numeri aumentano e diminuiscono di anno in anno, ma senza tendenza in nessuna direzione. In media, ci sono circa 20 omicidi di massa all'anno negli Stati Uniti, portando la morte di circa 100 persone, secondo un'intervista al San Francisco Chronicle . Il più letale nella storia degli Stati Uniti, a proposito, risale al lontano 1927, quando un tesoriere di 55 anni del consiglio scolastico del Michigan emise dinamite che uccisero 38 bambini delle elementari e sei adulti. Ciò che impallidiva in confronto al 2011 di Anders Breivik bombardamenti e sparatorie in Norvegia, che hanno ucciso 77 persone, la maggior parte di loro adolescenti.

Un altro criminologo di spicco, Jack Levin, concorda con Fox sul fatto che l'attenzione per l'omicidio di massa è malriposta, soprattutto nei confronti del dibattito sul controllo delle armi. La stragrande maggioranza degli oltre 8.000 morti uccisi dalle armi negli Stati Uniti ogni anno muoiono singolarmente, spesso per mano di membri della famiglia o a causa di dispute interpersonali o conflitti legati alla droga. Nonostante la violenza isolata, la scuola rimane statisticamente più sicura delle case – o da qualsiasi altra parte, se è per questo.

Incolpare "i media"

Se l'attenzione viene messa fuori fuoco, questo ci porta al ruolo dei "media" nella violenza di massa. È certamente plausibile che la frenesia dei media che circonda ogni nuovo focolaio contribuisca a copiare i crimini. Se sei arrabbiato e alienato, perché non uscire in un tripudio di gloria piuttosto che con un mugolio silenzioso. Insegna alla società una lezione; essere ricordato

Eppure rabbrividisco quando sento la colpa ammassata ai piedi dei "media". Come ex giornalista del quotidiano, posso attestare che non esiste un'entità monolitica chiamata "i media". Certo, notizie televisive esagerate gli equipaggi (che difficilmente meritano il titolo di giornalista) agitano senza pietà le famiglie delle vittime nell'interesse di stuzzicare gli spettatori. Ma nonostante la sempre più ristretta proprietà delle principali testate giornalistiche da parte di una manciata di enormi conglomerati, i giornali, le riviste e persino i blog presentano ancora molte analisi ponderate e rapporti investigativi. E sebbene queste narrazioni abbiano una certa influenza nel plasmare le percezioni pubbliche, alla fine riflettono più che costruire le realtà più grandi in cui sono incorporate. "Loro", in altre parole, siamo noi.

L'emivita di un vigoroso discorso pubblico sembra essere all'incirca un mese. Quindi, un altro evento genera titoli e stiamo spasmodicamente inseguendo quel filo. Fino a quando un'altra tragedia non colpisce, e la spirale ricomincia. Per tutto il tempo, c'è così tanto rumore (per usare la terminologia di Nate Silver) che il segnale può essere difficile da rilevare. Come ricorda il difensore pubblico dell'Ohio Jeff Gamso,

La gente parlerà del male. Parleranno del controllo delle armi e di come ciò dimostri che abbiamo bisogno di più – o meno – di esso. Parleranno di sicurezza, come se avvolgerci nella plastica ci terrà al sicuro quando tutto ciò che farà veramente è soffocarci …. Se tu odii, odi il fatto che siamo reattivi, cercando sempre disperatamente di impedire quello che è successo ieri. E farlo male.

Forse questa volta sarà diverso. Forse quest'ultima in una serie di furia rappresenta un punto critico. Ma ne dubito. È molto più facile proporre insegnanti di scuola armata che sfidare direttamente la fermentazione culturalmente radicata del diritto e dell'alienazione che accresce la violenza rabbiosa che non dà quarti.

Ulteriori risorse:

Il mio commento su NPR dopo il massacro di Aurora può essere ascoltato online o scaricando il podcast MP3 QUI.

Per voi gente di Twitter, ho twittato una serie di analisi dei media su Sandy Hook che ho trovato particolarmente perspicace. Puoi trovarli sul mio sito Twitter o nel feed di Twitter nella colonna di destra della home page del mio blog.

I post del mio blog dopo precedenti sparatorie di massa includono:

  • Massacro di Aurora: parlare o non parlare? (22 luglio 2012)
  • La furia dell'Arizona: analisi degli analizzatori (23 gennaio 2011)
  • Virginia Tech: possono essere prevenute le sparatorie a scuola? (19 aprile 2007)

E qui, finalmente, c'è un post sulla futilità di cercare di prevedere eventi rari:

Fallimento dei sistemi o cigno nero? Nuova cornice necessaria per fermare la frenesia di controllo del crimine commemorativo (19 ottobre 2010)

Solutions Collecting From Web of "Newtown, CT Massacre porta più torcendo le mani"