New Media è il nuovo museo, parte 1

Di Pamela Rutledge e Bonnie Buckner

Nel suo recente post, Museums 2.0: What Happens When Great Art incontra i nuovi media ?, Arianna Huffington, sebbene di solito un sostenitore entusiasta dei nuovi media, ha espresso dubbi sui musei che adottano i social media. Crediamo che lei manchi di alcuni punti importanti. Non è una questione se i musei dovrebbero adottare nuovi media. Nuovi media È il nuovo museo.

La signora Huffington descrive la sua ambivalenza nei confronti della comparsa di nuovi media nei musei. Scrive che i musei sono il nostro luogo di partenza e di immaginazione, una tregua dal resto del mondo, e che i social media come connessione per amore della connessione sono, nelle sue parole, inutili qui. "Nei loro migliori social media costruiscono una community e migliorano la comunicazione." Quanto 2010.

Social media È la comunità, resa tale in virtù di un dialogo sempre presente e partecipativo. I social media sono un potente filo di comunicazione che ci lega insieme nel presente e con il passato: è il wiki delle nostre vite. E cosa, se non quello, sono i musei? I musei sono l'ultima forma di comunicazione, che collega le persone da una volta a molte altre, attraverso artefatti, pensieri, immaginazioni e conversazioni attraverso i secoli. Il lamentarsi del museo per la contemplazione silenziosa è una lotta tra il vecchio e il nuovo, tra gli altoparlanti della tecnologia e l'ambivalente della tecnologia o anche i passanti.

Quando Edward Rothstein, critico culturale del New York Times , si lamenta che i manufatti diventano ricordi prima di essere fotografati, anche lui non ha capito il punto. Non si tratta degli strumenti, si tratta dell'intento. La cultura di oggi è sempre più interattiva e partecipativa. I confini si confondono tra artista e partecipante. Il quarto muro è stato rotto. E mentre Rothstein può scegliere di sperimentare artefatti stando in silenzio, osservandoli e riflettendoli – e noi siamo d'accordo – i nativi digitali hanno un approccio diverso. Si rimboccano le maniche e ne diventano parte. Non si tratta di essere dipendenti dalla tecnologia o di avere un'attenzione limitata o di aver bisogno di una gratificazione immediata. Si tratta di un modo diverso di vivere l'arte usando un linguaggio diverso. Lo catturano, lo schiacciano, lo personalizzano, lo condividono e ne fanno il loro. Quale migliore omaggio ai maestri piuttosto che rendere i loro contributi vibranti e vivi? Quale modo migliore di sperimentare artefatti piuttosto che viverli? Noi recitiamo Shakespeare, lo diffondiamo attraverso diversi media. Celebriamo la capacità dei registi che possono prendere i temi e le emozioni intrinseci e renderli più potenti dalla loro rilevanza. Non ci aspettiamo che le persone imparino stando seduti in silenzio e meditando. L'apprendimento è più potente quando è immersivo, multisensoriale e interattivo. Perché non interagire anche con la nostra arte e la nostra storia?

La signora Huffington descrive un nuovo mondo dei media in cui l'esperienza e l'importazione sono diminuite perché le informazioni possono essere googlate, pubblicate o re-tweettate in tempo reale. Dire che i social media e l'uso degli strumenti tecnologici oggi sono semplicemente repository di informazioni e mittenti è troppo riduttivo – è come concentrarsi sulla porta di ingresso di Notre Dame quando c'è dietro un intero edificio di ricchezze. L'edificio dietro i social media è la capacità di entrare in un mondo non vincolato dalla realtà fisica di un luogo. I nuovi media espandono le sale dei musei ai mondi per collocare gli artefatti contemporaneamente nel contesto storico e nella rilevanza individuale. Il signor Rothstein può apprezzare la contemplazione silenziosa del cervello sinistro, ma il nuovo mondo è sempre più incentrato sull'esperienza del cervello destro, dal mondo dell'arte all'innovazione economica e scientifica. Dal nostro punto di vista, prenderemo l'energia, il caos e il potenziale creativo di un mash-up in qualsiasi giorno per mettere a tacere l'etichetta del museo.

Per sottolineare il suo punto, la signora Huffington cita la descrizione dell'arte del neuroscienziato Antonio Damasio e l'esperienza del museo sulla scoperta, a: "girare un angolo in un museo e incontrare qualcosa di cui hai sentito parlare o che hai cercato – o che non hai mai sentito circa, ma è molto bello. Quell'elemento di sorpresa è parte del grilletto. "

Ma questo in realtà dimostra il nostro punto: se allargare il mondo della scoperta è l'ingrediente critico di arte e musei, allora i nuovi media stanno aiutando questa impresa. I più grandi artisti sono quelli che sfidano il nostro modo di vedere.

Nella parte 2, discuteremo di come la questione dei social media nei musei sia davvero una questione del modo "giusto" di vedere l'arte.

Bonnie Buckner e Pamela Rutledge sono i co-fondatori di A Think Lab.

Solutions Collecting From Web of "New Media è il nuovo museo, parte 1"