Nel 2016: abilitazione, non riabilitazione

Il pendolo ha oscillato durante molti decenni. All'estremo opposto, una visione prevalente negli anni '60 e negli anni '70 era che quasi ogni trasgressore poteva essere riscattato attraverso la partecipazione a una varietà di programmi e un'estesa consulenza. Poi un'era di nichilismo terapeutico ha spazzato il paese in una "dura" campagna criminale. L'opinione prevalente divenne che la riabilitazione era uno spreco di risorse, che gli sforzi erano inutili. L'enfasi si spostò su "incapacitazione" o punizione. Non importa che quasi tutti gli uomini, le donne e i bambini rinchiusi alla fine tornerebbero alla comunità invariati.

Se si cerca la parola "riabilitare" nel dizionario, significa ripristinare qualcuno o qualcosa a una precedente condizione costruttiva. Si riabilita un edificio storico fatiscente per riportarlo alla sua antica grandezza. I fisioterapisti si sforzano di riabilitare i pazienti in modo che recuperino le funzioni che avevano una volta, come una gamma completa di movimento nella spalla.

A cosa serve per "riabilitare" molti trasgressori che hanno fallito nel corso delle loro vite per soddisfare i requisiti degli altri, hanno infranto la legge e chi non ha sviluppato un concetto operativo di danno agli altri? Non esiste alcuna condizione costruttiva precedente a cui ripristinarli. Lo scopo del compito del cambiamento è molto più grande della "riabilitazione".

Al centro del fallimento di molti sforzi per aiutare i trasgressori al cambiamento è la convinzione che a loro siano state negate opportunità e carenza di istruzione, abilità sociali, capacità lavorative e conoscenza di come gestire le finanze. Quindi, il pensiero è stato, se si può equipaggiare i criminali con tali competenze, diventeranno cittadini responsabili. Molti dei programmi sono stati ben implementati con personale e strutture eccellenti. Ma i risultati, tuttavia, sono tristi. Se un criminale padroneggia le abilità di carpenteria, il risultato è un criminale che è un falegname. L'apprendimento di tali abilità non cambia di per sé i modelli di pensiero e di comportamento di base che durano tutta la vita. A che servono le nuove abilità acquisite se non si presenta per lavoro in tempo, ruba dal luogo di lavoro e non riesce a svolgere un lavoro di qualità? Questi sforzi parziali sono utili tanto quanto versare una salsa deliziosa su carne rancida.

La riabilitazione professionale e altri programmi di abilità sociali sono importanti per vivere in modo indipendente e responsabile. Ma da soli, sono insufficienti. Il comportamento è un prodotto del pensiero. Se qualcuno di noi cerca di cambiare qualcosa su noi stessi, dobbiamo diventare consapevoli di schemi di pensiero errati che danno origine a comportamenti indesiderabili. E, naturalmente, dobbiamo raggiungere un punto in cui crediamo che il comportamento sia distruttivo per noi stessi o per gli altri – vale a dire, sviluppare una motivazione interna per cambiare.

Per i trasgressori di apportare cambiamenti significativi e duraturi, un processo di "abilitazione", non "riabilitazione" è essenziale. Ci sono voluti molto tempo per i professionisti della salute mentale, delle correzioni e dei campi alleati per riconoscere e sostenere "l'abilitazione" come concetto centrale nel loro lavoro.

Si spera che nel 2016, con l'attuale enfasi nazionale sulla riforma delle pratiche di giustizia criminale, adotteremo il concetto di "abilitazione" piuttosto che continuare a pagare le labbra per aiutare i trasgressori a cambiare ("riabilitazione") e calpestare percorsi familiari e polverosi fino alla morte finisce. Concentrandosi sul concetto più ampio di "abilitazione", aiuteremo i trasgressori a riconoscere i loro errori nel pensare, quindi a implementare concetti correttivi ea vivere vite responsabili.

Solutions Collecting From Web of "Nel 2016: abilitazione, non riabilitazione"