Negare il determinismo

Dominoes

Lo scorso semestre ho insegnato un nuovo seminario sulla psicologia del libero arbitrio. Il risultato della classe – e di una ricchezza di ricerche recenti sull'argomento – era che le prove a favore del libero arbitrio sono deboli. Abbiamo tutti la sensazione profonda di essere liberi agenti, maestri del nostro destino che scelgono le nostre azioni sulla base di un ragionevole ragionamento o, in alcuni casi, di un semplice capriccio. Ma comunque veniamo alle nostre decisioni, abbiamo la netta sensazione che siamo noi a decidere.

Il problema, naturalmente, è che il determinismo sembra funzionare così bene in ogni altra area della natura. Il mondo fisico sembra essere abbastanza lecito. Con l'espandersi delle nostre conoscenze di fisica e chimica, abbiamo anche la capacità di prevedere e controllare gli eventi naturali. Funziona tutto abbastanza bene, rendendo le nostre vite sempre più prevedibili. Se, d'altra parte, alle nostre auto, generi alimentari e mobili per il soggiorno fosse concessa la libertà di agire come vogliono, in conformità con le leggi della fisica, o no, dovremmo affrontare alcune sfide serie. La vita diventerebbe casuale e caotica.

Allora perché il comportamento umano è così speciale? Ha senso che noi soli dovremmo distinguerci dal resto della natura? È ragionevole pensare che gli umani possiedano una mente non-materiale che prende decisioni per il corpo materiale ma non è essa stessa causata o determinata da qualcos'altro? Un'entità spettrale che fluttua sopra il normale meccanismo di orologeria della biologia e della fisica.

Questa è una domanda con cui i filosofi hanno lottato per secoli, e non tenterò di risolverlo qui. Ma alcune cose sono chiare. Primo, la fede in un libero arbitrio consapevole è forte e ampiamente condivisa. Quando ti svegli e decidi quali vestiti indossare la mattina, sembra abbondantemente ovvio che sei stato tu a decidere. Hai scelto i pantaloni di velluto a coste beige e il maglione verde, ma ti sei sentito un po 'diverso, potresti aver scelto la gonna scozzese e il dolcevita bianco. Anche nelle società asiatiche in cui ci aspettiamo di trovare più atteggiamenti collettivisti e un diminuito senso di individualismo, la fede in una volontà cosciente individuale è forte.

Inoltre, se il nostro senso di volontà è genuino o meno, ci piace. Nella maggior parte dei casi, preferiamo sentirci in controllo. Se accusati di fare qualcosa di sbagliato, possiamo affermare che non avevamo scelta, perso il controllo o, per qualche altro motivo, non eravamo realmente responsabili. Non dovremmo essere biasimati. Ma la maggior parte delle volte cerchiamo un senso di agenzia e controllo. Vogliamo essere i padroni del nostro destino e ricevere credito per le cose che realizziamo. Parte di quel senso di maestria deriva dalla prevedibile natura del mondo che ci circonda. I processi naturali del mondo deterministico sono un conforto per noi. Quando spostiamo oggetti fisici, si comportano in modi che siamo arrivati ​​a comprendere e ad aspettarci. Le stagioni, il crescere e il calare del giorno, i movimenti dei corpi idrici recitano tutti i loro ruoli come hanno fatto per tutto il tempo che possiamo ricordare.

Ma a volte il mondo naturale ci delude e ci rivolgiamo al soprannaturale. Queste interruzioni nel solito ordine sono piuttosto interessanti e ci sono abbastanza esempi per riempire molti post del blog. In futuro, scriverò sull'uso dei miracoli come prova dell'esistenza di Dio, degli eccitanti personaggi fittizi della natura con poteri soprannaturali e del nostro sentimento di timore e incredulità per le apparenze apparentemente impossibili del mago di scena. Tutti questi casi rappresentano interruzioni interessanti dal mondo naturalistico.

Ma per ora consideriamo la superstizione, l'argomento principale di questo blog. La superstizione è un altro tipo di negazione del determinismo. Quando il mondo deterministico non riesce a portarci le cose che vogliamo con sufficiente certezza, ci rivolgiamo a forze al di là della fisica standard. Spesso c'è una catena causale di eventi, ma non riusciamo a inserirci in essa con sufficiente influenza o certezza. Ad esempio, mentre attendiamo i risultati di un test medico, comprendiamo che esiste un processo naturale che si tradurrà in un risultato positivo o negativo. Ma questo processo sta andando avanti da qualche altra parte, al di fuori della nostra gamma di visione, e, in questa fase avanzata del processo, non abbiamo alcun ruolo nella catena di eventi. La malattia è stata acquisita o evitata e non c'è nulla che possiamo fare al riguardo ora. È troppo tardi perché qualsiasi processo naturale abbia un effetto. Tuttavia, poiché abbiamo un senso della volontà e preferiamo sentirci come se avessimo il controllo, spesso siamo disposti a negare la natura deterministica della nostra situazione e a rivolgersi al soprannaturale per ottenere sollievo. Se eseguire un rito scaramantico o indossare un gioiello fortunato nel giorno in cui si ricevono i risultati del test avrà qualche effetto sul risultato, dobbiamo essere disposti a negare i soliti limiti di un mondo scientifico. Almeno per un momento.

Quando ci rivolgiamo alla superstizione, stiamo usando il senso di volontà sul nostro comportamento e sul mondo che ci circonda – tutto ciò potrebbe essere un'illusione in primo luogo – ma in questo caso stiamo estendendo questo senso ancor più del solito. In circostanze normali, abbiamo l'illusione di controllare parti del mondo naturale e, nella maggior parte dei casi, le nostre azioni hanno effetti prevedibili e prevedibili. Ma quando il mondo deterministico non riesce a garantirci le cose che vogliamo, è probabile che estendiamo il nostro illusorio senso di volontà in luoghi che la scienza dice che non può andare. Per la maggior parte del tempo, un prevedibile mondo deterministico ci serve abbastanza bene, ma quando scarseggiamo, siamo piuttosto disposti a negare il determinismo e a rivolgersi a mezzi di influenza magici.

Solutions Collecting From Web of "Negare il determinismo"