Nel giardino della fede, di Jenna Holst

C'è un uccello notturno nel mio giardino che rimane immobile durante le ore diurne, aspettando l'oscurità del crepuscolo prima di muoversi. È come un monaco che ascolta pazientemente il suono della campana che lo chiama alle meditazioni. Perché cosa può farlo rimanere solo, imperterrito dal sole cocente, sapendo pazientemente che l'oscurità arriverà sempre? Solo sotto l'ombrello della notte sarà libero. Libera da sfamare, spostare, nidificare, giocare, vivere, stare sotto il cielo stellato illuminato dalla luna.

Le calamità sono spesso descritte come "l'ora più buia" – l'assenza di luce – ma ho capito che è esattamente l'opposto. Le tragedie si verificano nella sovra presenza di luce. Così travolgente e potente, frantumano sia la ragione che l'emozione. Ci rendono ciechi alla verità che si trova dentro di noi e alla vera essenza della vita. La realtà sembra troppo terribile e ci spaventiamo; diventiamo paralizzati; facciamo male Siamo in fermento.

Tuttavia, è nel conseguente oscuramento della luce che iniziamo a guarire. Noi gridiamo, siamo costretti a cercare il significato e un maggior senso di sé e del potere da una Presenza divina. È da questo punto di oscurità che troviamo gratitudine e speranza, amore e coraggio e rivendiamo le verità del nostro essere. È nella solitudine dell'assenza di luce che troviamo una fede più profonda e riemergiamo in una giornata più dolce e delicata.

Diventiamo centrati e sereni, capaci di agire, di servire, di gioire, di rendere grazie, di riposare nell'essere e nel fare. Siamo in grado di andare avanti, spinti da una "piccola voce". È questa voce che promuove la promessa di armonia dentro di noi. Offre la speranza e i mezzi per il rinnovamento e la rigenerazione esteriori.

Nel corso delle sue generazioni, la mia famiglia ha incontrato calamità su piccola scala di tutte le descrizioni – naturali, esternamente imposte, auto-causate – che hanno colpito sia la vita personale che quella comunitaria. Alcuni di questi disastri sono facilmente comprensibili, alcuni misteriosi, altri completamente incomprensibili al nostro senso umano di correttezza. Con ogni incontro con un destino incalcolabile, la mia famiglia è sopravvissuta intatta. Ci siamo affidati alle nostre risorse interiori, trovando la forza di carattere e il coraggio di agire da quello spazio silenzioso dentro di noi e di benedire la vita. La nostra corda di fede ci guida in avanti.

Ma cos'è questa fede? Non è la religione, anche se è un elemento presente nella maggior parte delle religioni organizzate e dei percorsi spirituali. La fede è il trampolino di lancio verso l'equilibrio. L'equilibrio porta alla realizzazione di sé e della giusta azione. Nelle parole di Buddha:

"La fede è il precursore di tutte le azioni positive;
Quindi dovrebbe essere coltivato per primo.
Tutela tutte le qualità virtuose
E li valorizza pure. "

La Bibbia consiglia: "La fede è la sostanza delle cose sperate, l'evidenza di cose invisibili". Queste cose invisibili sono ciò che rende la vita degna di essere vissuta. La fede è il fondamento della speranza, dell'amore, del bene.

In definitiva, la fede dà forma alle nostre vite. Attraverso di essa troviamo la nostra ragione di essere, la nostra passione per il fare, la nostra gioia di vivere. Scopriamo la nostra umiltà, semplicità e devozione e troviamo espressione in una dimensione superiore attraverso il servizio. La sfida è rimanere saldi. Diventiamo obbedienti alla fede perché ci sostiene, perché senza di essa saremmo catturati in una trappola di depressione e ansia, non sapendo perché, come, o quale modo di trasformare in alcuna circostanza.

La fede consente la possibilità di miracoli manifestarsi nella nostra vita quotidiana – in nuove amicizie, lavoro significativo, una nuova casa, una buona collaborazione, nei ritmi dei tamburi, nelle strutture gloriose della natura e dell'uomo, nell'immaginario dell'arte, nelle melodie del colibrì, nel germogliare di una singola rosa.

La mancanza di fede ci rende ciechi nella paura, una paura che alla fine porta al fallimento del pensiero e delle azioni verso gli altri e noi stessi. Ciò che separa quelli con fede da quelli che ne sono privi, sono le scelte che fanno quando una crisi li colpisce improvvisamente. La crisi colpisce come un terremoto e poi ci sono lunghe notti di scosse di assestamento. Mi sono chiesto, come molti di noi hanno, "Ho ignorato i segni? Ero cieco? "Nessuno di noi può capire la ragione di un maremoto, una bomba o la malattia terminale di un bambino. Ma le ragioni non sono importanti. Ciò che è importante è il momento presente.

Le crisi spesso lasciano la loro preda in uno stato di shock e angoscia straziante per un po ', ma coloro che hanno fiducia intraprendono azioni, azioni positive nonostante sconvolgimenti emotivi. Per i miei antenati e per me, andare oltre il trauma inizia con il silenzio, ascoltando quella "ancora piccola voce", in una comunione non udibile con il divino. Ciò non vuol dire che non abbiamo gridato contro l'apparente ingiustizia, o che non abbiamo pianto. Loro fecero; L'ho fatto. Ma c'è una sensazione indescrivibile – un pensiero toccante – che dice ascolta … sii ancora … ascolta … .understand … Sono sopravvissuti. Sopravviverò.

Non facciamo né richieste né occasioni, né delineiamo un risultato attraverso i nostri motivi auto-motivati. Nel silenzio del riconoscimento orante e della gratitudine al nostro creatore universale e alla fiducia nella saggezza divina, siamo guidati al nostro prossimo livello. Il futuro inconoscibile stordisce, spaventa, poi emerge – a volte improvvisamente, e spesso senza preoccuparsi della natura fragile della psiche dell'umanità, ma emerge. E sì, la vita andrà avanti, continua. E sì, sarò cambiato; Sono cambiato Non si può tornare a una condizione troppo cresciuta. La fede permette di accettare questo, di avere il coraggio di affrontare il futuro, di stare fermi sotto i raggi di quella luce accecante, di sopravvivere per tutta la notte, di risvegliarsi in un'altra alba.

Il dolore indugia per un po 'di tempo; poi attraverso ogni contatto cosciente con lo Spirito, inizia a diminuire. Noi vacilliamo, esitiamo, cadiamo, rimaniamo in posizione, procediamo lentamente, e anche se troviamo difficile, alla fine accettiamo. Riconosciamo che esiste una forza al di là di noi stessi che si prende cura immensamente e tende eternamente la sua amata. Perché non abbiamo pianto per le nostre perdite, ma per il fatto che ci siamo persi, che credevamo di essere separati, per quanto brevemente, dall'Amore divino, dall'onnipresente e onnisciente potere che ci ha creati per la nostra stagione.

Sono arrivato a questa conclusione non attraverso la saggezza o l'esperienza – quelli hanno solo rafforzato la mia visione – ma attraverso la mia famiglia, attraverso le sue generazioni di fede.

L'autrice Jenna Holst ha viaggiato molto e ha vissuto nell'Africa meridionale e in Europa. Il suo lavoro è apparso in numerose pubblicazioni internazionali e nazionali, e puoi saperne di più su di lei su www.jenna.holst.com. Questo estratto è tratto dal manoscritto attuale di Jenna, Generations of Faith.

Solutions Collecting From Web of "Nel giardino della fede, di Jenna Holst"