Neurofeedback illumina i modi personalizzati per motivare se stessi

Life Science Databases/Wikimedia Commons
Il mesencefalo (visto in rosso) ospita l'area tegmentale ventrale (VTA).
Fonte: banche dati Life Science / Wikimedia Commons

In un nuovo studio rivoluzionario, i neuroscienziati della Duke University hanno individuato modi affascinanti in cui gli individui possono imparare a manipolare circuiti neurali specifici legati alla motivazione utilizzando pensieri personalizzati e immagini mentali.

I ricercatori del Duke hanno utilizzato l'imaging cerebrale con risonanza magnetica funzionale (fMRI) come parte di un programma neurofeedback che ha permesso ai partecipanti di essere testimoni in tempo reale quando avevano attivato con successo i loro circuiti di ricompensa dell'area ventrale tegmentale (VTA).

Lo studio di marzo 2016, "Neurostimolazione cognitiva: imparare a sostenere volutamente l'attivazione della Zona Tegmentale Ventrale", è stato pubblicato sulla rivista Neuron .

Neurofeedback migliora le capacità delle macchine di biofeedback

Negli anni '70, il biofeedback divenne un termine familiare come parte della crescente consapevolezza della connessione mente-corpo. Il biofeedback utilizza tradizionalmente qualsiasi tipo di apparato in grado di misurare una varietà di combinazioni di attività fisiologiche, tra cui: onde cerebrali, funzioni cardiache, respirazione, attività muscolare e temperatura cutanea.

Neurofeedback è la versione del biofeedback del 21 ° secolo. La cosa interessante del neurofeedback è che con i progressi della tecnologia di imaging cerebrale è possibile individuare pensieri e immagini motivazionali molto specifici che ispirano un particolare individuo.

National Institute of Health/Public Domain
Il VTA produce dopamina ed è una parte vitale del percorso di ricompensa mesolimbico.
Fonte: Istituto nazionale della sanità / Dominio pubblico

Il VTA è una piccola area all'interno del mesencefalo che produce dopamina. I percorsi della dopamina nel cervello svolgono un ruolo importante nella regolazione della motivazione, della ricompensa e del movimento fisico. Come parte del percorso di ricompensa "mesolimbico", la dopamina viene prodotta in cellule nervose situate all'interno del VTA e viene rilasciata nel nucleo accumbens e nella corteccia prefrontale.

È interessante notare che le funzioni motorie del VTA fanno parte di un ciclo di feedback che è collegato a un percorso separato. La dopamina è spesso indicata come la "molecola della ricompensa" perché può stimolare sia le motivazioni positive che i comportamenti di dipendenza. Il potere della dopamina rende l'attivazione del VTA un attore chiave in tutti i tipi di auto-motivazione e volizione.

Nel nuovo studio, i ricercatori del Duca hanno chiesto ai partecipanti di generare sentimenti di motivazione utilizzando una varietà di strategie personali. Ogni persona ha fatto questo durante intervalli di 20 secondi fino a quando non ha colpito un pensiero o un'immagine che attivava il VTA.

I partecipanti sono stati in grado di osservare il neurofeedback dei loro pensieri sotto forma di un termometro fluttuante all'interno della fMRI. Questo neurofeedback diretto gli ha permesso di adattare i pensieri motivazionali e sviluppare strategie personalizzate per mantenere attivo il VTA. Rispetto ai gruppi di controllo, i partecipanti con formazione neurofeedback hanno elevato con successo la loro attività VTA, mentre altri hanno avuto meno successo.

Courtesy of Jeff MacInnes, Duke University
Questa illustrazione mostra un esperimento in cui i soggetti hanno ricevuto feedback in tempo reale durante una scansione fMRI che mostrava un'attività individuale in un centro di ricompensa del loro cervello chiamata Area Tegmentale Ventrale (VTA). Guardando un termometro fluttuante individui modi personalizzati per auto-motivare.
Fonte: per gentile concessione di Jeff MacInnes, Duke University

Dopo aver letto questo studio, mi sono reso conto che, essendo un atleta ultra-resistente, ho trascorso decenni sia in allenamento che in competizione, individuando ciò che mi dava quel "Ding". Ding. Ding. "Sensazione di gratificazione e motivazione rilasciando un colpo di dopamina dal mio VTA. Mi rendo conto ora che stavo attivamente stimolando il mio VTA e somministrando dopamina per rimanere auto-motivato.

