Neil Gaiman e Process Philosophy

Un paio di settimane fa, avevo bisogno di una pausa dagli eventi attuali, e mi sono imbattuto negli Dei americani di Neil Gaiman su raccomandazione di mia sorella, che ha detto che era uno dei suoi libri preferiti. Avevo provato a leggere il romanzo qualche anno fa e non ci riuscivo, così ho scaricato l'edizione del decimo anniversario sul Kindle e aggiunto la narrazione Audible. In questo modo ho potuto leggere alla vecchia maniera, anche se elettronicamente, e anche ascoltare in macchina. Mi sono ritrovato attratto dalla narrativa e dal ricco simbolismo tratto dalle culture di tutto il mondo. Senza entrare troppo nella sinossi, la premessa del libro è che gli antichi dèi del mondo sono immigrati in America con i loro seguaci, ma stanno morendo per mancanza di fiducia. Le nuove divinità di internet, le autostrade e i media hanno preso il loro posto e sono agli ultimi spasimi di una guerra per sradicare definitivamente gli antichi dèi. Il protagonista, Shadow, e il suo capo, mercoledì, uno dei vecchi dei (indovina chi?), Intraprendono una ricerca che è in parte viaggio in auto e parte soggiorno attraverso la piccola città America e che comprende varie attrazioni lungo la strada (Rock La città, per esempio, ha un posto di rilievo).

La mia parte preferita accade quando Shadow (un riferimento al Virgilio di Dante?), Che è un ex detenuto che ha appena perso sua moglie, ha un sogno pieno di simbolismi tratti dalle credenze dei nativi americani e forse dalla credenza indiana (il subcontinente) in reincarnazione (vedere cap. 11). Si arrampica su una torre di teschi, alcuni animali e alcuni umani, forse i suoi teschi da vite precedenti. Gli stormi di tuono circondano il suo corpo, e la tempesta si accumula: "La torre cominciò a ruzzolare, e l'uccello più grande, con gli occhi accecanti di un fulmine biforcuto, precipitò verso di lui in un lampo di tuono, e Shadow stava cadendo, rotolando giù la torre di teschi … "L'ombra si sveglia, e mercoledì, il suo mentore nei misteri legati a Dio, gli dà una scopata allacciata al sogno:" So cosa stavi sognando. Tutti dannatamente sanno cosa stavi sognando. Cristo onnipotente. Qual è il punto in cui ti nascondi se hai intenzione di iniziare a fare pubblicità? "Sembra che, quando sogni i tuoni, i riverberi di quel sogno echeggino in tutto il mondo degli spiriti. Shadow, all'epoca, era stato in fuga, e il sogno gli aveva rivelato dove si trovava. Infatti, mentre incontra altri dei nel suo viaggio, gli chiedono del sogno, e il senso è che il viaggio psichico dell'Ombra si increspa verso l'esterno attraverso l'America fantasmatica.

Mentre stavo leggendo questo romanzo, ho pensato a un corso di filosofia che sto insegnando a laureandi del filosofo, logico e matematico, Alfred North Whitehead, che è il fondatore del pensiero processuale. Nella vista del processo, non esiste nulla di simile a un'entità statica: in senso stretto, non ci sono assolutamente nient'altro che livelli di complessità nidificati. La persona, o il sé, di conseguenza, si manifesta o si sviluppa tra le entità, come un tessuto denso di interrelazioni (per la maggior parte dei lettori, questo richiama alla mente la dottrina buddista del "non sé"). Whitehead scrive, "il problema della filosofia è … la comprensione delle interconnessioni delle cose" (66), e la sua intera filosofia può essere intesa come un lungo tentativo di unire insieme i domini del pensiero in un'unica prospettiva coerente. Mettendolo in modo abbastanza crudele, "ogni entità, di qualunque tipo, implica essenzialmente la propria connessione con l'universo di altre cose" (66). Ciò significa che la filosofia del processo sottrae i tradizionali dualismi dell'Occidente, tra sé e l'altro, dentro e fuori, conscio e inconscio, e così via. In effetti, non riesco a pensare a un io senza i miei rapporti con gli altri, se le persone reali nella mia vita oi personaggi nei romanzi o le persone morte e viventi di cui leggo i libri. Devo anche considerare le caratteristiche di me stesso e la natura della mente dipendente dalla materia. Ma poi anche la distinzione tra eventi mentali ed eventi "nel mondo" comincia a crollare.

Per inserire questo nel contesto di una narrativa di vita, i miei sogni non appartengono solo a me stesso ma a tutte le persone e le cose e i processi non umani con cui condivido questa terra. La terra fluisce attraverso di me, e la mia visione del mondo, a sua volta, riecheggia di nuovo nei miei dintorni. A rigor di termini, non esiste una "vita privata", non una pura interiorità, né qualcosa di strettamente esteriore a me stesso. Mi viene in mente l'immagine di Hofstadter dello "strano loop", la striscia di Möbius del sé, che sembra avere solo due lati. Da questo strano, ma apparentemente inconfutabile modo di guardare la mente e la coscienza, posso solo vedere me stesso come immerso nei processi che avvengono intorno a me e fluiscono attraverso di me. Appartengo alla cultura nello stesso modo in cui la patch appartiene alla trapunta o la goccia appartiene al flusso. E la cultura americana sembra attraversare quelli che sembrano tempi bui. Non abbiamo accesso alla vista dell'occhio di Dio, quindi dovremo accontentarci di mortali e dei.

Torna a Dante, che descrisse con vivido dettaglio i cerchi dell'Inferno. Tutto inizia, naturalmente, in un "bosco oscuro", e Dante il pellegrino sta per essere mostrato innumerevoli tormenti in attesa degli infedeli. L'inferno, alla fine, è un lago ghiacciato, e finisce, non con il fuoco, ma con il ghiaccio, il che mi fa pensare alla freddezza del cuore, alla mancanza di attenzione e preoccupazione per gli altri. Ma qui, all'inizio, nel bosco, Dante osserva che "se dimostrassi il bene che ne è derivato / devo parlare di cose diverse dal bene" (I.8-9). Il pellegrino, l'eroe deve subire il viaggio, deve realizzare la sua parte nel processo e comprendere le implicazioni di ogni azione e disposizione. Quindi Dante, indagando sui lussuriosi e golosi, gli ipocriti e ladri, guarda non solo in qualche paesaggio immaginario, ma anche nel suo stesso cuore. Il messaggio può essere estrapolato dal suo contesto moralista cristiano e applicato al tema generale dell'autoindagine, che equivale in realtà ad analizzare le interconnessioni tra quelli che sono comunemente chiamati "sé" e "mondo".

Se dovessi trarre una lezione per il nostro viaggio attraverso l'oscurità dell'America contemporanea, direi che, sì, i tempi sono bui. Ma l'oscurità è anche quando i sogni arrivano e i sogni possono essere potenti. Forse se tutti sogniamo abbastanza del tipo di sogno di Thunderbird, gli effetti a catena trasformeranno questo momento da uno di dolore a uno di nuovi inizi. Ma non dobbiamo ancora precipitarci al simbolismo della primavera e della risurrezione: sappiamo tutti che, nella lingua del simbolismo, deve esserci prima una morte. Cosa esattamente morirà o è morto, non possiamo dire. Ci facciamo strada attraverso l'oscurità, sperando di incontrare alcuni dei sulla strada.

Solutions Collecting From Web of "Neil Gaiman e Process Philosophy"