Nessuna malattia da errore

Maureen, una mia paziente con il lupus, siede accasciata sulla sedia dell'ufficio, un'immagine di sofferenza. Ha avuto una recente riacutizzazione dei sintomi e sente che è colpa sua: ha lasciato che lo stress della sua vita scatenasse un'esasperazione. In realtà, secondo Maureen, la sua malattia è colpa sua. Era depressa dopo il college, quando aveva perso il suo fidanzato di vecchia data e il suo primo lavoro, e doveva tornare con i suoi genitori. Inoltre, stava combattendo un raffreddore che non sarebbe andato via. Tutti questi stress hanno reso il suo sistema immunitario "impazzire" e iniziare ad attaccare i suoi stessi tessuti. Lo stress è il nostro bugaboo moderno, poiché la repressione della rabbia o del desiderio sessuale era la colpa delle ere precedenti, per ogni cosa, dal cancro alle ulcere all'emicrania. Ma la verità è che la "causa" della maggior parte delle malattie è un mix di variabili, non tutte ben comprese. Semplicemente non sappiamo quanto, o in quali modi, l'emozione influisce sulla salute fisica.

Molti pazienti, con malattie che vanno dal cancro alle malattie renali alle malattie autoimmuni, aderiscono alla teoria privata secondo cui in qualche modo hanno contribuito alla loro stessa disgrazia, attraverso uno scarso controllo delle loro emozioni o delle loro abitudini, o perché sono contrassegnati da una cattiva eredità. La società in generale incoraggia questo tipo di auto-colpa. Nel nostro mondo ossessionato dalla salute e dal vivo, si presume che buona salute e lunga vita siano sotto il controllo di tutti. Se sei malato, è colpa tua; il tuo stile di vita, i tuoi geni, la tua colpa. Questa rapidità nel giudicare è alimentata dal desiderio di potenza e sicurezza. Anche più di quanto desideriamo sapere "perché" la malattia accade, vogliamo assicurarci che non ci capiti; e più possiamo incolpare la vittima per i suoi stessi mali, più siamo sicuri.

Il desiderio ansioso di nominare il colpevole ha contribuito a un approccio puritano, talvolta persino fanatico, alla salute nella nostra cultura. Non sto promuovendo l'auto-indulgenza o il pessimismo del nulla-non c'è dubbio che la consapevolezza pubblica, le misure preventive e le raccomandazioni di fitness siano tutti interventi importanti. Ma penso che ci sia una differenza tra le dieci regole per una vita sana e i dieci comandamenti. A volte penso che ci siamo spinti troppo in là nella direzione del giudizio e dello stigma; è quasi come se mettessimo le persone in borsa se non riuscissero a superare il test del perfetto autocontrollo.

Nella nostra ricerca zelante di perfetta salute, stiamo dimenticando che molte conoscenze mediche sono, sfortunatamente, inesatte. In molti casi, perché qualcuno si ammala è sconosciuto, e come renderlo più incerto. E mentre siamo impegnati a censurare le persone per la scarsa cura di se stessi o per i peccati immaginari di eccessi emotivi, stiamo anche ignorando alcuni fatti fondati sulla natura umana. Le persone hanno psiche e corpi, e dentro ogni persona c'è un mondo di pulsioni, fame, bisogni e paure, ognuno dei quali può operare in diretta opposizione alle Dieci regole per una vita sana.

La verità è che nessuna politica sanitaria o dieci comandamenti medici domineranno mai completamente la casualità dell'universo o controlleranno tutte le variabili che influenzano la salute delle persone. Essere semplicemente vivi significa essere vulnerabili al tempo, al caso, alla malattia, alla morte. È un'illusione pensare che se facciamo le cose giuste, saremo in salute, e se siamo malati, è perché non abbiamo fatto le cose giuste. Non tutto ciò che ci accade è una misura del nostro carattere o volontà; a volte un evento è solo una questione di fortuna. Tolleranza, perdono e accettazione sono atteggiamenti che ci aiutano a fronteggiare qualsiasi possibilità ci getti sulla nostra strada. È solo riconoscendo ciò che sfugge al nostro controllo che possiamo abbracciare pienamente le vite che abbiamo, per il momento in cui le abbiamo.

Solutions Collecting From Web of "Nessuna malattia da errore"