Come atleta, ho sviluppato un arsenale di trigger motivazionali che avrei archiviato sistematicamente fino a quando ne ho trovato uno che mi dava una sensazione molto specifica di ispirazione. Per esempio, a volte l'odore della crema solare e l'associazione di cieli azzurri estivi e sole splendente potrebbero scatenare un'associazione che ha dato il via ai miei percorsi mesolimbici; a volte era una canzone d'ispirazione; a volte era una visualizzazione di un luogo che ispira timore reverenziale dal mio passato; a volte era un mantra, ecc.

Trovare pensieri motivazionali può essere un po 'come buttare gli spaghetti contro il muro fino a quando non si ha un filo che attacca o spinge "next" sulla modalità shuffle di iTunes finché non si sente casualmente una canzone che colpisce il punto.

Durante l'allenamento sportivo e la competizione, avrei bombardato i miei circuiti motivazionali con ogni trucco che avevo nella manica fino a quando non ho raggiunto il jackpot e ho avuto una punta d'ispirazione. Di nuovo, mi rendo conto ora che attraverso questo studio randomizzato ed errore di ricerca di auto-motivazione stavo facendo la stessa cosa che i partecipanti allo studio Duke stavano facendo all'interno di una fMRI quando potevano vedere il termometro associato all'aumento dell'attivazione del VTA attraverso il neurofeedback.

Secondo i ricercatori, i partecipanti a questo studio hanno utilizzato una varietà di diverse strategie motivazionali, dall'immaginazione di genitori o allenatori che li incoraggiavano, a giocare scenari ipotetici in cui i loro sforzi sono stati premiati. La notizia più eccitante è che l'aumento auto-generato nell'attivazione VTA ha funzionato anche dopo che il display del termometro è stato rimosso e le persone erano tornate nel mondo reale. Solo i partecipanti che avevano ricevuto neurofeedback accurato sono stati in grado di aumentare costantemente i loro livelli di VTA.

Cos'è il "Volition Switch"?

Da giovane atleta, ero consapevole del circuito di feedback tra stati fisiologici e mentalità psicologica basati su conversazioni con mio padre che era un neuroscienziato e il mio allenatore di tennis. Nell'età adulta, quando ho iniziato ad allenarmi e competere a livello internazionale come atleta, le lezioni che ho imparato su come avere "grazia sotto pressione" usando tecniche di risposta di rilassamento mi hanno aiutato a stare calmo e non a soffocare.

Tuttavia, c'era un'altra componente oltre il rilassamento che era ancora più importante diventare un atleta di livello mondiale piuttosto che stare calmo. Al fine di sviluppare la resistenza per diventare un triatleta ultradistance e fare cose come correre 153.76 miglia in 24 ore, avevo bisogno di sostenere livelli incrollabili di auto-motivazione. Dovevo capire i modi per rimanere motivato, allenarmi duramente e praticare con costanza, anche nei giorni in cui mi sentivo totalmente privo di ispirazione e bruciato.

Per una fonte inesauribile di pensieri motivazionali, ho fatto affidamento su un rolodex di lezioni e trucchi che avevo imparato attraverso decenni di esperienza di vita su come rimanere auto-motivato. Ho anche preso in prestito dalla saggezza di altri atleti. Per esempio mi circonderei di citazioni motivazionali di persone come Muhammad Ali che dicevano: "Odiavo ogni minuto di allenamento, ma dissi: 'Non smettere. Soffri ora e vivi il resto della tua vita da campione ». Corro da solo sulla strada, molto prima che io balli sotto le luci. "

L'esperienza di mio padre nelle neuroscienze mi ha aiutato a identificare modi specifici per visualizzare pensieri motivazionali nel mio cervello. Proprio come sono stato in grado di visualizzare il mio nervo vago spruzzando acetilcolina sul mio cuore durante i momenti di rilassamento per dare il via al mio sistema nervoso parasimpatico e minimizzare la risposta allo stress del combattimento o del volo … Visualizzerei il mio "interruttore di volizione" attivato da un pensiero motivazionale o una visualizzazione stimolante.

Quando si trattava di motivazioni, mio ​​padre si riferiva sempre a qualcosa che chiamava " interruttore di volizione " e " la candela del libero arbitrio ". Mio padre aveva avuto questa idea da uno dei suoi mentori, John Eccles, che vinse il premio Nobel in 1963 per il suo lavoro sulle sinapsi nel sistema nervoso periferico e il legame tra un neurone sensoriale e un neurone muscolare. A p. 116-117 di The Athlete's Way Scrivo,

Eccles credeva che il segnale della mente di dire al cervello cosa lanciare i motoneuroni che avrebbero fatto muovere il corpo provenisse dalla misteriosa fonte della volizione umana o dalla mente volitiva. Eccles ha affermato che i neuroni di volizione sono continuamente pronti a sparare. Solo innescare una di queste cellule nervose specializzate crea un effetto domino, una reazione a catena che si diffonde come un incendio da poche migliaia a miliardi di sinapsi coinvolgenti.

Visualizzo l'interruttore di volteggio come un enorme interruttore di luce dietro la mia fronte con on e off, go / stop su di esso. La chiave per azionare l'interruttore di volizione consiste nel pre-visualizzare il movimento e inviare il dialogo interiore dai lobi frontali. I ricercatori hanno scoperto che più i neuroni sono densi e densi con l'esercizio, più facile è guidare il cross talk positivo per attivare l'interruttore di volizione.

I ricercatori possono letteralmente vedere la scintilla della volizione in un fMRI, proprio come puoi sentirlo. Ogni volta che decidi di andare, ricorda che hai premuto il pulsante di selezione. Ogni volta che decidi di smettere, lo hai spento. La prossima volta che decidi di fare qualcosa come alzarti dal divano o rompere da una passeggiata a una corsa, fai attenzione al millisecondo della volizione che procede con il movimento muscolare.

Esercitati mantenendo l'interruttore di volizione in posizione sollevata e bloccata. Questo è uno dei trucchi più facili per iniziare un allenamento o superarlo. Una volta che il trigger è stato disattivato, le sinapsi lungo quella rete cesseranno di funzionare. Questo è smettere e arrendersi. Non rinforzare questa abitudine; combatti sempre fino al traguardo. Mantenere l'interruttore di volizione in posizione sollevata e bloccata.

Ho scritto il passaggio sopra oltre un decennio fa. Da allora, ho avuto le mie antenne per la ricerca che elabora le cose che ho imparato attraverso il mio processo atletico e le conversazioni con mio padre in modo da poter aggiornare questa conoscenza e condividerla con i miei lettori basandomi sulle ultime neuroscienze.

È stato emozionante svegliarsi questa mattina e leggere le scoperte fatte dai ricercatori della Duke University sul neurofeedback. Nella mia mente, le loro scoperte sono rivoluzionarie perché illuminano il fatto che possiamo usare il neurofeedback per identificare un pensiero o un'immagine personale che si accende sul "volition switch" di qualcuno.

Inoltre, con questa conoscenza puoi testare il tuo tipo di neurofeedback prestando attenzione a ciò che ti ispira, taggandolo e usandolo la prossima volta che ti senti privo di ispirazione.

Conclusione: Neurofeedback Fine-Tunes Modi personalizzati per essere auto-motivati

In un comunicato stampa, l'investigatore senior dello studio, R. Alison Adcock, un assistente professore di psichiatria e scienze comportamentali e direttore associato del Center for Cognitive Neuroscience presso l'Istituto universitario per le scienze del cervello della Duke University, ha concluso,

"Questi metodi mostrano una via diretta per manipolare le reti cerebrali coinvolte a livello centrale in una sana funzione cerebrale e nel comportamento quotidiano. Perché questa è la prima dimostrazione del suo genere, c'è ancora molto da capire. Ma questi strumenti potrebbero offrire benefici per tutti, in particolare quelli con problemi di depressione o di attenzione. "

Il team di Adcock si sta impegnando per identificare specifici modi in cui pensieri e comportamenti possono perfezionare la funzione cerebrale negli ultimi otto anni. In questo momento, hanno sviluppato strumenti di imaging cerebrale unici che consentono loro di analizzare i dati complessi di fMRI istantaneamente e di mostrarli ai partecipanti come neurofeedback mentre quella persona si trova nello scanner fMRI.

Adcock sottolinea che un avvertimento di questo studio è che il team non ha testato se il neurofeedback guida cambiamenti specifici nel comportamento. Detto questo, il gruppo sta attualmente lavorando alla creazione di questi studi e progetta anche di condurre lo stesso studio neurofeedback nei partecipanti con disordine da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Questa è roba eccitante! Resta sintonizzato per aggiornamenti su come questo tipo di ricerca può aiutarti a rimanere motivato.

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "La motivazione è legata alla forza dei tuoi collegamenti cerebrali"
  • "La neuroscienza della musica, della mentalità e della motivazione"
  • "In che modo il nervo vago trasmette l'istinto al cervello?"
  • "La neurobiologia della grazia sotto pressione"
  • "L'attività cerebrale sincronizzata e la superfluidità sono simbiotiche"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "Neurofeedback illumina i modi personalizzati per motivare se stessi"